Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica

di lettura

Ci sono Paesi che, pur essendo in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è il Costa Rica. La piccola geografia centroamericana rappresenta la democrazia più compiuta di tutta l’area, oggetto di un solo cambio di regime violento nel dopoguerra e tanto stabile da essere uno dei rarissimi Paesi al mondo senza un esercito professionale permanente.

Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica

Questa decisione risale al 1949, quando l’allora Ministro della Difesa Cardona supportò l’idea dell’ex Ministro dell’Interno Ramos di spendere di più per istruzione e sanità. Un recente lavoro di due ricercatori dell’Università del Costa Rica  ha stimato, con un modello econometrico che mette a confronto con un’analisi controfattuale il Costa Rica attuale, che ha abolito la leva obbligatoria, con uno fittizio che avesse preso la decisione opposta, che la scelta presa ha pagato, rendendo possibile il raddoppio del Pil pro capite in 30 anni e non 53, portando il Paese dall’avere il quarto Pil pro capite più basso dell’America latina al secondo reddito più elevato. 
Negli ultimi due decenni il Paese è inoltre riuscito a cambiare il proprio modello di sviluppo passando da un export dipendente quasi interamente dai prodotti agricoli (in particolare frutta tropicale e caffè) a vendite molto più diversificate, che includono prodotti hi-tech afferenti a vari settori (dispositivi medici, elettronica e aerospazio), inserendosi nelle catene globali del valore, in particolare in quella statunitense. Dal gigante nordamericano proviene oltre il 50% degli Ide, i cui flussi sono stati pari, in media, al 6% del Pil nell’ultimo decennio. Un forte impulso all’attrazione di capitali nel Paese è stato reso possibile dall’introduzione di Zone Franche soggette a regimi speciali (esenzione pluriennale dal pa¬gamento delle imposte sui redditi d’impresa e di imposte d’importazione sulle materie prime e semilavorati) accordati a particolari tipologie di imprese (sia di trasformazione che di servizi) .
Il Costa Rica, pur essendo solo la dodicesima geografia di destinazione per l’export italiano in America latina, presenta opportunità per le imprese italiane già presenti nel subcontinente e che vogliano ulteriormente esplorarne le potenzialità: le principali sono nei servizi di alloggio e ristorazione, nelle costruzioni, nella vendita di macchinari, alimentari e mobili. Nel Paese è consolidata la presenza di alcune grandi imprese italiane ma vi sono occasioni anche per le Pmi, data l’elevata considerazione di cui godono i nostri prodotti.


Nel 2017 le esportazioni italiane hanno raggiunto la cifra record di 148 milioni di euro, in crescita di oltre il 50% rispetto al 2007. Nei primi 9 mesi del 2018 si evidenzia un calo tendenziale del 7,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, dovuto alle minori esportazioni di apparecchi elettrici, oggetto di un boom nel 2017; tuttavia diversi sono i settori in controtendenza tra cui gomma e plastica, prodotti alimentari e prodotti chimici. Quel che colpisce dai dati (Figura 1) è inoltre la maggiore diversificazione settoriale rispetto alla meccanica strumentale, in linea con l’inserimento del Paese nelle catene del valore. Questo fenomeno depone a favore di un ulteriore aumento dei flussi, grazie alla minore elasticità al ciclo economico dei settori integrati nelle filiere di produzione internazionale. La presenza di consumatori mediamente giovani, con un buon livello di scolarizzazione e potere d’acquisto rispetto ai peer dell’area, è un altro fattore che può far incontrare le preferenze locali con il Made in Italy. Di contro i problemi di consolidamento fiscale del Paese alla base del recente downgrade delle principali agenzie, benché prontamente affrontati dalla riforma fiscale del nuovo governo Alvarado, impongono più cautela rispetto al passato, con necessità di maggiore selezione delle controparti e di adeguati strumenti finanziari e assicurativi.

A cura di – Davide Serraino

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.