Opportunità settoriali per l'export italiano in Malesia

di lettura

Nel periodo 2020-2023, esistono buone opportunità di crescita sul mercato malese per l’export italiano complessivamente pari a circa +370 milioni di euro, pari al +6.2% medio annuo.

Image

Pur penalizzate quest’anno, a seguito delle conseguenze della pandemia Covid-19, da una flessione dell’economia malese stimata dal Fondo Monetario Internazionale in quasi 2 punti percentuali in termini di Pil (dopo un ultimo quinquennio particolarmente dinamico: +5% medio annuo), le esportazioni italiane sul mercato malese sono previste salire dai 1.354 milioni di euro del 2019 a 1.721 milioni di euro nello scenario 2023.

In particolare, a fronte di un calo atteso di quasi 6 punti percentuali nella media del 2020, le vendite italiane sono previste evidenziare un significativo “rimbalzo” positivo l’anno prossimo (+15.3%) e aumenti medi annui prossimi agli 8 punti percentuali nel biennio 2022-2023.

Nell’orizzonte 2020-2023, le maggiori opportunità di crescita per il made in Italy in Malesia riguardano le filiere:

  • Prodotti per la Persona (+66 milioni di euro nel complesso del quadriennio)
  • Materie prime industriali (+64 milioni di euro)
  • Alimentari confezionati e Bevande (+26 milioni di euro)
  • Componenti elettroniche (+26 milioni di euro)
  • Prodotti e strumenti per la Salute (+25 milioni di euro, dei quali 20milioni dal settore Farmaci),
  • Componenti meccaniche ed ottiche (+23 milioni di euro),
  • Impiantistica industriale (+19 milioni di euro)
  • Mezzi di trasporto e per l’agricoltura (+17 milioni di euro).

Malesia: previsione importazioni da Italia (miliardi di euro)

Opportunità export italiano in Malesia

Fonte: Sistema Informativo Ulisse

In particolare, nei  Prodotti per la Persona si segnalano le previsioni di aumento delle vendite italiane di Gioielleria, orologi e bigiotteria (+18.2mln), Borse, valigie e portafogli(+14.7mln), Calzature (+12.9mln), Profumi e cosmetici (+6.2mln) e Abbigliamento esterno (+9.6mln).

Per Materie prime industriali, i principali spunti di crescita dell’export italiano sul mercato malese sono previsti provenire da Prodotti petroliferi e derivati del carbone (+30mln di euro), Acciaio (+20.3mln di euro), Materie plastiche in forme primarie (+10.2mln di euro).

Nel comparto Alimentari confezionati e Bevande, i maggiori incrementi sul mercato malese delle esportazioni italiane sono attesi derivare da Carne e pesce, lavorati e confezionati (+8mln), Zucchero, cioccolata, dolciumi e gelati (+4.6mln), Riso, farina ed amidi (+4mln), Lieviti, estratti e malto (+3.7mln), Latte, yogurt, burro e formaggi (+2.9mln), Frutta fresca (+2.9mln), Ortaggi e frutta, lavorati e confezionati (+2.3mln), Derivati del latte (+2.1mln), Bevande alcoliche (+2mln).

Nel comparto Impiantistica industriale, nel periodo 2020-2023 si attendono crescite dell’export italiano sul mercato malese di oltre 24 milioni di euro per il settore Impianti siderurgici e di circa 10 milioni di euro per Caldaie, turbine e motori.

Nella filiera dei Mezzi di trasporto e per l’agricoltura, si rilevano i maggiori aumenti attesi delle esportazioni italiane rivolte al mercato malese per Automobili, autobus e roulotte (+24.4mlndi euro), Aerei (+5.7mln di euro), Macchine movimento terra(+2.5mln di euro), Parti di macchine agricole e movimento terra (+7.1mln di euro).

Nella Componentistica elettronica, meccanica e ottica, non ultima, si rilevano i maggiori aumenti attesi delle esportazioni italiane rivolte al mercato malese per Parti ed accessori di strumenti di misura (+10.7mln), Valvole, tubi, diodi e schede elettroniche (+9.7mln), Parti di pompe e altri componenti di impianti industriali (+6.9mln), Parti di computer e altre macchine per ufficio (+6.2mln).

Nello scenario al 2023 sono infine da segnalare le crescite attese dell’export italiano dei comparti Strumenti e attrezzature per l’industria (+15mln), Beni intermedi chimici (+12.3mln), Beni intermedi in carta e legno (+12.2mln) e Prodotti finiti di largo consumo (+9.8mln).

Scenario di previsione formulato da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero (fonte: ExportPlanning -Sistema Informativo Ulisse).

Marcello Antonioni

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Venture capital in Italia: +48% nel 2022
Venture capital in Italia: +48% nel 2022
Italian Tech Alliance e Growth Capital hanno pubblicato i dati sugli investimenti in venture capital in Italia.
SACE SIMEST Export italiano novembre 2022
SACE SIMEST Export italiano novembre 2022
Tra gennaio e novembre le vendite all’estero di beni si sono confermate in ampio rialzo (+20,5% rispetto allo stesso periodo del 2021). L’andamento è guidato dai valori medi unitari (vmu; 20,1%), stabili i volumi (+0,3%).
Previsioni economiche BCE
Previsioni economiche BCE
La BCE ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita per l’Area dell’euro nel biennio 2023 e 2024 e al rialzo le proiezioni sull’inflazione.
Turismo invernale in montagna e cambiamenti climatici
Turismo invernale in montagna e cambiamenti climatici
Il turismo di montagna fornisce un contributo significativo all'economia delle aree alpine ed è uno dei pilastri del settore turistico italiano.
Messico: buone prospettive per il made in Italy
Messico: buone prospettive per il made in Italy
Il Messico è l’unico Paese dell’America Latina a essere realmente inserito all’interno delle catene del valore regionali e globali.
SACE SIMEST Export italiano ottobre 2022
SACE SIMEST Export italiano ottobre 2022
Nei primi 10 mesi del 2022 le esportazioni italiane di beni continuano a crescere (+20,8% rispetto a gennaio-ottobre 2021).
Rapporto Ismea Qualivita 2022
Rapporto Ismea Qualivita 2022
Ismea e Qualivita hanno pubblicato il report sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane Dop, Igp e Stg nel 2021.
La Croazia entra nell’Area dell’euro
La Croazia entra nell’Area dell’euro
Il 1° gennaio 2023 la Croazia ha adottato la moneta unica ed è diventata il 20° membro dell’area dell’euro.
Rapporto Italia 2022 Sustainable Development Goals (SDGs)
Rapporto Italia 2022 Sustainable Development Goals (SDGs)
L’Istat rende conto del cammino compiuto dall’Italia verso gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.
La Lombardia è la regione italiana che attrae più investimenti diretti
La Lombardia è la regione italiana che attrae più investimenti diretti
Regione Lombardia, in collaborazione con Il Sole 24 Ore | Radiocor, ha pubblicato il primo numero di Lombardia Economy con dati aggiornati sugli investimenti diretti esteri.