Previsioni export Confindustria e indici PMI dell’eurozona

di lettura

Il PIL italiano tornerà in territorio positivo nel 2° trimestre 2021 dopo la contrazione (-0,4%) registrata nel trimestre precedente. Un forte rimbalzo atteso nel 3° trimestre.

Image

Secondo la Congiuntura Flash dell’Ufficio Studi Confindustria di aprile, gli ordini di beni strumentali risalgono rapidamente, dall’interno e dall’estero. Il nodo restano i servizi, ancora in flessione. 

La graduale riapertura delle attività terziarie induce a un cauto ottimismo. Il rimbalzo sarà guidato dai consumi, grazie anche al risparmio accumulato, con una domanda che si riverserà in servizi come viaggi, ricreativi, ricettivi e di ristorazione.

Gli analisti prevedono un buon recupero degli investimenti, anche grazie a quelli pubblici che potranno contare sull’arrivo dei primi fondi Next-EU.  I prestiti alle imprese sono in crescita (+7,6% annuo a febbraio), ma il maggior debito non si traduce tutto in investimenti, perché in molti settori serve a finanziare il capitale circolante.

Esportazioni italiane

Prosegue l’espansione del commercio internazionale (+0,3% a febbraio), ben sopra i livelli pre-crisi. La crescita è trainata dagli scambi dei paesi asiatici e della Cina in particolare.

L’export italiano di beni ha frenato a febbraio (-0,3% a prezzi costanti, dopo +1,6%). Lo stop è riconducibile a un calo delle vendite extra-UE, tornate però a crescere già a marzo (+2,5% in valore). Le prospettive per i prossimi  mesi sono positive, come segnala il miglioramento degli ordini esteri manifatturieri, sopra i livelli pre-crisi, anche grazie all’attesa accelerazione di domanda e filiere di produzione in Europa.

Trend export italiano

Paesi UE

Nei paesi UE, destinazione di oltre la metà delle merci italiane (51,1% nel 2020), la risalita dell’export è robusta. In dicembre-febbraio le vendite italiane intra-UE hanno continuato a salire (+2,8%) e hanno ridotto a -1,5% la distanza dai livelli dell’anno precedente. A trainare il recupero sono le vendite in Germania e Paesi Bassi (già sopra i livelli pre-crisi), economie più resilienti alla crisi e integrate nelle catene globali del valore; più debole la dinamica in Spagna e Francia.

Tra i settori, spiccano in positivo i prodotti in metallo (in Germania) e gli autoveicoli (in Germania, Francia e Paesi Bassi); emergono segnali di ribilanciamento nelle filiere del farmaceutico (in forte crescita nei Paesi Bassi, in calo in altri mercati). Pesano in negativo il tessile-abbigliamento (in Spagna e Francia) e gli altri mezzi di trasporto.

Extra UE

La frenata delle esportazioni è dovuta ai mercati extra-UE. L’export italiano è sceso del 2,4% in dicembre-febbraio e la distanza rispetto a un anno fa si è ampliata a -4,9%. Nel 1° trimestre 2021 le vendite italiane sono esplose in Cina (+43,3% tendenziale) e cadute negli USA (-13,4%) e in UK (-12,7%). Il risultato complessivo è negativo, per il peso relativamente basso del mercato cinese per le merci italiane (3% dell’export, rispetto al 5,2% destinato a UK e al 9,8% agli USA). Ciò ha penalizzato la performance dell’export italiano rispetto a quello tedesco (che destina alla Cina l’8% del totale).

  • Le importazioni cinesi sono cresciute del 12,5% congiunturale nel primo bimestre 2021, molto sopra ai livelli pre-crisi (va considerato che nel periodo di riferimento la Cina era in piena crisi pandemica). Nel primo bimestre 2021 registrano incrementi a tre cifre i comparti autoveicoli (+285% tendenziale) e abbigliamento (+102%), spiegando oltre il 60% dell’incremento totale; sono gli stessi settori che avevano registrato le cadute più ampie nei primi due mesi dell’anno precedente (-85% e -54%).
  • L’andamento negativo delle vendite negli Stati Uniti ha ragioni opposte: nel 1° trimestre 2020 gli USA erano in robusto aumento (+10,8% tendenziale), soprattutto grazie alla forte espansione del farmaceutico e degli altri mezzi di trasporto (esclusi autoveicoli). In quest’ultimo settore e in quello del tessile-abbigliamento si registrano ora le cadute più ampie; tiene invece il farmaceutico. Le importazioni USA sono state frenate a inizio 2021 da fattori climatici, ma sono ripartite a marzo.
  • Le prospettive sono incerte per il mercato inglese: l’Accordo con la UE richiede un costo in termini di adeguamento alle nuove norme. In gennaio-febbraio 2021 (primi mesi di attuazione) le vendite italiane in UK sono calate in quasi tutti i settori, con perdite più ampie nell’abbigliamento, nei metalli, nel farmaceutico. Il successo nella ridefinizione dei rapporti UE-UK è cruciale per le imprese italiane, dati i profondi rapporti commerciali, la presenza di multinazionali, l’integrazione nelle catene globali del valore.

