SACE - Simest: Export italiano settembre 2020

di lettura

L'export italiano di beni mostra una contrazione dell'11,6% nei primi nove mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Image

Mese di riferimento

La congiuntura. Le esportazioni italiane, già in crescita ad agosto e, in media, nel trimestre precedente, sono aumentate anche a settembre (+2,7% rispetto al mese di agosto, +30,4% nell’ultimo trimestre rispetto ad aprile-giugno).

Il trend. A settembre si è osservata una crescita del 2,1% dell’export in valore in termini tendenziali, influenzata dai valori medi unitari. 

Contesto globale. Rispetto all’anno scorso, nel mese di settembre alcuni mercati risultano in avanzamento (crescono a doppia cifra Cina, Polonia, Svizzera e  Stati Uniti), altri, invece, mostrano un peggioramento (Regno Unito: -3,9%, Repubblica Ceca: -10,2%).

Come sta andando nei primi 9 mesi

Si osserva un miglioramento della dinamica dell’export tendenziale, che rimane tuttavia negativa  (-11,6% tra gennaio e settembre, in termini tendenziali). I settori più in difficoltà, che impattano maggiormente, sono mezzi di trasporto, tessile e abbigliamento e prodotti delle altre attività manifatturiere.

Dentro e fuori l’Unione Europea

Sebbene nei primi nove mesi l’andamento generale dell’export sia stato negativo, in alcuni Paesi la contrazione della domanda è stata minore rispetto alla media. In UE, si segnalano Paesi Bassi (-5,2% rispetto allo stesso periodo del 2019) e Germania (-7,5%), con l’eccezione positiva del Belgio (+6,0%). 

Tra i mercati extra-UE, invece, Giappone (-6,0%), Svizzera (-6,8%) e Stati Uniti (-7,5%). In particolare difficoltà, invece, le esportazioni dirette verso India (-31,4%), America centro-meridionale (-21,1%) e Africa settentrionale (-19,9%).

Focus Paesi

Tra gennaio e settembre si è osservata una dinamica negativa nella vendita di tessile e abbigliamento in Giappone, Repubblica Ceca e Austria (rispettivamente -20,8%, -21,2% e -26,4%, in termini tendenziali). I prodotti alimentari mantengono un’incidenza positiva nelle scelte dei consumatori cechi, giapponesi e austriaci (rispettivamente +7,8%, +4,0% e +1,4%); mentre si confermano solidi apparecchi elettronici (es. apparecchi per TLC ed elettronica di consumo, audio e video) per Tokyo e Praga (rispettivamente +50,6% e +13,8%) e, negativi ma sopra la media, per Vienna  (-6,0%).

Focus industrie e settori

In termini di raggruppamenti principali di industrie, le esportazioni di beni di consumo si sono mantenute sopra la media (-7,2% rispetto ai primi nove mesi del 2019), grazie sempre all’andamento meno negativo delle vendite dei beni di consumo non durevoli  (-5,4%) rispetto a quello delle vendite dei beni durevoli (-16,1%).

Per l’export di beni intermedi (-10,8%), la dinamica migliore della media dei prodotti chimici e degli articoli in gomma e plastica risulta decisiva per l’aggregato, che ottiene un risultato migliore delle esportazioni complessive.

Si conferma negativo l’andamento dei beni strumentali (-15,0%), sebbene non rallenti la ripresa in atto da maggio (+5,5% di settembre rispetto ad agosto scorso).

Tra gennaio e settembre dell’anno in corso, la domanda estera di mezzi di trasporto Made in Italy è calata del 16,1%. Particolarmente negative le performance di Regno Unito, Francia e Germania, che hanno registrato una contrazione delle vendite nel settore, rispettivamente, del 31,5%, 22,2% e 11,0% in termini tendenziali.

L’export di apparecchi elettronici ha mostrato, in generale, una flessione del 5%, sebbene verso Stati Uniti e Regno Unito sia cresciuto, rispettivamente, del 3,6% e dell’1,5%. 

Le vendite di prodotti alimentari e bevande rimangono in positivo (+2,9%), grazie soprattutto alle richieste di Berlino (+6,7%), Parigi (+3,6%) e Washington (+3,1%).

Fonte: SACE - Simest

Analisi di mercato
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Secondo un’analisi di Unioncamere - Centro Studi Tagliacarne, gli investimenti delle imprese nella duplice transizione digitale e green generano una crescita di produttività che può arrivare fino al 14%.
G20 trade and investment measures
G20 trade and investment measures
Il report analizza il commercio internazionale e le misure di investimento attuate dalle economie del G20 nel periodo maggio - ottobre 2022.
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
L’Africa richiede investimenti sostenibili su ampia scala per raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo.
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
Secondo l’Osservatorio Altagamma 2022, il mercato globale dell’alto di gamma sale a circa €1.400 miliardi. Previsioni positive anche per il 2023.
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
Nei primi nove mesi del 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del 21,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si conferma prevalente il sostegno dato dai valori medi unitari (+20,3%), mentre l’incremento dei volumi è modesto (+0,7%).
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
L’effetto dei continui lockdown è stato stimato in 1,2 p.p. di Pil reale nel 2022 dal Fondo Monetario Internazionale, che ha tagliato le stime di crescita del Paese a +3,2%.
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
La tenuta del sistema energetico italiano è minacciata dalla tenuta dei bilanci di imprese energetiche e utenti finali e dal rischio relativo allo svuotamento degli stoccaggi.
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Il report sul Sistema Moda Mondo dell’Area Studi Mediobanca analizza i dati finanziari di 78 multinazionali con ricavi superiori a un miliardo di euro ciascuna.
Distretti industriali: export nel I semestre +17,7%
Distretti industriali: export nel I semestre +17,7%
Record storico per l’export dei distretti industriali italiani nel primo semestre dell’anno, con tutte le filiere distrettuali oltre i livelli pre-pandemici e con una crescita delle esportazioni superiore a quella tedesca.
Bollettino Economico Banca d’Italia ottobre 2022
Bollettino Economico Banca d’Italia ottobre 2022
In ottobre il Fondo monetario internazionale ha confermato la previsione di crescita del prodotto mondiale nel 2022, mentre ha ridotto la stima per l’anno prossimo al 2,7 per cento.