Crescono le importazioni tedesche premium-price

di lettura

L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per Tribuna Economica, documenta diffuse opportunità premium-price: nel 2017 gli acquisti della Germania dal mondo riconducibili alle fasce alta e Medio-alta di prezzo hanno raggiunto la cifra record di 324.1 miliardi di euro (+4.1 miliardi rispetto all’anno precedente).

Image

La Germania presenta valori particolarmente elevati di importazioni “premium-price” in numerosi
comparti:

Agroalimentare

Il mercato tedesco è al primo posto assoluto a livello mondiale per importazioni di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017 nei settori “Latte, yogurt, burro e formaggi” e “Confectionery”, con una presenza delle vendite italiane particolarmente elevata (rispettivamente del 16 e del 14 per cento); al 2° posto e al 4° posto a livello mondiale per importazioni premium-price rispettivamente nei settori “Ortaggi e frutta lavorati e confezionata” e “Acqua e bevande analcoliche”; il 6° mercato mondiale per importazioni di fascia alta e Medio-alta nel 2017, con una presenza italiana rilevante (16% delle vendite “premium-price”), nel settore “Carne e pesce lavorati e confezionati“.

Sistema moda

Nel sistema moda, il mercato tedesco risulta al 2° posto assoluto a livello mondiale per importazioni di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017 nei settori “Calzature”, “Biancheria intima e calzetteria”e “Abbigliamento esterno”, con quote italiane pari rispettivamente al 14, 15 e 22 per cento. La Germania evidenzia, inoltre, valori significativi delle importazioni “premium-price” anche nei settori “Profumi e cosmesi”, “Gioielleria, orologi e bigiotteria” e “Borse, valigie e portafogli”; in quest’ultimo settore si segnala, inoltre, una quota italiana particolarmente elevata (pari al 30% delle importazioni di fascia alta e Medio-alta del mercato).

Sistema casa

Nel sistema casa, il mercato tedesco presenta potenzialità “premium-price” particolarmente rilevanti nei settori “Elettronica di consumo”, “Elettrodomestici” (con una quota Italia del 12%), “Mobili ed arredo”, “Prodotti per la casa in legno” e “Illuminotecnica” (con una quota Italia di ben il 20%), risultando sempre tra i primi tre paesi importatori mondiali di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017.

Sistema salute

Nel sistema salute (prodotti e strumenti), si segnalano valori particolarmente elevati delle importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo di “Farmaci” (30.3 miliardi di euro, che ne fanno il secondo importatore mondiale nel 2017), “Siringhe, protesi e altri prodotti salute” (4° paese importatore mondiale) ed “Elettromedicali” (4° posto al mondo).

Meccanica strumentale

Nella meccanica strumentale, si segnalano i buoni piazzamenti del mercato tedesco sui segmenti “premium-price” nei settori “Macchine alimentari” (4° posto a livello mondiale per import di fascia alta e Medio-alta di prezzo nel 2017), “Macchine per estrusione” (4°), “Macchine automatiche per il confezionamento e l’imballaggio” (4°, con una quota italiana del 31%), “Macchine utensili per metalli” (6° e un valore complessivo pari a 2.3 miliardi di euro) e “Macchine per la lavorazione dei metalli” (5°).

Meccanica varia

Nella meccanica varia, si segnalano il primo posto assoluto del mercato tedesco sui segmenti “premiumprice” nel settore “Cuscinetti, ingranaggi e organi di trasmissione”, il secondo posto nel settore “Pompe e filtri” e posizioni comunque rilevanti nei settori “Rubinetteria e valvole” (4° posto), “Strumenti e attrezzature medico e dentistici” (5°) e “Apparecchi di sollevamento e movimentazione” (5°). Si segnala, tuttavia, una presenza italiana marginale - quando non del tutto assente - sul mercato tedesco nei segmenti “premium-price”.

Filiera automotive

Nella filiera automotive, valori particolarmente elevati caratterizzano le importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo di “Automobili, autobus e roulotte” e di “Motori e telai per autoveicoli” (entrambi al 2° posto a livello mondiale), “Aerei e altri aeromobili” (4° posto) e “Motori ed altre componenti per aerei” (5°).

