SACE - Simest: export italiano ottobre 2021

di lettura

Nei primi dieci mesi del 2021 l'export italiano di beni è cresciuto del 18,6%. Seppur in decelerazione rispetto ai mesi precedenti, le vendite oltreconfine si mantengono superiori rispetto ai livelli pre-crisi.

Image

Il mese di riferimento

La congiuntura. A ottobre l’export italiano è tornato a crescere (+1,5% su settembre), grazie agli incrementi verso sia l’area Ue (+1,4%), sia extra-Ue (+1,6%). In rialzo a +2,4% anche il trimestre agosto-ottobre 2021 rispetto ai tre mesi precedenti.

Il trend. In termini tendenziali, le esportazioni a ottobre sono aumentate del +7,4%, una crescita in rallentamento, seppure ancora accentuata rispetto a quelle registrate nei mesi precedenti.

Contesto globale. L’incremento su base annua interessa quasi tutti i settori ed è più sostenuto verso i Paesi Ue (+10,6%) rispetto a quelli extra-Ue (+4,0%).

Nei primi 10 mesi

Tra gennaio e ottobre 2021 le vendite oltreconfine sono cresciute del 18,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nonostante la decelerazione rispetto ai mesi precedenti (+20,1 gen-set’ 21 vs gen-set’ 20), l’export italiano si mantiene superiore ai livelli pre-crisi.

Dentro e fuori l’Unione Europea

Nei primi dieci mesi del 2021 la performance  delle esportazioni verso i Paesi Ue è rimasta sostenuta (+20%). Crescita marcata per alcuni mercati come Paesi Bassi (+31,5%), Polonia (+26%) e Spagna (+23,1%), ma significativi aumenti anche per Germania (+19,6%) e Francia (+17,7%).

Molto positivo anche l’andamento delle vendite verso i Paesi extra-Ue (+17,1%). In evidenza i rialzi dei Paesi del MERCOSUR (+33,2%), India (+32%) e Cina (+28,3%). Comunque in crescita, sebbene a ritmi inferiori alla media, l’export verso USA (+13,9%), Svizzera (+10,6%), UK (+6,3%) e Giappone (+5,3%).

Focus Paesi

Tra gennaio e ottobre 2021, l’export di mezzi di trasporto è stato particolarmente elevato verso l’India (+64,3%), trainato dagli autoveicoli, mentre si è attestato su livelli più contenuti in Polonia (+9,5%) ed è calato negli Stati Uniti (-4,9%). Le esportazioni di metalli, supportate dalla ripartenza dell’attività industriale nel corso dell’anno, hanno visto rialzi significativi nelle tre geografie (Varsavia +57,5%; Nuova Delhi +28,1%; Washington +17,6%). Anche gli apparecchi elettrici hanno registrato un’ottima performance in tutti e tre i mercati (India +39,3%; Polonia +27,6%; Stati Uniti +25,1%).

Focus industrie e settori

Nell’ambito dei raggruppamenti principali di industrie, i beni intermedi segnano l’incremento più marcato (+23,8% tendenziale nei primi 10 mesi); ampia ma inferiore la crescita dei beni strumentali (+18,1%).

La miglior dinamica dei beni intermedi è attesa continuare anche nei prossimi mesi, spinta dalla componente di prezzo legata agli aumenti del costo delle materie prime sottostanti, in particolar modo dei metalli.

Su livelli più modesti il rialzo dei beni di consumo (+12,2%), a cui contribuiscono soprattutto i beni durevoli (+32,6%), mentre quelli non durevoli ottengono un aumento inferiore (+8,5%).

In forte ripresa le vendite oltreconfine di articoli in pelle e simili (+19,3%), specie verso mercati extra-Ue come Cina (+46,9%), Stati Uniti (+43%) e Turchia (+27,1%) ma anche europei come Polonia (+42,3%) e Belgio (+28,5%).

Le esportazioni di sostanze e prodotti chimici (+18,0%) hanno segnato un’espansione verso alcuni importanti partner, come Spagna (+31,1%), Svizzera (+27,2%) e Russia (+26,6%).

Dopo il buon andamento dello scorso anno, l’export di alimentari e bevande si conferma in crescita (+10,7%), con incrementi particolarmente sostenuti in Cina (+39%), India (+41%) e Giappone (+15,4%).

Fonte: SACE

Analisi di mercato
SACE - Simest: export italiano novembre 2021
SACE - Simest: export italiano novembre 2021
A novembre, l’export italiano di beni si conferma in crescita (+2,7% su ottobre), grazie agli aumenti registrati verso l’area extra-Ue (+2,9%) e Ue (+2,4%).
Commercio con l’estero novembre 2021
Commercio con l’estero novembre 2021
Nel trimestre settembre-novembre 2021, rispetto al precedente, l’export cresce dell’1,9%, l’import del 4,5%.
Nota mensile Istat dicembre 2021
Nota mensile Istat dicembre 2021
In Italia, a novembre, l’indice della produzione industriale ha mostrato un deciso incremento. Nel quarto trimestre, la fiducia di famiglie e imprese si è mantenuta su livelli storicamente elevati.
Olio di oliva: campagna 2021/22
Olio di oliva: campagna 2021/22
Secondo il Rapporto Ismea dedicato all’olio di oliva, le prime stime produttive a livello internazionale attestano i volumi della campagna in corso a 3,1 milioni di tonnellate.
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Secondo dati UCIMU-sistemi per produrre tutti i principali indicatori settoriali hanno registrato incrementi a doppia cifra. Il trend proseguirà anche nel 2022, anno in cui sarà recuperato il terreno perso nel 2020.
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
Nei primi dieci mesi del 2021 l'export italiano di beni è cresciuto del 18,6%. Seppur in decelerazione rispetto ai mesi precedenti, le vendite oltreconfine si mantengono superiori rispetto ai livelli pre-crisi.
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Secondo l’analisi di Euler Hermes (Allianz), il commercio globale crescerà nel 2022 del 5,4% anche se le discontinuità nelle catene di approvvigionamento rimarranno elevate fino alla seconda metà dell’anno.
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
L’Istat prevede una crescita sostenuta del Pil italiano nel biennio 2021-2022 (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo).
Worldwide Cost of Living 2021
Worldwide Cost of Living 2021
Secondo il rapporto dell'Economist Intelligence Unit, la città più costosa al mondo in cui vivere è Tel Aviv che guadagna 5 posizioni rispetto alla precedente edizione.
Ocse rivede al rialzo Pil Italia, Pil mondiale al ribasso
Ocse rivede al rialzo Pil Italia, Pil mondiale al ribasso
Secondo gli ultimi dati Istat, nel terzo trimestre l’economia italiana è cresciuta del 2,6% e la crescita acquisita per l'intero anno supera i sei punti percentuali.