Proiezioni economiche di Banca d’Italia

di lettura

Il Bollettino Economico di gennaio analizza la situazione internazionale e presenta le proiezioni macroeconomiche per il 2021-23.

Image

Nel terzo trimestre 2020 la ripresa dell’attività economica globale è stata robusta, anche se in misura molto ridotta nel comparto dei servizi, rimasto ovunque debole.

La recrudescenza dei contagi dall’autunno ha però  indotto un rallentamento dell’attività globale alla fine del 2020, soprattutto nei paesi avanzati. Nel complesso del 2020 la contrazione del commercio mondiale sarebbe nell’ordine del 9%.

Secondo le previsioni dell’OCSE diffuse in dicembre, il prodotto globale tornerebbe a espandersi del 4,2% nel 2021, superando i livelli antecedenti la pandemia entro la fine dell’anno.

Negli Stati Uniti, in Giappone e nel Regno Unito il prodotto si è collocato al di sotto dei livelli precedenti la pandemia, rispettivamente per il 3,5, il 4,2 e il 9,7%; ha invece superato i valori antecedenti l’emergenza sanitaria in Cina che dovrebbe contribuire per oltre un terzo all’espansione globale nel 2021.

L’avvio delle campagne di vaccinazione si riflette favorevolmente sulle prospettive per il medio termine, ma i tempi e l’intensità del recupero restano incerti.

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea ha ampliato e prolungato lo stimolo monetario, per assicurare condizioni di finanziamento favorevoli per il tempo che sarà richiesto a garantire il pieno sostegno all’economia e all’inflazione.

Il 2020 in Italia

Nel terzo trimestre 2020:

  • il PIL è aumentato del 15,9%
  • il recupero delle esportazioni italiane di beni e servizi è stato del 29,6%, un dato appena inferiore a quello registrato in Spagna (30,3%) e superiore a quelli di Francia e Germania (26,8% e 21,3%, rispettivamente)

Il valore aggiunto è salito in tutti i comparti; nelle costruzioni ha superato i valori precedenti lo scoppio dell’epidemia. Nei servizi il recupero è stato parziale per settori come il commercio, il trasporto, l’alberghiero e la ristorazione, le attività professionali e i servizi ricreativi, culturali e di cura della persona.

Sulla base delle informazioni disponibili, la flessione del PIL italiano nel quarto trimestre è attualmente valutabile attorno a un valore del -3,5% sul periodo precedente.

Pil Italia 2020

Gli indici di fiducia delle imprese industriali hanno risentito dell’aggravarsi dell’emergenza sanitaria tra ottobre e novembre, ma sono tornati a migliorare in dicembre con le notizie positive sulla disponibilità di vaccini.

Gli indici dei responsabili degli acquisti del settore manifatturiero (PMI) sono rimasti poco sopra la soglia di espansione. Nello stesso periodo l’indice PMI del settore, dopo il parziale recupero dei mesi estivi, è diminuito.

Prospettive per l’economia italiana

Alla base della proiezione di Banca d’Italia al 2023 vi sono le ipotesi che:

  • l’emergenza sanitaria ritorni gradualmente sotto controllo nella prima metà di quest’anno e venga del tutto superata entro il 2022
  • prosegua il deciso sostegno della politica di bilancio, rafforzato dall’utilizzo dei fondi NGEU
  • la politica monetaria garantisca il mantenimento di condizioni finanziarie favorevoli in tutto il periodo, come prefigurato dal Consiglio direttivo della BCE.

Sulla base di tali ipotesi il prodotto tornerebbe a crescere in misura significativa dalla primavera, con un’espansione del PIL attualmente valutabile nel 3,5% in media nel 2021, nel 3,8% il prossimo anno e nel 2,3% nel 2023, quando si recupererebbero i livelli precedenti la crisi pandemica.

Dopo la forte caduta registrata nel 2020 gli investimenti tornerebbero a crescere a ritmi elevati, intorno al 10% all’anno nel 2021-22 e al 5% nel 2023. La ripresa dell’accumulazione di capitale sarebbe sospinta dalle condizioni di accesso al credito favorevoli e dagli interventi di politica di bilancio.

La componente in macchinari, attrezzature e mezzi di trasporto aumenterebbe in media più del 9% all’anno nel triennio di previsione, beneficiando in misura particolarmente marcata degli incentivi finanziati con i fondi europei.

