Nuovo punto di massimo del Made in Italy in Germania

di lettura

In base alle informazioni elaborate da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero più recenti (fonte: Sistema Informativo Ulisse), nel 2018 si è avuto un nuovo punto di massimo delle vendite del Made in Italy sul mercato tedesco. 

Nuovo punto di massimo delle vendite del Made in Italy sul mercato tedesco

A consuntivo dell’anno scorso le vendite dall’Italia di merci dirette in Germania hanno superato – per la prima volta assoluta – i 60 miliardi di euro, con un aumento di 5.7 miliardi  di euro rispetto al 2017 (corrispondente ad un tasso di crescita del 10.1 per cento). Ciò fa seguito all’incremento già favorevole sperimentato l’anno precedente (+4 miliardi di euro, pari al +7.8%, rispetto al 2016).

A livello settoriale, nel biennio 2017-2018 i maggiori contributi alla crescita delle vendite italiane sul mercato tedesco sono provenute, nell’ordine, da:

  • Mezzi di trasporto (+8 miliardi di euro nel biennio più recente)
  • Agroalimentare (+6.4 miliardi di euro)
  • Farmaceutica (+5.8 miliardi di euro)
  • Meccanica Varia (+5.3 miliardi di euro). 

Mezzi di trasporto

Nella filiera dei Mezzi di trasporto, nel biennio 2017-2018 si segnalano, in particolare, le performance di crescita delle vendite italiane sul mercato tedesco di Automobili, autobus e roulotte (+12.5% medio annuo, a fronte di una media del +6.4% per l’insieme dei competitori presenti sul mercato tedesco), Autoveicoli per il trasporto merci (+919 milioni di euro) e di Parti ed accessori non elettrici per autoveicoli (+8% medio annuo, anche più dinamico della media dei concorrenti), segmento quest’ultimo che ha offerto il contributo più positivo all’interno del comparto.

Agroalimentare

Nella filiera Agroalimentare, vanno evidenziate le crescite delle vendite italiane sul mercato tedesco di Bevande alcoliche (+1.1 miliardi di euro, corrispondenti ad un tasso medio annuo prossimo al 4%, più dinamico dell’insieme dei competitori presenti sul mercato tedesco) e di Carne e pesce, lavorati e confezionati (+8% medio annuo, per un incremento pari a 0.6 miliardi di euro, anche in questo caso ampiamente più accelerato della media dei concorrenti). In particolare, si ravvisano i massimi assoluti raggiunto l’anno scorso dalle vendite dall’Italia di Vino imbottigliato e di Prosciutti (cotti, crudi e non disossati).

Farmaceutica

Nella filiera Farmaceutica, nell’ultimo biennio si ravvisano le ottime performance delle vendite italiane sul mercato tedesco di Prodotti farmaceutici di base (+3.2 miliardi di euro, decisamente più dinamiche dell’insieme dei competitori presenti sul mercato tedesco) e di Farmaci (+2.5 miliardi di euro). In particolare, hanno toccato un nuovo punto di massimo assoluto le vendite dall’Italia di Sieri specifici e di Medicamenti contenenti ormoni, in forma di dosi.

Meccanica varia

Nel comparto Meccanica Varia, si segnalano - non da ultime – le crescite  nell’ultimo biennio delle vendite italiane sul mercato tedesco di Cuscinetti, ingranaggi e organi di trasmissione (+1.1 miliardi di euro in termini cumulati, pari ad un tasso di crescita medio annuo prossimo all’11 per cento, più dinamico della media dei concorrenti), e – con aumenti ciascuno di oltre 400 milioni di euro – di Rubinetteria e valvole (+12.1% medio annuo) e di Parti di macchine per l'industria metalmeccanica (+8.7% medio annuo), entrambe più dinamiche della media dei concorrenti presenti sul mercato.

Positive performance hanno caratterizzato, infine, le vendite italiane sul mercato tedesco di Metallurgia (con particolare riferimento ai settori Acciaio, Tubi in acciaio e Alluminio), Tessili, pelli, abbigliamento (con i maggiori aumenti per Abbigliamento esterno e Calzature), Chimica (si evidenzia la rilevante crescita di Lastre, fogli, tubi e profilati in materie plastiche e di Prodotti chimici di base organici), Elettrotecnica (Fili e cavi, interruttori, spine, prese e quadri elettrici ed Elettrodomestici per la casa, su tutti), Prodotti in metallo (con i maggiori incrementi per i settori Prodotti in ferro e acciaio, lavorati a freddo e Viteria e bulloneria) e Plastica e Gomma (Materie plastiche in forme primarie in modo particolare).

Marcello Antonioni 
 

Analisi di mercato
SACE - Simest: Export italiano novembre 2020
SACE - Simest: Export italiano novembre 2020
Nei primi undici mesi del 2020 l'export italiano di beni ha registrato una flessione del 10,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Rapporto economico 2020 Prosecco Conegliano Valdobbiadene
Rapporto economico 2020 Prosecco Conegliano Valdobbiadene
Il Consorzio di Tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG chiude il 2020 con una certificazione di bottiglie in linea con l’anno precedente.
Proiezioni economiche di Banca d’Italia
Proiezioni economiche di Banca d’Italia
Il Bollettino Economico di gennaio analizza la situazione internazionale e presenta le proiezioni macroeconomiche per il 2021-23.
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Il Rapporto di Ismea e Fondazione Qualivita conferma la crescita del valore dei prodotti a Indicazione Geografica (IG) e delle loro performance sui mercati esteri nel 2019.
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Secondo l'Istat nel 2018 il valore aggiunto è prodotto in Italia per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est; seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%.
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
In Italia, dopo il calo del Pil nel quarto trimestre 2020 (-3,2%) e nel primo del 2021 (-0,4%), l’attività dovrebbe riprendere dalla prossima estate, grazie anche all’arrivo dei primi fondi Next Generation EU.
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Secondo il bilancio preventivo 2021, i ricavi saranno pari a 51,8 milioni di euro (rispetto ai 38,4 del 2019 e ai 33,4 del 2018).
Indice PMI eurozona dicembre 2020
Indice PMI eurozona dicembre 2020
A dicembre, l’attività economica dell’eurozona si sta avvicinando alla stabilizzazione con una crescita più forte della produzione manifatturiera che compensa il calo ulteriore dell’attività terziaria.
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Nel terzo trimestre l’Istat stima una forte crescita congiunturale delle esportazioni: +34,3% per il Centro, +33,4% per il Nord-est, +30,3% per il Nord-ovest e +27% per il Sud.