Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy

di lettura

Pur su valori ancora relativamente contenuti, l’export italiano verso la Serbia presenta un profilo di di crescita avviato ormai da tempo. Tale tendenza è attesa confermarsi anche nei prossimi anni.

Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy

Nel quadriennio 2019-2022, infatti, le vendite di Made in Italy sul mercato serbo sono previste complessivamente in aumento di quasi 300 milioni di euro (fonte: Sistema Informativo Ulisse), crescendo dai 1862 milioni di euro del 2018 fino a sfiorare i 2.2 miliardi di euro al termine del periodo di previsione.

In particolare, il mercato serbo appare offrire le maggiori opportunità di crescita nei comparti della componentistica industriale, dei beni intermedi e delle materie prime industriali.

Lo scenario di previsione formulato da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero al 2022 evidenzia le crescite più sostenute delle esportazioni italiane da

  • Componenti per i mezzi di trasporto (+58 milioni di euro)
  • Beni intermedi in materie tessili e pelli (+40.2 milioni di euro, trainate dalle vendite di Pelli depilate e trattate e di Tessuti non tessuti e tessuti per uso tecnico)
  • Beni intermedi chimici (+24.4 milioni di euro, con incrementi particolarmente significativi per Lastre, fogli, tubi e profilati in materie plastiche)
  • Materie prime industriali (+35mln di euro, grazie soprattutto agli incrementi attesi dalle vendite di Acciaio, Rame, Fibre sintetiche e artificiali, Materie plastiche in forme primarie).

Da sottolineare, inoltre, gli incrementi attesi nel periodo 2019-2022 dall’export italiano verso la Serbia di Elettrotecnica (+15.4mln di euro, con i maggiori spunti di crescita per Fili e cavi, interruttori, spine, prese e quadri elettrici, Parti per apparecchiature elettriche, Motori, generatori e trasformatori elettrici), Beni intermedi in metallo (+10.5mln di euro), Componenti meccaniche ed ottiche (+8.4mln di euro), Beni intermedi in carta e in legno (+6.8mln di euro).

Nell’orizzonte 2019-2022 opportunità di crescita per il made in Italy in Serbia riguardano anche la filiera Agroalimentare (con un incremento atteso di quasi 20 milioni di euro nel complesso del quadriennio) e per Prodotti finiti per la Persona (+12.3 milioni di euro). In particolare, nell’alimentare confezionato gli aumenti più significativi riguardano i settori Carne e pesce, lavorati e confezionati (+3.8mln di euro) e Tè e caffè confezionato (+2.1mln di euro); in crescita nelle bevande anche il segmento Bevande alcoliche. Nel sistema Persona, vanno invece evidenziati gli aumenti attesi per le vendite italiane di Abbigliamento esterno, Biancheria intima e calzetteria, Calzature, Profumi e cosmetici.

Crescite positive (anche seì con incrementi complessivamente più contenuti) sono attese anche per le esportazioni italiane verso la Serbia di Materie prime naturali (+6.8 milioni di euro nello scenario 2019-2022), Mezzi di trasporto e per l’agricoltura (+6.6 milioni di euro, riconducibili quasi interamente al settore Automobili, autobus e roulotte), Beni e prodotti per le costruzioni (+4.2 milioni di euro), Strumenti e attrezzature per l’industria e Prodotti e strumenti per la salute (entrambi i comparti con incrementi attesi di quasi 4 milioni di euro).

Nello scenario al 2022 sono da segnalare, non ultime, le conferme di quote di mercato complessivamente prossime ai 20 punti percentuali per l’export italiano di Macchine e impianti per i processi industriali (con quote particolarmente elevate, prossime al 40%, nei settori Macchine tessili e Macchine utensili per materiali duri) e previsioni di quote superiori al 15% per Impiantistica industriale (Impianti siderurgici, Impianti chimici e per la lavorazione dei minerali e Scambiatori di calore i settori con le quote di mercato Italia più elevate, prossime al 20%).

Marcello Antonioni

 

 

Analisi di mercato
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Secondo il recente report dell’Istat, nel 2020, il 38,5% delle aziende zootecniche italiane ha una gestione informatizzata degli allevamenti (rispetto al 6,6% del 2010).
Previsioni export Confindustria e indici PMI dell’eurozona
Previsioni export Confindustria e indici PMI dell’eurozona
Il PIL italiano tornerà in territorio positivo nel 2° trimestre 2021 dopo la contrazione (-0,4%) registrata nel trimestre precedente. Un forte rimbalzo atteso nel 3° trimestre.
I 30 brand italiani di maggior valore
I 30 brand italiani di maggior valore
Secondo Kantar i marchi italiani entrati nella Top 30 hanno generato ricavi per 114,5 miliardi di dollari (+11% rispetto all’anno precedente).
SACE: Focus on Colombia
SACE: Focus on Colombia
La Colombia è il terzo Paese dell’America Latina per dimensioni demografiche (51 milioni di abitanti) e quarto per Pil dopo Brasile, Messico e Argentina.
Bollettino economico Banca d’Italia Aprile 2021
Bollettino economico Banca d’Italia Aprile 2021
La prosecuzione delle campagne di vaccinazione e il forte sostegno delle politiche monetarie e fiscali si riflettono in un deciso miglioramento delle prospettive di medio termine.
SACE - Simest: Export italiano Febbraio 2021
SACE - Simest: Export italiano Febbraio 2021
Nei primi due mesi del 2021 l'export italiano di beni registra una contrazione pari al 6,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Andamento Euro-coin
Andamento Euro-coin
€-coin è l’indicatore sviluppato dalla Banca d’Italia che fornisce una stima sintetica del quadro congiunturale corrente nell’area dell’euro.
Comportamenti d’acquisto dei consumatori di prodotti food
Comportamenti d’acquisto dei consumatori di prodotti food
Eurobarometro ha analizzato i comportamenti e le opinioni dei consumatori europei nei confronti delle modalità di scelta e di acquisto dei prodotti alimentari.
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).