Nello scenario CSC, le esportazioni italiane di beni e servizi, dopo la profonda caduta del 13,8% nel 2020, risaliranno dell’11,4% nel 2021 e del 6,8% nel 2022, sostenute dalla crescita della domanda mondiale. Le vendite all’estero di beni sono attese recuperare pienamente già nel 2021, grazie al rimbalzo della domanda nella UE e negli USA; quelle di servizi, invece, sono crollate molto di più nel 2020 e torneranno ai livelli pre-crisi solo alla fine del biennio previsivo.

Fonte: Centro Studi Confindustria

Indici PMI

  • L’Indice IHS Markit PMI® della Produzione Composita dell’eurozona, ha registrato ad aprile 53.8, in salita da 53.2 di marzo. I dati indicano il più rapido incremento dallo scorso luglio e il secondo in ordine di grandezza in oltre due anni e mezzo. Il manifatturiero continua a guidare la ripresa registrando un aumento pressoché invariato rispetto al tasso record di marzo. La produzione del terziario è tornata a crescere dopo sette mesi consecutivi di contrazione, anche se l’incremento è stato nel complesso marginale. La Germania (55.8) continua a guidare la classifica, con una forte espansione sostenuta dalla forte prestazione dell’economia manifatturiera. La Spagna (55.2) ha indicato l’espansione migliore in più di due anni con il settore terziario che ha registrato un balzo in avanti grazie alla riapertura delle aziende e all'allentamento delle misure anti-Covid.. La Francia ad aprile ha registrato la migliore espansione degli ultimi otto mesi (51.6) che le consente di  superare l’Italia (51.2) minimo in 3 mesi.
     
  • L’Indice IHS Markit PMI® dell’Attività Terziaria dell’eurozona ha superato ad aprile la soglia di non cambiamento di 50.0, indicando la prima espansione dell’attività terziaria da agosto 2020. Il tasso di incremento 50.5 è stato tuttavia marginale rispetto a 49.6 di marzo. Se la Spagna ha registrato un forte incremento dell’attività, Germania e Italia hanno indicato una contrazione. In Francia l’indice ha mostrato una marginale crescita. A meno che non vi siano nuove ondate di contagi provocate da nuove varianti, le restrizioni anti-Covid dovrebbero progressivamente allentarsi fornendo slancio all’attività economica terziaria che col trascorrere dell’estate, dovrebbe riprendere vigore.

Fonte: IHS Markit PMI® Composito dell’eurozona (aprile 2021)

Analisi di mercato
Report 2020 AssoBirra
Report 2020 AssoBirra
Secondo i dati pubblicati da AssoBirra, nel 2020 la produzione nazionale è dimi­nuita dell’8,4% (da 17.288.000 ettolitri a 15.829.000).
Indagine congiunturale industria metalmeccanica italiana
Indagine congiunturale industria metalmeccanica italiana
La produzione metalmeccanica, dopo il crollo registrato nel 2020 (-13,5%), ha evidenziato un progressivo miglioramento.
Evoluzione del commercio con l’estero per aree e settori 2021
Evoluzione del commercio con l’estero per aree e settori 2021
Il Rapporto ICE-Prometeia traccia l’andamento dell’export italiano durante l’emergenza pandemica e indica la prospettiva di ripresa del commercio mondiale per settori e per Paesi.
Migliorano le previsioni Istat sull’economia italiana
Migliorano le previsioni Istat sull’economia italiana
L’Istat prevede per l’Italia una sostenuta crescita del Pil sia nel 2021 (+4,7%), sia nel 2022 (+4,4%).  
Ocse e Banca d’Italia rivedono al rialzo previsioni di crescita
Ocse e Banca d’Italia rivedono al rialzo previsioni di crescita
Secondo il recente Outlook dell’Ocse l’economia italiana crescerà quest’anno del 4,5% (a marzo era +4,1%) e del 4,4% nel 2022 (+4% a marzo). Il Pil tornerà ai livelli del 2019 nel secondo semestre del 2022.
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2021
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2021
Il Rapporto sulla competitività dei settori produttivi elaborato dall'Istat fornisce alcune prime misurazioni degli effetti economici della pandemia.
SACE - Simest: Export italiano Marzo 2021
SACE - Simest: Export italiano Marzo 2021
Accelera la ripresa dell’export a marzo (+3,2% vs. feb.‘21) e nel primo trimestre dell’anno (+2,6% rispetto a ottobre-dicembre 2020).
Consensus e Monitor Altagamma Maggio 2021
Consensus e Monitor Altagamma Maggio 2021
Nel 2021 riprenderanno i consumi personali di lusso, trainati dalla forte domanda cinese e statunitense e dalla definitiva affermazione dell’ecosistema digitale.
L’export riprende slancio nel primo trimestre
L’export riprende slancio nel primo trimestre
Secondo i dati Istat, nel primo trimestre 2021, rispetto al precedente, l’export cresce del 2,6%, l’import del 5%.
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Secondo il recente report dell’Istat, nel 2020, il 38,5% delle aziende zootecniche italiane ha una gestione informatizzata degli allevamenti (rispetto al 6,6% del 2010).