Crescono le importazioni tedesche premium-price

di lettura

L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per Tribuna Economica, documenta diffuse opportunità premium-price: nel 2017 gli acquisti della Germania dal mondo riconducibili alle fasce alta e Medio-alta di prezzo hanno raggiunto la cifra record di 324.1 miliardi di euro (+4.1 miliardi rispetto all’anno precedente).

Image

La Germania presenta valori particolarmente elevati di importazioni “premium-price” in numerosi
comparti:

Agroalimentare

Il mercato tedesco è al primo posto assoluto a livello mondiale per importazioni di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017 nei settori “Latte, yogurt, burro e formaggi” e “Confectionery”, con una presenza delle vendite italiane particolarmente elevata (rispettivamente del 16 e del 14 per cento); al 2° posto e al 4° posto a livello mondiale per importazioni premium-price rispettivamente nei settori “Ortaggi e frutta lavorati e confezionata” e “Acqua e bevande analcoliche”; il 6° mercato mondiale per importazioni di fascia alta e Medio-alta nel 2017, con una presenza italiana rilevante (16% delle vendite “premium-price”), nel settore “Carne e pesce lavorati e confezionati“.

Sistema moda

Nel sistema moda, il mercato tedesco risulta al 2° posto assoluto a livello mondiale per importazioni di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017 nei settori “Calzature”, “Biancheria intima e calzetteria”e “Abbigliamento esterno”, con quote italiane pari rispettivamente al 14, 15 e 22 per cento. La Germania evidenzia, inoltre, valori significativi delle importazioni “premium-price” anche nei settori “Profumi e cosmesi”, “Gioielleria, orologi e bigiotteria” e “Borse, valigie e portafogli”; in quest’ultimo settore si segnala, inoltre, una quota italiana particolarmente elevata (pari al 30% delle importazioni di fascia alta e Medio-alta del mercato).

Sistema casa

Nel sistema casa, il mercato tedesco presenta potenzialità “premium-price” particolarmente rilevanti nei settori “Elettronica di consumo”, “Elettrodomestici” (con una quota Italia del 12%), “Mobili ed arredo”, “Prodotti per la casa in legno” e “Illuminotecnica” (con una quota Italia di ben il 20%), risultando sempre tra i primi tre paesi importatori mondiali di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017.

Sistema salute

Nel sistema salute (prodotti e strumenti), si segnalano valori particolarmente elevati delle importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo di “Farmaci” (30.3 miliardi di euro, che ne fanno il secondo importatore mondiale nel 2017), “Siringhe, protesi e altri prodotti salute” (4° paese importatore mondiale) ed “Elettromedicali” (4° posto al mondo).

Meccanica strumentale

Nella meccanica strumentale, si segnalano i buoni piazzamenti del mercato tedesco sui segmenti “premium-price” nei settori “Macchine alimentari” (4° posto a livello mondiale per import di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017), “Macchine per estrusione” (4°), “Macchine automatiche per il confezionamento e l’imballaggio” (4°, con una quota italiana del 31%), “Macchine utensili per metalli” (6° e un valore complessivo pari a 2.3 miliardi di euro) e “Macchine per la lavorazione dei metalli” (5°).

Meccanica varia

Nella meccanica varia, si segnalano il primo posto assoluto del mercato tedesco sui segmenti “premiumprice” nel settore “Cuscinetti, ingranaggi e organi di trasmissione”, il secondo posto nel settore “Pompe e filtri” e posizioni comunque rilevanti nei settori “Rubinetteria e valvole” (4° posto), “Strumenti e attrezzature medico e dentistici” (5°) e “Apparecchi di sollevamento e movimentazione” (5°). Si segnala, tuttavia, una presenza italiana marginale - quando non del tutto assente - sul mercato tedesco nei segmenti “premium-price”.

Filiera automotive

Nella filiera automotive, valori particolarmente elevati caratterizzano le importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo di “Automobili, autobus e roulotte” e di “Motori e telai per autoveicoli” (entrambi al 2° posto a livello mondiale), “Aerei e altri aeromobili” (4° posto) e “Motori ed altre componenti per aerei” (5°).

