Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022

di lettura

Lo scenario di previsione formulato da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero al 2022 (fonte: Sistema Informativo Ulisse) evidenzia opportunità di crescita sul mercato croato per l’export italiano complessivamente superiori al mezzo miliardo di euro: +534 milioni € nel periodo 2019-2022, pari al +4% medio annuo.

Image

Il valore delle vendite italiane salirà, quindi, dai 3.1 miliardi dell’anno scorso agli oltre 3.6 miliardi di euro previsti nel 2022, toccando un nuovo punto di massimo assoluto e riassorbendo, quindi, completamente il ridimensionamento subentrato a partire dall’inizio della Grande Recessione.

Nell’orizzonte 2019-2022, le maggiori opportunità di crescita per il made in Italy in Croazia riguardano le filiere Agroalimentare (+100.4 milioni di euro nel complesso del quadriennio), Prodotti finiti per la Persona (+87.6 milioni di euro), Materie prime industriali (+81.6 milioni di euro).

Alimentari

In particolare, nell’ambito dei Beni alimentari intermedi e finali non confezionati si segnalano le previsioni di aumento delle vendite italiane di Mangimi (+16.3mln di euro), Ortaggi e legumi, freschi e conservati (+9.3mln di euro), Carni fresche e congelate (+7.5mln di euro), Frutta fresca (+6.3mln di euro) e Pesce fresco, congelato, secco e affumicato (+5.1mln di euro).
Nel comparto Alimentari confezionati e Bevande, i maggiori incrementi sul mercato croato delle esportazioni italiane sono attesi derivare da Carne e pesce, lavorati e confezionati (+14.0mln di euro), Biscotti ed altri prodotti da forno (+6.4mln di euro), Bevande alcoliche (+4.6mln di euro), Tè e caffè confezionato (+4.6mln di euro), Latte, yogurt, burro e formaggi (+4.3mln di euro) e Zucchero, cioccolata, dolciumi e gelati (+4.2mln di euro).

Prodotti finiti per la persona

Nell’ambito dei Prodotti finiti per la Persona, si rilevano i maggiori aumenti attesi delle esportazioni italiano rivolte al mercato croato per Biancheria intima e calzetteria (+41.6mln di euro nel periodo 2019-2022), Abbigliamento esterno (+19.2mln di euro), Calzature (+6.7mln di euro), Lenti e occhiali (+5.4mln di euro), Borse, valigie e portafogli (+4.2mln di euro), Profumi e cosmetici (+4.0mln di euro).

Materie prime industriali

Nella filiera delle Materie prime industriali, i principali spunti di crescita dell’export italiano verso la Croazia sono previsti provenire da Prodotti petroliferi e derivati del carbone (+37.0mln di euro), Acciaio (+14.6mln di euro), Materie plastiche in forme primarie (+7.4 mln €), Prodotti chimici di base organici (+5.0mln di euro), Metalli preziosi (+4.4mln di euro), Rame (+4.3mln di euro), Alluminio (+3.4mln di euro).

Crescite positive (anche se con incrementi complessivamente più contenuti) sono attese anche per le esportazioni italiane verso la Croazia di Beni intermedi (chimici, in metallo e in materie tessili e pelli) – con un incremento complessivo di oltre 80 milioni di euro -, Mezzi di trasporto e per l'agricoltura (+39.3 milioni di euro nel periodo 2019- 2022, con un ruolo trainante delle vendite di Aerei [con l’Italia attesa superare il 60% delle quote di mercato] e Automobili, autobus e roulotte), Prodotti finiti per la casa (+16.3mln di euro, con il settore Pavimenti ad evidenziare i maggiori aumenti attesi), Elettrotecnica (+16.0mln di euro, guidata dal settore Fili e cavi, interruttori, spine, prese e quadri elettrici), Prodotti e strumenti per la salute (+14.8mln di euro, con incrementi particolarmente significativi per Farmaci e Prodotti farmaceutici di base).

Nello scenario al 2022 sono da segnalare, non ultime, le conferme di quote di mercato complessivamente superiori ai 20 punti percentuali per l’export italiano dei comparti Macchine e impianti per i processi industriali (21.5%, a valori correnti, la quota italiana prevista al 2022 sul mercato croato) e Beni e prodotti per le costruzioni (21.1%), previsioni di quote superiori al 15% per Componenti meccaniche ed
ottiche e al 13% per Impiantistica industriale.

Marcello Antonioni

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
La cosmetica in Lombardia
La cosmetica in Lombardia
Assolombarda e Cosmetica Italia hanno pubblicato dati aggiornati sul settore cosmetico lombardo e sulle principali destinazioni del made in Italy.
Foreign Direct Investment 2021
Foreign Direct Investment 2021
I flussi globali degli Investimenti Diretti Esteri sono aumentati dell'88% nel 2021 a 1.815 miliardi di USD (+37% rispetto ai livelli pre-pandemici). Tuttavia, le prospettive restano incerte, dato l'attuale contesto geopolitico.
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
Tra gennaio e febbraio 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del +22,6% in termini tendenziali mostrando, da un lato, una componente di rimbalzo rispetto a inizio 2021, e dall’altro, una forte crescita dei valori esportati a fronte di un aumento più contenuto dei volumi.
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Secondo il Focus SACE, il 2021 è stata un’annata scarsa per la produzione mondiale di vino: 250 milioni di ettolitri (-4% rispetto al 2020 e -7% rispetto alla media ventennale).
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Il Rapporto dell’Istat sulla competitività dei settori produttivi fornisce un quadro informativo sulla struttura, la performance e la dinamica del sistema produttivo italiano.
L’economia globale del benessere
L’economia globale del benessere
Il rapporto del Global Wellness Institute stila una classifica di 150 paesi in base alla loro spesa annuale in 11 comparti del settore benessere (alimentazione, attività fisica, bellezza, benessere mentale...).
Congiuntura agroalimentare 2021
Congiuntura agroalimentare 2021
Il Report Agrimercati di Ismea analizza le dinamiche dell’agroalimentare italiano nel 2021 e le nuove criticità legate al conflitto Russia - Ucraina.
MedTech: trend globali e previsioni
MedTech: trend globali e previsioni
L’Area Studi Mediobanca ha analizzato i conti annuali delle 227 maggiori imprese del MedTech italiano con fatturato aggregato pari a 18,6 miliardi di cui il 40% realizzati all’estero.
Bollettino economico Banca d’Italia aprile 2022
Bollettino economico Banca d’Italia aprile 2022
Banca d’Italia pubblica le stime dell’impatto sull’economia nazionale del conflitto Russia - Ucraina.
Indice PMI settore manifatturiero Eurozona,  marzo 2022
Indice PMI settore manifatturiero Eurozona, marzo 2022
L'indice PMI del manifatturiero dell’Eurozona, a marzo, scende a 56.5 (era 58.2 a febbraio) a causa dell'inflazione e delle tensioni geopolitiche crescenti.