Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022

di lettura

Lo scenario di previsione formulato da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero al 2022 (fonte: Sistema Informativo Ulisse) evidenzia opportunità di crescita sul mercato croato per l’export italiano complessivamente superiori al mezzo miliardo di euro: +534 milioni € nel periodo 2019-2022, pari al +4% medio annuo.

Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022

Il valore delle vendite italiane salirà, quindi, dai 3.1 miliardi dell’anno scorso agli oltre 3.6 miliardi di euro previsti nel 2022, toccando un nuovo punto di massimo assoluto e riassorbendo, quindi, completamente il ridimensionamento subentrato a partire dall’inizio della Grande Recessione.

Nell’orizzonte 2019-2022, le maggiori opportunità di crescita per il made in Italy in Croazia riguardano le filiere Agroalimentare (+100.4 milioni di euro nel complesso del quadriennio), Prodotti finiti per la Persona (+87.6 milioni di euro), Materie prime industriali (+81.6 milioni di euro).

Alimentari

In particolare, nell’ambito dei Beni alimentari intermedi e finali non confezionati si segnalano le previsioni di aumento delle vendite italiane di Mangimi (+16.3mln di euro), Ortaggi e legumi, freschi e conservati (+9.3mln di euro), Carni fresche e congelate (+7.5mln di euro), Frutta fresca (+6.3mln di euro) e Pesce fresco, congelato, secco e affumicato (+5.1mln di euro).
Nel comparto Alimentari confezionati e Bevande, i maggiori incrementi sul mercato croato delle esportazioni italiane sono attesi derivare da Carne e pesce, lavorati e confezionati (+14.0mln di euro), Biscotti ed altri prodotti da forno (+6.4mln di euro), Bevande alcoliche (+4.6mln di euro), Tè e caffè confezionato (+4.6mln di euro), Latte, yogurt, burro e formaggi (+4.3mln di euro) e Zucchero, cioccolata, dolciumi e gelati (+4.2mln di euro).

Prodotti finiti per la persona

Nell’ambito dei Prodotti finiti per la Persona, si rilevano i maggiori aumenti attesi delle esportazioni italiano rivolte al mercato croato per Biancheria intima e calzetteria (+41.6mln di euro nel periodo 2019-2022), Abbigliamento esterno (+19.2mln di euro), Calzature (+6.7mln di euro), Lenti e occhiali (+5.4mln di euro), Borse, valigie e portafogli (+4.2mln di euro), Profumi e cosmetici (+4.0mln di euro).

Materie prime industriali

Nella filiera delle Materie prime industriali, i principali spunti di crescita dell’export italiano verso la Croazia sono previsti provenire da Prodotti petroliferi e derivati del carbone (+37.0mln di euro), Acciaio (+14.6mln di euro), Materie plastiche in forme primarie (+7.4 mln €), Prodotti chimici di base organici (+5.0mln di euro), Metalli preziosi (+4.4mln di euro), Rame (+4.3mln di euro), Alluminio (+3.4mln di euro).

Crescite positive (anche se con incrementi complessivamente più contenuti) sono attese anche per le esportazioni italiane verso la Croazia di Beni intermedi (chimici, in metallo e in materie tessili e pelli) – con un incremento complessivo di oltre 80 milioni di euro -, Mezzi di trasporto e per l'agricoltura (+39.3 milioni di euro nel periodo 2019- 2022, con un ruolo trainante delle vendite di Aerei [con l’Italia attesa superare il 60% delle quote di mercato] e Automobili, autobus e roulotte), Prodotti finiti per la casa (+16.3mln di euro, con il settore Pavimenti ad evidenziare i maggiori aumenti attesi), Elettrotecnica (+16.0mln di euro, guidata dal settore Fili e cavi, interruttori, spine, prese e quadri elettrici), Prodotti e strumenti per la salute (+14.8mln di euro, con incrementi particolarmente significativi per Farmaci e Prodotti farmaceutici di base).

Nello scenario al 2022 sono da segnalare, non ultime, le conferme di quote di mercato complessivamente superiori ai 20 punti percentuali per l’export italiano dei comparti Macchine e impianti per i processi industriali (21.5%, a valori correnti, la quota italiana prevista al 2022 sul mercato croato) e Beni e prodotti per le costruzioni (21.1%), previsioni di quote superiori al 15% per Componenti meccaniche ed
ottiche e al 13% per Impiantistica industriale.

Marcello Antonioni

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
SACE - Simest: Export italiano agosto 2020
SACE - Simest: Export italiano agosto 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 13,3% nei primi otto mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
ISMEA: bilancia agroalimentare nazionale I semestre 2020
ISMEA: bilancia agroalimentare nazionale I semestre 2020
Nonostante l’emergenza sanitaria mondiale, le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari sono aumentate durante i primi sei mesi del 2020.
Promozione del turismo piccolo museale negli USA
Promozione del turismo piccolo museale negli USA
Una delle peculiarità dell’Italia è la presenza di numerosi piccoli musei locali collocati prevalentemente in centri di medie e piccole dimensioni e nei borghi storici. 
Brexit: The Border with the European Union
Brexit: The Border with the European Union
Il Governo britannico ha aggiornato ad ottobre 2020 il primo modello operativo sulle operazioni tra Gran Bretagna e Unione Europea del luglio scorso.
Agroalimentare: italian sounding in Asia
Agroalimentare: italian sounding in Asia
L’export di prodotti agricoli e alimentari verso i Paesi Extra-UE mostra una sostanziale tenuta nel periodo gennaio-aprile 2020, coincidente con lo sviluppo della pandemia (+3,7% rispetto allo stesso periodo del 2019).
Andamento dell’economia italiana Settembre 2020 (Istat)
Andamento dell’economia italiana Settembre 2020 (Istat)
In Italia, al recupero della produzione industriale si affiancano segnali positivi per gli ordinativi e le esportazioni.
Quali politiche di sostegno all’export?
Quali politiche di sostegno all’export?
In occasione dell’Assemblea Confindustria è stato presentato il volume “Il coraggio del futuro”. 
Previsioni Prometeia settembre 2020
Previsioni Prometeia settembre 2020
Secondo le ultime previsioni di Prometeia l’Italia uscirà dalla crisi nel 2023 (se saprà utilizzare in modo efficace i fondi Ue).
Il settore dei beni strumentali nel 2019
Il settore dei beni strumentali nel 2019
Secondo i dati Federmacchine, nel 2019 il fatturato del settore dei beni strumentali, dopo anni di espansione, è leggermente calato.
Guida Obiettivo  India
Guida Obiettivo India
Sace - Simest ha pubblicato una guida dedicata alle imprese italiane interessate al mercato indiano.