Elettronica

Nell’elettronica si segnalano i valori rilevanti delle importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo di “Apparecchiature per le comunicazioni” (16.1 miliardi di euro, che ne fanno il 5° mercato mondiale sui segmenti “premium-price”), “Parti di computer e altre macchine per ufficio” (16 miliardi di euro), “Computer e unità periferiche” (9.9 miliardi di euro) e “Strumenti di misura” (6.1 miliardi di euro); si segnala, tuttavia, una presenza italiana marginale

  • quando non del tutto assente
  • sul mercato tedesco nei segmenti “premium-price”.

Elettrotecnica

Nell’elettrotecnica, si segnalano, invece, i settori “Fili e cavi, interruttori, spine, prese e quadri elettrici” (5.2 miliardi di euro di importazioni tedesche “premium-price”, di cui il 3 per cento proveniente dall’Italia), “Motori, generatori e trasformatori elettrici” (4.2 miliardi di euro) e “Quadri elettrici” (3 miliardi di euro).

Chimica

Nella chimica, infine, si registrano i valori più rilevanti nelle importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo nei settori “Prodotti chimici per l’industria” (1.9 miliardi di euro nel 2017 - di cui il 3% dall’Italia - che fanno della Germania il terzo paese importatore sui segmenti “premium-price”), “Inchiostri” (1.6 miliardi di euro, con la Germania 1° paese importatore al mondo sui segmenti “premium-price”), “Olii essenziali,adesivi e colle” (1.5 miliardi di euro, corrispondente alla 4^ performance a livello mondiale nel 2017).

Marcello Antonioni
Fonte Sistema Informativo Ulisse

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Le imprese di biotecnologie in Italia
Le imprese di biotecnologie in Italia
L’industria biotecnologica italiana si caratterizza per una forte intensità di ricerca e sviluppo con punte di eccellenza in tutti i settori di applicazione delle biotecnologie.
Il turismo europeo di alta gamma
Il turismo europeo di alta gamma
I brand europei di alta gamma detengono il 72% del mercato del lusso mondiale, rappresentano il 10% del valore dell’export totale e generano il 4% del PIL europeo (€ 800 miliardi di fatturato complessivo).
Stime della Commissione europea primavera 2022
Stime della Commissione europea primavera 2022
La piena ripresa economica dell’Unione europea dagli impatti della pandemia è stata compromessa dall'invasione russa dell'Ucraina.
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Il Rapporto analizza le produzioni di eccellenza, l’offerta ristorativa, gli agriturismi, i musei del gusto, le Strade del vino e il posizionamento del sistema eno-gastro-turistico italiano.
La cosmetica in Lombardia
La cosmetica in Lombardia
Assolombarda e Cosmetica Italia hanno pubblicato dati aggiornati sul settore cosmetico lombardo e sulle principali destinazioni del made in Italy.
Foreign Direct Investment 2021
Foreign Direct Investment 2021
I flussi globali degli Investimenti Diretti Esteri sono aumentati dell'88% nel 2021 a 1.815 miliardi di USD (+37% rispetto ai livelli pre-pandemici). Tuttavia, le prospettive restano incerte, dato l'attuale contesto geopolitico.
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
Tra gennaio e febbraio 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del +22,6% in termini tendenziali mostrando, da un lato, una componente di rimbalzo rispetto a inizio 2021, e dall’altro, una forte crescita dei valori esportati a fronte di un aumento più contenuto dei volumi.
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Secondo il Focus SACE, il 2021 è stata un’annata scarsa per la produzione mondiale di vino: 250 milioni di ettolitri (-4% rispetto al 2020 e -7% rispetto alla media ventennale).
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Il Rapporto dell’Istat sulla competitività dei settori produttivi fornisce un quadro informativo sulla struttura, la performance e la dinamica del sistema produttivo italiano.
L’economia globale del benessere
L’economia globale del benessere
Il rapporto del Global Wellness Institute stila una classifica di 150 paesi in base alla loro spesa annuale in 11 comparti del settore benessere (alimentazione, attività fisica, bellezza, benessere mentale...).