SACE - Simest: Export italiano giugno 2018

di lettura

Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a giugno 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.

Che export tira? Scopri i dati di giugno

Esportazioni italiane di beni nel mondo

A giugno l’export italiano è cresciuto del 6,6% rispetto allo stesso mese del 2017. Il dato del primo semestre è in accelerazione (+3,7%) rispetto a quello di maggio (+3%) grazie al maggiore contributo delle destinazioni extra-Ue (da +0,6% a +1,9%) e delle vendite nel settore della cantieristica navale (destinate verso Stati Uniti e Svizzera). Rimane solida la domanda dal Mercato Comune.

 

Il quadro congiunturale

Nel trimestre aprile-giugno i beni italiani verso l’estero sono aumentati dell’1,1% rispetto ai tre mesi
precedenti. Il dato di giugno mostra una crescita solida rispetto a maggio (+4,6%).

 

 

 

Dentro e fuori l'UE

Rimangono i Paesi Ue il traino per i prodotti italiani (+5,1%), in particolare verso Paesi Bassi (+12,7%, ma influenzato da «l’effetto Rotterdam»), Polonia, Rep. Ceca, Germania, Francia e Austria.

 

 

 

In accelerazione rispetto a maggio, la domanda extra-Ue passa da +0,6% a +1,9%. Negativa la dinamica verso Mena, Opec e Asean.

 

 

L’India è tra le principali destinazioni extra-Ue insieme alla Svizzera. Autoveicoli e apparecchi elettrici Made in Italy sono i più domandati con macchinari, prodotti in metallo e tessili che sono anche richiesti dalla Rep. Ceca. Il crollo della lira turca, che ha perso quasi il 20% a giugno rispetto a inizio 2018, non agevola la domanda di beni dall’Italia in Turchia; soffrono in particolare
meccanica strumentale, apparecchi elettrici, gomma e plastica e abbigliamento.


Il dato di giugno molto positivo per i beni strumentali consente un lieve recupero per questi prodotti, che tuttavia segnano appena +2,4%. Rimangono i beni intermedi quelli con il tasso più elevato (+4,9%), seguiti dai beni di consumo (+3,6%). Tra questi ultimi, rimangono stabili rispetto a maggio i durevoli, mentre i non durevoli hanno registrato un incremento del 4,1%.

L’export di metalli e prodotti in metallo (+7%) cresce nell’Area euro (Austria, Francia, Germania, Paesi Bassi), ma anche in India e Cina. Pechino, insieme ai membri del Mercosur, Svizzera e geografie più vicine come Francia, Paesi Bassi e Regno Unito, è anche destinazione dei prodotti in pelle (escluso l’abbigliamento). In flessione le esportazioni di prodotti agricoli, per il calo della domanda proveniente da Paesi fuori il Mercato Comune (ad esempio, Russia, Turchia, Cina e India).

 

Analisi di mercato
SACE - Simest: Export italiano novembre 2020
SACE - Simest: Export italiano novembre 2020
Nei primi undici mesi del 2020 l'export italiano di beni ha registrato una flessione del 10,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Rapporto economico 2020 Prosecco Conegliano Valdobbiadene
Rapporto economico 2020 Prosecco Conegliano Valdobbiadene
Il Consorzio di Tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG chiude il 2020 con una certificazione di bottiglie in linea con l’anno precedente.
Proiezioni economiche di Banca d’Italia
Proiezioni economiche di Banca d’Italia
Il Bollettino Economico di gennaio analizza la situazione internazionale e presenta le proiezioni macroeconomiche per il 2021-23.
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Il Rapporto di Ismea e Fondazione Qualivita conferma la crescita del valore dei prodotti a Indicazione Geografica (IG) e delle loro performance sui mercati esteri nel 2019.
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Secondo l'Istat nel 2018 il valore aggiunto è prodotto in Italia per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est; seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%.
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
In Italia, dopo il calo del Pil nel quarto trimestre 2020 (-3,2%) e nel primo del 2021 (-0,4%), l’attività dovrebbe riprendere dalla prossima estate, grazie anche all’arrivo dei primi fondi Next Generation EU.
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Secondo il bilancio preventivo 2021, i ricavi saranno pari a 51,8 milioni di euro (rispetto ai 38,4 del 2019 e ai 33,4 del 2018).
Indice PMI eurozona dicembre 2020
Indice PMI eurozona dicembre 2020
A dicembre, l’attività economica dell’eurozona si sta avvicinando alla stabilizzazione con una crescita più forte della produzione manifatturiera che compensa il calo ulteriore dell’attività terziaria.
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Nel terzo trimestre l’Istat stima una forte crescita congiunturale delle esportazioni: +34,3% per il Centro, +33,4% per il Nord-est, +30,3% per il Nord-ovest e +27% per il Sud.