Elettronica

Nell’elettronica si segnalano i valori rilevanti delle importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo di “Apparecchiature per le comunicazioni” (16.1 miliardi di euro, che ne fanno il 5° mercato mondiale sui segmenti “premium-price”), “Parti di computer e altre macchine per ufficio” (16 miliardi di euro), “Computer e unità periferiche” (9.9 miliardi di euro) e “Strumenti di misura” (6.1 miliardi di euro); si segnala, tuttavia, una presenza italiana marginale

  • quando non del tutto assente
  • sul mercato tedesco nei segmenti “premium-price”.

Elettrotecnica

Nell’elettrotecnica, si segnalano, invece, i settori “Fili e cavi, interruttori, spine, prese e quadri elettrici” (5.2 miliardi di euro di importazioni tedesche “premium-price”, di cui il 3 per cento proveniente dall’Italia), “Motori, generatori e trasformatori elettrici” (4.2 miliardi di euro) e “Quadri elettrici” (3 miliardi di euro).

Chimica

Nella chimica, infine, si registrano i valori più rilevanti nelle importazioni tedesche di fascia alta e Medio-alta di prezzo nei settori “Prodotti chimici per l’industria” (1.9 miliardi di euro nel 2017 - di cui il 3% dall’Italia - che fanno della Germania il terzo paese importatore sui segmenti “premium-price”), “Inchiostri” (1.6 miliardi di euro, con la Germania 1° paese importatore al mondo sui segmenti “premium-price”), “Olii essenziali,adesivi e colle” (1.5 miliardi di euro, corrispondente alla 4^ performance a livello mondiale nel 2017).

Marcello Antonioni
Fonte Sistema Informativo Ulisse

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Rapporto ICE 2021 l’Italia nell’economia internazionale
Rapporto ICE 2021 l’Italia nell’economia internazionale
La pandemia ha colpito duramente il tessuto socio-economico italiano e ha determinato una flessione dell’export che, tuttavia, è stata minore rispetto a quella registrata da altri Paesi grandi esportatori.
SACE - Simest: Export italiano Maggio 2021
SACE - Simest: Export italiano Maggio 2021
Nei primi cinque mesi del 2021 l'export italiano di beni registra un'ampia crescita (+23,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente).
Tannico
E-commerce vino e distillati: il futuro di Tannico
Moët Hennessy e Campari Group si uniscono per creare un player paneuropeo nel canale e-commerce di wine&spirit premium attraverso Tannico.
Altagamma Consumer Insight 2021
Altagamma Consumer Insight 2021
La ripresa del mercato alto di gamma è trainata da Cina e USA. Cresce il peso e aumentano i canali di ingaggio digitale del consumatore (gaming, livestreaming).
Report vino e spirits 2021
Vino e distillati italiani sui mercati internazionali
Vino italiano in recupero del 3,5% nel 2021 (-4,1% nel 2020), grazie alla spinta dell’export nei principali mercati. Migliore potenziale di crescita in Cina (+6,3%), Canada e Giappone (+5,9%).
Comunicazione post pandemia
Comunicazione delle imprese italiane e pandemia
L’Istat ha condotto una valutazione delle attività di comunicazione delle imprese italiane nella seconda metà del 2020.  
Esportazioni delle regioni italiane (I trimestre 2021)
Esportazioni delle regioni italiane (I trimestre 2021)
Nel primo trimestre dell’anno, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni  per il Centro (+4,8%), per il Sud e Isole (+3,8%) e per il Nord-ovest (+2,5%). Registra una contenuta flessione il Nord-est (-0,5%).
Food Industry Monitor 2021
Food Industry Monitor 2021
L’analisi  condotta dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo valuta i trend di mercato e l’evoluzione dei modelli di business delle aziende italiane del settore alimentare.
Previsioni Pil italiano: +5% nel 2021
Previsioni Pil italiano: +5% nel 2021
Secondo le più recenti previsioni Prometeia e Banca d’Italia il Pil nazionale quest’anno crescerà almeno del 5%.
G20 and the Italian economy
G20 and the Italian economy
Fondazione Edison e il Centro di ricerche in analisi economica e sviluppo economico internazionale dell’Università Cattolica hanno elaborato un booklet di statistiche sui punti di forza del modello italiano di sviluppo.