Struttura e competitività delle imprese multinazionali (2019)

di lettura

Nel 2019, il fatturato delle imprese a controllo estero ha registrato un incremento decisamente più ampio di quello delle imprese residenti in Italia (+5% contro +0,8%).

Image

Multinazionali estere in Italia

Nel 2019 le multinazionali estere in Italia consolidano il loro contributo alla crescita del sistema produttivo italiano. Le multinazionali estere sono attive in Italia con 15.779 controllate. Rispetto al 2018:

  • il numero di addetti cresce di oltre 64mila unità (+4,4%)
  • il fatturato di quasi 30 miliardi (+5,0%)
  • il valore aggiunto di circa 10 miliardi (+7,6%)
  • la spesa in Ricerca e sviluppo di oltre mezzo miliardo (+14,7%).

Seppur con un numero limitato di imprese (pari allo 0,4% del totale delle imprese italiane), le multinazionali estere contribuiscono in modo significativo ai principali aggregati economici nazionali dell’industria e dei servizi con l’8,7% degli addetti (+0,4 punti percentuali rispetto al 2018), il 19,3% del fatturato (+0,8 punti), il 16,3% del valore aggiunto (+0,8 punti) e il 26% della spesa in Ricerca e sviluppo (+2,4 punti).

Di particolare rilevanza è l’apporto agli scambi di merci con l’estero, con quote del 32,1% per le esportazioni (+2,7 punti) e del 50,7% per le importazioni (+1,7 punti). Una quota rilevante dei flussi commerciali provenienti dalle multinazionali è relativa agli scambi intragruppo (39,3% per le esportazioni e 58,8% per le importazioni).

  • Per le esportazioni i settori manifatturieri più coinvolti sono: fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (79,9%), fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio (49,4%) e chimica (48,9%).
  • Per le importazioni, le quote maggiori di presenza delle multinazionali si registrano nella fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (89,4%) e nella fabbricazione di prodotti chimici (56,3%).

Nel 2019 le multinazionali estere in Italia crescono soprattutto nel settore della manifattura (+7% il fatturato; +4,9% il valore aggiunto), in particolare nella confezione di articoli di abbigliamento e fabbricazione di articoli in pelle e simili (+27,5% di fatturato) e nella fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (+20,9%).

Gli Stati Uniti sono il paese con il più elevato numero di addetti a controllo estero in Italia (quasi 305 mila); seguono Francia (oltre 289 mila addetti) e Germania (oltre 203 mila addetti).

A livello settoriale la graduatoria cambia; la Francia è in testa nell’industria non manifatturiera (settore energetico e estrattivo in particolare), con quasi 12mila addetti, seguita a notevole distanza dal Regno Unito con quasi 4mila addetti.

Multinazionali italiane

Le multinazionali italiane sono presenti in 173 paesi con 24.765 controllate (+4,2% rispetto al 2018), occupano quasi 1,8 milioni di addetti (-1%) e fatturano circa 567 miliardi (+3,7%).

Le affiliate estere attive nell'industria (9.652 unità, un numero molto minore rispetto alle 15.113 affiliate attive nei servizi) confermano una maggiore rilevanza economica: impiegano infatti oltre un milione di addetti (56,8% del totale) e realizzano quasi 321 miliardi di fatturato (56,6% del totale).

Nella manifattura, si rilevano performance positive nella fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (+2,3% in termini di addetti; +12,7% di fatturato) e nelle industrie alimentari, delle bevande e del tabacco (+1% di addetti, +13,9% di fatturato).

Gli Stati Uniti conservano il primato come principale paese di localizzazione degli investimenti italiani all’estero (oltre 161mila addetti nell’industria e quasi 71mila nei servizi); al secondo posto la Romania per l’industria, con quasi 93mila addetti impiegati, e il Brasile per i servizi, con oltre 69mila addetti.

Le affiliate italiane all'estero realizzano il 28,6% del loro fatturato tramite vendite su mercati diversi dal paese di localizzazione. Le controllate estere delle multinazionali italiane attive nei settori tradizionali del Made in Italy confermano quote notevoli di fatturato nelle esportazioni verso l’Italia, seppur in flessione rispetto al 2018:

  • industrie tessili e confezione di articoli di abbigliamento, di articoli in pelle e pelliccia (53,0%, -0,6 punti rispetto al 2018)
  • fabbricazione di articoli in pelle e simili (40,9%, -5,6 punti rispetto al 2018)
  • fabbricazione di mobili e altre industrie manifatturiere (30,3%, -9,9 punti rispetto al 2018).

Investimenti italiani all’estero

Il 52,5% dei principali gruppi multinazionali italiani attivi nell’industria e il 44,1% di quelli dei servizi hanno realizzato o progettato per il biennio 2020-2021 (biennio preso in considerazione dalla Rilevazione sulle attività estere delle imprese a controllo nazionale) un nuovo investimento di controllo all’estero.

