Nuovo punto di massimo del Made in Italy in Germania

di lettura

In base alle informazioni elaborate da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero più recenti (fonte: Sistema Informativo Ulisse), nel 2018 si è avuto un nuovo punto di massimo delle vendite del Made in Italy sul mercato tedesco. 

Nuovo punto di massimo delle vendite del Made in Italy sul mercato tedesco

A consuntivo dell’anno scorso le vendite dall’Italia di merci dirette in Germania hanno superato – per la prima volta assoluta – i 60 miliardi di euro, con un aumento di 5.7 miliardi  di euro rispetto al 2017 (corrispondente ad un tasso di crescita del 10.1 per cento). Ciò fa seguito all’incremento già favorevole sperimentato l’anno precedente (+4 miliardi di euro, pari al +7.8%, rispetto al 2016).

A livello settoriale, nel biennio 2017-2018 i maggiori contributi alla crescita delle vendite italiane sul mercato tedesco sono provenute, nell’ordine, da:

  • Mezzi di trasporto (+8 miliardi di euro nel biennio più recente)
  • Agroalimentare (+6.4 miliardi di euro)
  • Farmaceutica (+5.8 miliardi di euro)
  • Meccanica Varia (+5.3 miliardi di euro). 

Mezzi di trasporto

Nella filiera dei Mezzi di trasporto, nel biennio 2017-2018 si segnalano, in particolare, le performance di crescita delle vendite italiane sul mercato tedesco di Automobili, autobus e roulotte (+12.5% medio annuo, a fronte di una media del +6.4% per l’insieme dei competitori presenti sul mercato tedesco), Autoveicoli per il trasporto merci (+919 milioni di euro) e di Parti ed accessori non elettrici per autoveicoli (+8% medio annuo, anche più dinamico della media dei concorrenti), segmento quest’ultimo che ha offerto il contributo più positivo all’interno del comparto.

Agroalimentare

Nella filiera Agroalimentare, vanno evidenziate le crescite delle vendite italiane sul mercato tedesco di Bevande alcoliche (+1.1 miliardi di euro, corrispondenti ad un tasso medio annuo prossimo al 4%, più dinamico dell’insieme dei competitori presenti sul mercato tedesco) e di Carne e pesce, lavorati e confezionati (+8% medio annuo, per un incremento pari a 0.6 miliardi di euro, anche in questo caso ampiamente più accelerato della media dei concorrenti). In particolare, si ravvisano i massimi assoluti raggiunto l’anno scorso dalle vendite dall’Italia di Vino imbottigliato e di Prosciutti (cotti, crudi e non disossati).

Farmaceutica

Nella filiera Farmaceutica, nell’ultimo biennio si ravvisano le ottime performance delle vendite italiane sul mercato tedesco di Prodotti farmaceutici di base (+3.2 miliardi di euro, decisamente più dinamiche dell’insieme dei competitori presenti sul mercato tedesco) e di Farmaci (+2.5 miliardi di euro). In particolare, hanno toccato un nuovo punto di massimo assoluto le vendite dall’Italia di Sieri specifici e di Medicamenti contenenti ormoni, in forma di dosi.

Meccanica varia

Nel comparto Meccanica Varia, si segnalano - non da ultime – le crescite  nell’ultimo biennio delle vendite italiane sul mercato tedesco di Cuscinetti, ingranaggi e organi di trasmissione (+1.1 miliardi di euro in termini cumulati, pari ad un tasso di crescita medio annuo prossimo all’11 per cento, più dinamico della media dei concorrenti), e – con aumenti ciascuno di oltre 400 milioni di euro – di Rubinetteria e valvole (+12.1% medio annuo) e di Parti di macchine per l'industria metalmeccanica (+8.7% medio annuo), entrambe più dinamiche della media dei concorrenti presenti sul mercato.

Positive performance hanno caratterizzato, infine, le vendite italiane sul mercato tedesco di Metallurgia (con particolare riferimento ai settori Acciaio, Tubi in acciaio e Alluminio), Tessili, pelli, abbigliamento (con i maggiori aumenti per Abbigliamento esterno e Calzature), Chimica (si evidenzia la rilevante crescita di Lastre, fogli, tubi e profilati in materie plastiche e di Prodotti chimici di base organici), Elettrotecnica (Fili e cavi, interruttori, spine, prese e quadri elettrici ed Elettrodomestici per la casa, su tutti), Prodotti in metallo (con i maggiori incrementi per i settori Prodotti in ferro e acciaio, lavorati a freddo e Viteria e bulloneria) e Plastica e Gomma (Materie plastiche in forme primarie in modo particolare).

Marcello Antonioni 
 

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.