L’export di vino in USA: in quali Stati esportare?

di lettura

Un'analisi dei principali mercati di destinazione dell'export vinicolo mondiale e italiano.

L’export di vino in USA: in quali Stati esportare?

Le importazioni americane di vini imbottigliati e vini spumanti stanno conoscendo una crescita molto dinamica negli ultimi anni. All’interno di un processo di internazionalizzazione verso un mercato ampio e complesso come quello degli USA, è altamente strategico condurre un’analisi delle potenzialità esistenti in regioni più circoscritte del contesto nazionale, al fine di individuare spazi di opportunità ancora aperti. L’analisi delle importazioni di vino imbottigliato (fermo e frizzante) e vino spumante dei singoli stati americani rivela, infatti, una distribuzione non omogenea della domanda di vino estero, rispecchiando i gusti dei consumatori locali e i fattori di accessibilità che caratterizzano i singoli mercati. Tali fattori assumono importanza fondamentale per formulare una corretta strategia di penetrazione dei mercati a maggiore potenziale.

La mappa degli Stati Uniti riportata di seguito permette di distinguere in modo chiaro gli Stati americani che importano in misura maggiore vini e spumanti dall’estero. Gli Stati che occupano il podio della classifica dei maggiori importatori sono New York, California e New Jersey. Questi soli tre Stati rappresentano più del 50% delle importazioni totali USA di vini e spumanti. Nel 2018 lo stato di New York ha importato 2.6 miliardi $ di vino dall’estero, la California 2.3 miliardi $ e il New Jersey 1.2 miliardi $

Per gli stati rimanenti si segnala una distribuzione meno omogenea: gli stati interni non superano i 200 milioni $ nella maggioranza dei casi, segnalando preferenze di mercato diverse o fattori di accessibilità più critici. Ad essersi distinti per una crescita assai dinamica della domanda di vini e spumanti importati negli ultimi anni sono stati Connecticut e Washington, che rispettivamente hanno incrementato di 283 milioni di $ e di 102 milioni $ il valore di importazioni tra il 2010 e il 2018, risultato che ha permesso loro di rientrare nella top 10 degli Stati importatori nel 2018.

La lotta per la leadership di mercato coi cugini d’oltralpe

Sulla base della dinamica delle importazioni degli Stati americani ci focalizziamo ora sulla performance delle esportazioni italiane. Italia e Francia sono i primi due partner commerciali USA del comparto. Anche per il 2018 l’export francese è risultato in valore superiore a quello italiano. Tale risultato è particolarmente evidente nel caso di due mercati di destinazione USA che abbiamo visto essere fondamentali: lo stato di New York e della California
Il grafico che segue riporta la differenza registrata nel 2018 tra l’export francese e quello italiano per tutti gli stati con un valore di import superiore ai 200 milioni $. Se da un lato risulta evidente la forte performance negativa registrata dalle esportazioni italiane per gli stati di New York e della California, dall’altro risulta chiaro come invece le esportazioni italiane hanno sovra-performato quelle del concorrente francese nel caso del New Jersey. Si segnalano risultati positivi anche per Minnesota, Florida e Washington, che hanno aumentato in maniera significativa le importazioni vinicole dall'Italia negli ultimi anni.

Sul mercato californiano l’export italiano ha subito un significativo peggioramento della performance dei vini imbottigliati: la quota di mercato detenuta dall’Italia per vini fermi o frizzanti si è infatti progressivamente ridotta, mentre è cresciuta quella dei concorrenti francesi. Tuttavia, il calo non ha interessato l’export italiano di vino spumante, che ha invece registrato una crescita dinamica. La California è infatti il primo mercato di destinazione USA degli spumanti italiani

Per il mercato newyorkese, al contrario, la quota di mercato detenuta dall’Italia è vicina a quella francese per i vini imbottigliati, il forte gap è da ricondurre alle differenze che insistono nel segmento dei vini spumanti, per il quale la Francia domina il mercato. Sebbene negli ultimi si sia assistito a un miglioramento del market share italiano, i cugini francesi risultano infatti ancora i leader indiscussi sul mercato.

La mappatura degli Stati americani top importer qui condotta, tuttavia, non deve considerarsi esaustiva. Per le imprese esportatrici, infatti, potrebbe risultare fortemente strategico analizzare le possibilità di esportazione presenti in mercati di destinazione più piccoli, al fine di conquistare spazi di mercato ancora poco saturi.

Marzia Moccia

Analisi di mercato
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Il Rapporto di Ismea e Fondazione Qualivita conferma la crescita del valore dei prodotti a Indicazione Geografica (IG) e delle loro performance sui mercati esteri nel 2019.
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Secondo l'Istat nel 2018 il valore aggiunto è prodotto in Italia per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est; seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%.
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
In Italia, dopo il calo del Pil nel quarto trimestre 2020 (-3,2%) e nel primo del 2021 (-0,4%), l’attività dovrebbe riprendere dalla prossima estate, grazie anche all’arrivo dei primi fondi Next Generation EU.
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Secondo il bilancio preventivo 2021, i ricavi saranno pari a 51,8 milioni di euro (rispetto ai 38,4 del 2019 e ai 33,4 del 2018).
Indice PMI eurozona dicembre 2020
Indice PMI eurozona dicembre 2020
A dicembre, l’attività economica dell’eurozona si sta avvicinando alla stabilizzazione con una crescita più forte della produzione manifatturiera che compensa il calo ulteriore dell’attività terziaria.
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Nel terzo trimestre l’Istat stima una forte crescita congiunturale delle esportazioni: +34,3% per il Centro, +33,4% per il Nord-est, +30,3% per il Nord-ovest e +27% per il Sud.
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
La pandemia ha causato una perdita di fatturato per l’industria meccanica italiana di oltre 4,5 miliardi nel 2020 (-9,4%), per un fatturato totale di 44,5 miliardi.
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
L’Altagamma-Bain Worldwide Market Monitor 2020 si attende per quest’anno un calo senza precedenti del mercato del lusso: -20/-22%.
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Nel 2020 le startup hi-tech italiane hanno raccolto 683 milioni di euro, circa 11 milioni in meno di quanto raccolto nel 2019.