Le performance dell'export agroalimentare italiano nel 1° semestre 2019

di lettura

Nel primo semestre 2019 le esportazioni italiane del comparto agroalimentare (+7% tendenziale cumulato nei valori in euro) hanno confermato performance più favorevoli della media manifatturiera (che sta viaggiando, invece, ad un ritmo inferiore al +3%).

Le performance dell'Export Agroalimentare Italiano nel 1° semestre 2019

Agroalimentare: var. % tend. in euro nel 1° Semestre 2019 delle esportazioni italiane per mercato e comparto

Comparti e mercati trainanti

Come documenta la sezione Exportpedia relativa al dettaglio delle esportazioni territoriali di prodotti agroalimentari, i comparti più dinamici nelle variazioni tendenziali in euro nel primo semestre dell'anno sono risultati, nell'ordine:

  • Vino e bevande (+11.5% rispetto al corrispondente periodo 2018, pari a +240 milioni di euro), in virtù dei favorevoli andamenti sulla maggior parte dei mercati europei, Germania (+12.2%), Regno Unito (+11.3%), Francia (+18.8%) e Belgio (+27.3%) su tutti, ma anche delle performance delle vendite verso Stati Uniti (con un incremento di circa 30 milioni di euro, con un cumulato annuo superiore al miliardo di euro) e Giappone (+15.6%);
  • Cioccolato e Dolciumi (+10.7% rispetto al primo semestre 2018), grazie a dinamiche di crescita particolarmente favorevoli sui mercati di Francia (+20.3%), Austria e, tra le  destinazioni extra-europee, Israele (+48.4%), Arabia Saudita (+47.2%) ed Emirati Arabi (+23.7%).

Si segnalano, inoltre, le crescite dell'export italiano di Formaggi e altri prodotti del latte (+9.9% rispetto al corrispondente semestre 2018), Pasta, biscotti e altri prodotti da forno (+9.2%), Condimenti e piatti pronti (+8%) e di Altri Prodotti (+19.7%, grazie alla rilevante crescita delle vendite di prodotti a base tabacco).

Casi di eccellenza territoriali

A livello territoriale, nel primo semestre dell'anno l'export agroalimentare italiano ha visto i seguenti "casi di eccellenza":

  • Cuneo, con particolare riferimento alle vendite di cioccolato e dolciumi (+10.7% tendenziale, con crescite a due cifre verso Francia, Stati Uniti, Arabia Saudita, Israele), frutta e spezie (+31.4%, trainate dal mercato tedesco), e di vino e altre bevande sul mercato statunitense (+21.7 milioni di euro nel primo semestre 2019, dopo i +49 milioni di euro del 2018;
  • Verona, con il traino delle vendite di formaggi sul mercato tedesco (+28 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2018, dopo l'aumento di oltre 21 milioni di euro dell'anno scorso), condimenti e piatti pronti (+24.6%), conserve e succhi (+38.1%) e pasta, biscotti e prodotti da forno (+44.1%);
  • Bologna, con la rilevante performance delle vendite di prodotti a base tabacco in Giappone, ma anche le crescite di prodotti da forno (+13.2% tendenziale cumulato) e di cereali e ortaggi (+19.8%);
  • Roma, grazie soprattutto agli incrementi delle vendite di bevande (40.8% tendenziale cumulato, con particolare riferimento all'export verso la Bulgaria) e di dolciumi (+22.5%) e conserve e succhi (+39.2%).

Da segnalare, inoltre, i casi di rilevante crescita nel primo semestre dell'anno delle vendite all'estero di dolci, condimenti e piatti pronti dalla provincia di Torino in Russia, di bevande dalla provincia di Bergamo in Canada, di vino dalla provincia di Asti verso numerosi mercati europei.

Marcello Antonioni.

Analisi di mercato
Aibe Instant Survey - Covid 19
Aibe Instant Survey - Covid 19
La prima «Instant Survey» - condotta da Aibe con la collaborazione del Censis – analizza le misure economiche prese dai principali Paesi a seguito della pandemia e gli elementi che hanno particolare rilevanza per le prospettive di ripresa dell’Italia.
WEF: Covid-19 Risks Outlook
WEF: Covid-19 Risks Outlook
World Economic Forum, in collaborazione con Marsh & McLennan e Zurich Insurance Group, ha pubblicato un report sui rischi della pandemia per lo sviluppo economico.
E-commerce in Italia 2020
E-commerce in Italia 2020
Il report di Casaleggio Associati presenta l’andamento dell’e-commerce B2C in Italia nel 2019 e descrive l'impatto del Covid-19 sul commercio elettronico nei primi mesi 2020.
Cerved: previsioni ricavi imprese italiane nel 2020-21
Cerved: previsioni ricavi imprese italiane nel 2020-21
Le imprese italiane potrebbero perdere, a causa del Covid-19, tra i 270 e i 650 miliardi di fatturato nel biennio 2020-21, a seconda della durata dell’epidemia e della velocità della ripresa economica.
I consumatori di lingua tedesca sono quasi 100 milioni
I consumatori di lingua tedesca sono quasi 100 milioni
La Germania ha oltre 82 milioni di abitanti e un Pil pro-capite di circa 45mila euro annui.
Previsioni Ocse sugli Ide: 3 scenari
Previsioni Ocse sugli Ide: 3 scenari
I flussi degli investimenti diretti esteri crolleranno più del 30% nel 2020 secondo lo scenario più ottimistico (che prevede il controllo della pandemia e il successo degli interventi pubblici per contrastare la recessione economica).
SACE - Simest: Export italiano marzo 2020
SACE - Simest: Export italiano marzo 2020
Nei dati di marzo le esportazioni italiane di beni in valore cominciano a mostrare l'impatto negativo di Covid-19 e delle misure restrittive adottate.
L’impatto del Covid-19 in America Latina
L’impatto del Covid-19 in America Latina
L’America Latina, l’area tra le economie emergenti con la più bassa crescita media nell’ultimo decennio (2%), si trova ad affrontare la diffusione della pandemia coronavirus da una posizione di relativa debolezza.
Nota mensile Istat: aprile 2020
Nota mensile Istat: aprile 2020
La stima preliminare del Pil riferita a gennaio - marzo ha fornito una prima quantificazione degli effetti della crisi sull’economia: la caduta rispetto al trimestre precedente è stata pari al 4,7%.
Altagamma:  consumi dei beni personali di lusso -20%
Altagamma: consumi dei beni personali di lusso -20%
Effetto Covid-19 sul lusso personale: previsto nel 2020 un calo medio del 20% dei consumi. Ritorno ai livelli pre-pandemia per il 2022-23.