La ripresa dei consumi sarebbe più graduale, con un riassorbimento solo parziale della maggiore propensione al risparmio osservata dall’insorgere dell’epidemia.

Le vendite all’estero sono cadute nel complesso del 2020 di quasi il 15%. Quest’anno segnerebbero un netto rialzo, trainate da quelle dei beni, che già nei primi mesi si riporterebbero ai livelli pre-crisi; i servizi continuerebbero invece a risentire più a lungo della debolezza dei flussi turistici internazionali.

Nel biennio 2022-23 le esportazioni si espanderebbero in linea con la domanda estera. Le importazioni seguirebbero una dinamica simile, sostenute dalla ripresa degli investimenti in beni strumentali ad alto contenuto di input esteri.

La ripresa potrebbe essere rallentata dagli effetti di ulteriori recrudescenze dei contagi che non fossero fronteggiati con nuove misure di sostegno fiscale. Di contro, un’eventuale somministrazione su larga scala dei vaccini, effettuata in tempi più rapidi rispetto alle attese, potrebbe essere di supporto alla crescita.

scenario macroeconomico italia

Fonte: Bollettino Economico 1 - Gennaio 2021 (Banca d’Italia)

Analisi di mercato
Previsioni Italia Confindustria 2021
Previsioni d’autunno: rivisto al rialzo il Pil italiano
Secondo il World Economic Outlook di Fmi, il prodotto interno lordo italiano cresce più della media dell'area euro: +5,8% nel 2021 (+0,9 punti percentuali in più rispetto alle previsioni di luglio) e +4,2% nel 2022
Export agroalimentare 2021
L'export agroalimentare supererà i 50 miliardi nel 2021
Secondo l’Istat, l'export dei beni di consumo non durevole, di cui l'alimentare rappresenta una gran parte, ha registrato a giugno 2021 un incremento del +15,2% su giugno 2020 (quando l'export agroalimentare aveva registrato un +1,6%), sul semestre l'aumento tendenziale è dell'11,5% (nel semestre 2020 +2,2%).
Digitale in Italia 2021
Previsioni mercato digitale in Italia
Secondo il 52° rapporto Anitec-Assinform, nel 2020 il mercato digitale italiano vale oltre 71,5 miliardi di euro. L’incidenza del mercato digitale sul PIL è passata dal 4% al 4,3% nel triennio 2017-2020.
Yachting Italia 2021
Mercato italiano della cantieristica nautica
Secondo il report di Deloitte, Il valore della produzione della cantieristica nautica italiana ammonta a 2,8 miliardi di euro (crescita media del 12,7% tra il 2014 e il 2019).
Bollettino economico della BCE settembre 2021
Bollettino economico della BCE settembre 2021
Le proiezioni macroeconomiche formulate a settembre 2021 dagli esperti della BCE, rispetto all’esercizio precedente, segnano una lieve revisione al rialzo delle prospettive di crescita dell’economia mondiale.
Export Italia luglio 2021
SACE - Simest: Export italiano luglio 2021
Nei primi 7 mesi dell'anno si registra un incremento sostenuto delle vendite italiane all’estero (+22,8% vs. gen-lug’ 20). Tale dinamica continua a beneficiare del confronto con aprile e maggio 2020, mesi di restrizioni dovute alla pandemia, durante i quali le esportazioni di beni italiane sono crollate.
Congiuntura metalmeccanica
Congiuntura Metalmeccanica (settembre 2021)
Secondo l’Indagine congiunturale di Federmeccanica, nei mesi più recenti l’attività produttiva metalmeccanica ha superato i volumi di produzione che si realizzavano prima della pandemia.
Rapporto Export SACE 2021
Rapporto Export SACE 2021
La XV edizione del Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per orientarsi sui mercati esteri e comprendere le dinamiche dell’export italiano.
Gap infrastrutture Italia
Il capitale infrastrutturale dell’Italia
La competitività delle imprese è legata alla disponibilità di una rete adeguata di trasporti e di telecomunicazioni, nonché alla qualità del servizio energetico e idrico input essenziali dei processi di produzione.
Regioni italiane export I semestre 2021
Esportazioni delle regioni italiane (II trimestre 2021)
Nel secondo trimestre l'Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni, con intensità diverse, per tutte le ripartizioni: +7,3% il Nord-est, +3,8% il Sud e Isole, +3,6% il Nord-ovest e +0,2% il Centro.