Crescono le importazioni tedesche premium-price

di lettura

L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per Tribuna Economica, documenta diffuse opportunità premium-price: nel 2017 gli acquisti della Germania dal mondo riconducibili alle fasce alta e Medio-alta di prezzo hanno raggiunto la cifra record di 324.1 miliardi di euro (+4.1 miliardi rispetto all’anno precedente).

Importazioni tedesche premium-price a quota 324.1 miliardi di euro

La Germania presenta valori particolarmente elevati di importazioni “premium-price” in numerosi
comparti:

Agroalimentare

Il mercato tedesco è al primo posto assoluto a livello mondiale per importazioni di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017 nei settori “Latte, yogurt, burro e formaggi” e “Confectionery”, con una presenza delle vendite italiane particolarmente elevata (rispettivamente del 16 e del 14 per cento); al 2° posto e al 4° posto a livello mondiale per importazioni premium-price rispettivamente nei settori “Ortaggi e frutta lavorati e confezionata” e “Acqua e bevande analcoliche”; il 6° mercato mondiale per importazioni di fascia alta e Medio-alta nel 2017, con una presenza italiana rilevante (16% delle vendite “premium-price”), nel settore “Carne e pesce lavorati e confezionati“.

Sistema moda

Nel sistema moda, il mercato tedesco risulta al 2° posto assoluto a livello mondiale per importazioni di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017 nei settori “Calzature”, “Biancheria intima e calzetteria”e “Abbigliamento esterno”, con quote italiane pari rispettivamente al 14, 15 e 22 per cento. La Germania evidenzia, inoltre, valori significativi delle importazioni “premium-price” anche nei settori “Profumi e cosmesi”, “Gioielleria, orologi e bigiotteria” e “Borse, valigie e portafogli”; in quest’ultimo settore si segnala, inoltre, una quota italiana particolarmente elevata (pari al 30% delle importazioni di fascia alta e Medio-alta del mercato).

Sistema casa

Nel sistema casa, il mercato tedesco presenta potenzialità “premium-price” particolarmente rilevanti nei settori “Elettronica di consumo”, “Elettrodomestici” (con una quota Italia del 12%), “Mobili ed arredo”, “Prodotti per la casa in legno” e “Illuminotecnica” (con una quota Italia di ben il 20%), risultando sempre tra i primi tre paesi importatori mondiali di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017.

Sistema salute

Nel sistema salute (prodotti e strumenti), si segnalano valori particolarmente elevati delle importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo di “Farmaci” (30.3 miliardi di euro, che ne fanno il secondo importatore mondiale nel 2017), “Siringhe, protesi e altri prodotti salute” (4° paese importatore mondiale) ed “Elettromedicali” (4° posto al mondo).

Meccanica strumentale

Nella meccanica strumentale, si segnalano i buoni piazzamenti del mercato tedesco sui segmenti “premium-price” nei settori “Macchine alimentari” (4° posto a livello mondiale per import di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017), “Macchine per estrusione” (4°), “Macchine automatiche per il confezionamento e l’imballaggio” (4°, con una quota italiana del 31%), “Macchine utensili per metalli” (6° e un valore complessivo pari a 2.3 miliardi di euro) e “Macchine per la lavorazione dei metalli” (5°).

Meccanica varia

Nella meccanica varia, si segnalano il primo posto assoluto del mercato tedesco sui segmenti “premiumprice” nel settore “Cuscinetti, ingranaggi e organi di trasmissione”, il secondo posto nel settore “Pompe e filtri” e posizioni comunque rilevanti nei settori “Rubinetteria e valvole” (4° posto), “Strumenti e attrezzature medico e dentistici” (5°) e “Apparecchi di sollevamento e movimentazione” (5°). Si segnala, tuttavia, una presenza italiana marginale - quando non del tutto assente - sul mercato tedesco nei segmenti “premium-price”.