Più contenuta, anche se rilevante, è la propensione all’investimento estero dei gruppi multinazionali di medio-grande dimensione (16,5% nell’industria e 20,3% nei servizi) e dei gruppi multinazionali di piccola dimensione, con una quota del 9,1% nell’industria e del 6,2% nei servizi.

L’area Ue15  si conferma la principale area di localizzazione dei nuovi investimenti di controllo all’estero delle multinazionali italiane sia nell’industria (20,8%) sia nei servizi (32,0%); seguono, per l’industria, Stati Uniti e Canada (18,4%), Altri Paesi asiatici, Vicino e Medio-Oriente e Oceania (13,0%), Altri Paesi europei (12,4%).

Per i gruppi attivi nei servizi, dopo l’area Ue15, si posizionano Stati Uniti e Canada e Altri Paesi europei con il 13,1%, Altri Paesi asiatici, Vicino e MedioOriente e Oceania (11,1%).

I nuovi investimenti di controllo all’estero realizzati o progettati nel 2020-2021 sono finalizzati soprattutto alla produzione di merci e servizi (31,4% e 33,1% rispettivamente) e alla distribuzione e logistica (25,4% e 18,6%). Seguono, per le imprese attive nell’industria, il marketing, vendite e servizi post vendita, inclusi i centri assistenza e i call center (21,0%), e, per le imprese attive nei servizi, i Servizi informatici e di telecomunicazione ed Engineering e altri servizi tecnici (12,0%).

Per l’81,3% dei gruppi multinazionali italiani dell’industria la motivazione prevalente alla base dei nuovi investimenti all’estero nel periodo 2020-2021 è la possibilità di accedere a nuovi mercati. I gruppi industriali ritengono determinanti altri due fattori: accesso a nuove conoscenze o competenze tecniche specializzate (18,9%) e l’aumento della qualità e lo sviluppo di nuovi prodotti (17,0%). Il costo del lavoro interessa invece soltanto il 12,3% dei gruppi.

Anche per i gruppi multinazionali attivi nei servizi la motivazione prevalente per i nuovi investimenti è l’accesso a nuovi mercati (81,9%), seguono l’aumento della qualità e lo sviluppo di nuovi prodotti (33,9%) e l’accesso a nuove conoscenze o competenze tecniche specializzate (22,7%). Anche nei servizi il costo dei lavoro non è considerato una motivazione importante (2,9%).

Fonte: Istat - Struttura e competitività delle imprese multinazionali 2019

Analisi di mercato
Rapporto distretti industriali di Intesa Sanpaolo
Rapporto distretti industriali di Intesa Sanpaolo
Il Rapporto annuale sulle imprese distrettuali descrive gli impatti della crisi pandemica, il forte rimbalzo del 2021 e le priorità da affrontare, anche alla luce dell’invasione russa dell’Ucraina.
SACE - Simest: export italiano aprile 2022
SACE - Simest: export italiano aprile 2022
Nei primi quattro mesi dell’anno le esportazioni sono cresciute del 20,7% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Il falso Made in Italy a tavola vale 120 miliardi
Il falso Made in Italy a tavola vale 120 miliardi
Secondo Coldiretti il falso Made in Italy agroalimentare nel mondo vale 120 miliardi. La guerra in Ucraina frena gli scambi commerciali, favorisce il protezionismo e moltiplica la diffusione di alimenti taroccati.
Previsioni Istat 2022 - 2023
Previsioni Istat 2022 - 2023
Secondo le previsioni Istat di giugno, il Pil italiano continuerà a crescere sia nel 2022 (+2,8%) sia nel 2023 (+1,9%), seppur in rallentamento rispetto al 2021.
Filiera legno-arredo: performance 2021 sopra le previsioni
Filiera legno-arredo: performance 2021 sopra le previsioni
La filiera legno-arredo chiude il 2021 con un fatturato complessivo che supera i 49 miliardi di euro (18 i miliardi destinati all’export).
Previsioni export vino, olio d’oliva e pasta
Previsioni export vino, olio d’oliva e pasta
Nel 2021 l’export di vino, olio d’oliva e pasta ha rappresentato il 22,4% del totale export agroalimentare nazionale, attestandosi a € 11,7 miliardi (+7% rispetto al 2020).
Conti economici I trimestre 2022
Conti economici I trimestre 2022
Nel primo trimestre il Pil italiano è aumentato dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e del 6,2% nei confronti del primo trimestre 2021. La crescita acquisita per quest'anno è pari al 2,6%.
Travel and tourism development index 2021
Travel and tourism development index 2021
L’indice del World Economic Forum misura i fattori e le politiche che consentono lo sviluppo sostenibile e resiliente del settore viaggi e turismo (T&T) in 117 paesi.
SACE - Simest: export italiano marzo 2022
SACE - Simest: export italiano marzo 2022
Nei primi tre mesi dell’anno l’export è aumentato del 22,8% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Le imprese di biotecnologie in Italia
Le imprese di biotecnologie in Italia
L’industria biotecnologica italiana si caratterizza per una forte intensità di ricerca e sviluppo con punte di eccellenza in tutti i settori di applicazione delle biotecnologie.