Filiera automotive

Nella filiera automotive, valori particolarmente elevati caratterizzano le importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo di “Automobili, autobus e roulotte” e di “Motori e telai per autoveicoli” (entrambi al 2° posto a livello mondiale), “Aerei e altri aeromobili” (4° posto) e “Motori ed altre componenti per aerei” (5°).

Elettronica

Nell’elettronica si segnalano i valori rilevanti delle importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo di “Apparecchiature per le comunicazioni” (16.1 miliardi di euro, che ne fanno il 5° mercato mondiale sui segmenti “premium-price”), “Parti di computer e altre macchine per ufficio” (16 miliardi di euro), “Computer e unità periferiche” (9.9 miliardi di euro) e “Strumenti di misura” (6.1 miliardi di euro); si segnala, tuttavia, una presenza italiana marginale

  • quando non del tutto assente
  • sul mercato tedesco nei segmenti “premium-price”.

Elettrotecnica

Nell’elettrotecnica, si segnalano, invece, i settori “Fili e cavi, interruttori, spine, prese e quadri elettrici” (5.2 miliardi di euro di importazioni tedesche “premium-price”, di cui il 3 per cento proveniente dall’Italia), “Motori, generatori e trasformatori elettrici” (4.2 miliardi di euro) e “Quadri elettrici” (3 miliardi di euro).

Chimica

Nella chimica, infine, si registrano i valori più rilevanti nelle importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo nei settori “Prodotti chimici per l’industria” (1.9 miliardi di euro nel 2017 - di cui il 3% dall’Italia - che fanno della Germania il terzo paese importatore sui segmenti “premium-price”), “Inchiostri” (1.6 miliardi di euro, con la Germania 1° paese importatore al mondo sui segmenti “premium-price”), “Olii essenziali,adesivi e colle” (1.5 miliardi di euro, corrispondente alla 4^ performance a livello mondiale nel 2017).

Marcello Antonioni
Fonte Sistema Informativo Ulisse

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Secondo il recente report dell’Istat, nel 2020, il 38,5% delle aziende zootecniche italiane ha una gestione informatizzata degli allevamenti (rispetto al 6,6% del 2010).
Previsioni export Confindustria e indici PMI dell’eurozona
Previsioni export Confindustria e indici PMI dell’eurozona
Il PIL italiano tornerà in territorio positivo nel 2° trimestre 2021 dopo la contrazione (-0,4%) registrata nel trimestre precedente. Un forte rimbalzo atteso nel 3° trimestre.
I 30 brand italiani di maggior valore
I 30 brand italiani di maggior valore
Secondo Kantar i marchi italiani entrati nella Top 30 hanno generato ricavi per 114,5 miliardi di dollari (+11% rispetto all’anno precedente).
SACE: Focus on Colombia
SACE: Focus on Colombia
La Colombia è il terzo Paese dell’America Latina per dimensioni demografiche (51 milioni di abitanti) e quarto per Pil dopo Brasile, Messico e Argentina.
Bollettino economico Banca d’Italia Aprile 2021
Bollettino economico Banca d’Italia Aprile 2021
La prosecuzione delle campagne di vaccinazione e il forte sostegno delle politiche monetarie e fiscali si riflettono in un deciso miglioramento delle prospettive di medio termine.
SACE - Simest: Export italiano Febbraio 2021
SACE - Simest: Export italiano Febbraio 2021
Nei primi due mesi del 2021 l'export italiano di beni registra una contrazione pari al 6,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Andamento Euro-coin
Andamento Euro-coin
€-coin è l’indicatore sviluppato dalla Banca d’Italia che fornisce una stima sintetica del quadro congiunturale corrente nell’area dell’euro.
Comportamenti d’acquisto dei consumatori di prodotti food
Comportamenti d’acquisto dei consumatori di prodotti food
Eurobarometro ha analizzato i comportamenti e le opinioni dei consumatori europei nei confronti delle modalità di scelta e di acquisto dei prodotti alimentari.
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).