Internazionalizzazione: la rete distributiva integrata

di lettura

Come impostare lo sviluppo internazionale di una rete a marchio?

Internazionalizzazione: la rete distributiva integrata

Progettare un piano di export può prevedere diverse strategie: quando l’azienda ha prodotti o servizi di chiara istintività, magari grazie ad una funzione dedicata di Ricerca e sviluppo, oppure quando intende avere un posizionamento chiaro e riconosciuto per i propri marchi, non basta la distribuzione dei prodotti, occorre anche essere presenti con punti vendita e struttura di supporto.

Tuttavia, non è necessario pensare unicamente alla presenza diretta, è possibile creare reti distributive integrate con il marchio dell’azienda e partner locali.

Una volta definiti i Paesi di interesse, occorre progettare una strategia che permetta di contemperare due aspetti:

  • la piena coerenza dell’immagine del brand e dei prodotti dell’azienda esportatrice
  • le differenze in termini di cultura, servizio e talora specifiche tecniche dei prodotti proposti.

A differenza di un piano di export volto a distribuire prodotti mediante importatori e distributori, nella definizione di una rete a marchio internazionale occorre mappare le aree di sbocco in modo da intercettare quelle corrispondenti alla “matrice” ideale composta da target di riferimento e sua concentrazione, livello dei prezzi e sistema distributivo locale (competitor e loro struttura), abitudini di consumo e livello di familiarità con la proposta dell’esportatore. Non basterà studiare il mercato di riferimento in termini di domanda aggregata e sue caratteristiche, ma che bisognerà anche geo-referenziare alcuni dati per capire quali e quante location sono adatte per un’unità distributiva locale con il proprio marchio.

Quali i vantaggi? Innanzitutto, l’omogeneità in termini di immagine e posizionamento che permette di costruire una corretta brand awareness, e anche grazie a questo la possibilità di sostenere l’offerta premium price, mantenendo intatto il valore di una proposta di livello grazie all’estensione del mercato e alla contemporanea ottimizzazione dei livelli prospettici di fatturato.

Definire un modello di distribuzione esportabile

L’unità di business è il punto vendita, declinato secondo una prima esperienza di successo dell’azienda: dunque, la prima fase prevede la progettazione strategica e la validazione di un modello di distribuzione con chiare caratteristiche innovative nella componente di servizio che preveda un sistema di offerta e gestione del cliente “esportabile” nei diversi mercati-obiettivo.

La sperimentazione deve analizzare le differenze dei territori giungendo a una sintesi e deve portare a dati economico-finanziari che ne comprovino il successo. Occorre tener conto, altresì, che è possibile declinare la formula in più format, ma sempre omogenei in termini di immagine e sempre chiaramente riconoscibili.

Qualora un mercato obiettivo non si presti a ospitare il o i format identificati, andrà depennato dalla rosa dei Paesi per la rete distributiva integrata internazionale (eventualmente in tali territori si distribuirà mediante importatori, ma senza punti vendita a marchio).

Ottimizzare presenza e posizionamento di marchi e prodotti

Il mix distributivo può anche prevedere più formule per la stessa azienda, tuttavia la presenza nei mercati di sbocco mediante una rete a marchio è senza dubbio la più efficace per portare all’estero il proprio stile e il valore aggiunto dei propri prodotti in modo chiaro agli occhi del consumatore finale.

Gestire il canale distributivo significa arrivare ad avere il “touch” con il cliente finale, avviare una relazione e la possibilità di informarlo e fidelizzarlo potendo contare:

  • sulla presenza fisica degli store (componente di servizio oltre che di vendita)
  • sulla presenza on-line (che non è uguale per tutti i Paesi obiettivo, a partire dall’impostazione del sito e dell’e.shop aziendale, sino ai marketplace ed e.tailer, ed ancora alla presenza sui social).

Formule per sviluppare una rete a marchio

Le formule per sviluppare una rete a marchio sono molteplici: in via non esaustiva, sia va dalla concessione a vendere alla partnership sino al franchising ed alla gestione diretta. In tutti i casi, è probabile che l’azienda possa necessitare di una presenza diretta (filiale) per poter organizzare i contatti con i potenziali partner e gestirne poi la formazione e l’assistenza, tuttavia esistono anche situazioni in cui l’azienda non istituisce una presenza locale.

In fase di progettazione strategica, occorre innanzitutto definire quali sono gli obiettivi fondamentali:

  • se l’intento è di essere presente con store fisici che valorizzino il brand/insegna e assicurino la programmazione delle vendite annuali, ma non vi sono particolari esigenze di controllo dell’immagine del punto vendita e della gestione dei clienti finali, si può propendere per la concessione a vendere
  • qualora vi siano maggiori esigenze in termini di fabbisogno organizzativo e controllo dei processi ci si orienterà per una partnership adatta al caso
  • se infine si intende arrivare realmente al cliente finale anche in termini di accesso all’anagrafica clienti e alla gestione della relazione con la clientela sia direttamente che mediante immagine e formazione dedicata alla front-line, allora occorre una formula di integrazione contrattuale del canale più completa quale il franchising.

Know-how ed elementi proprietari a sostegno della redditività dell’export

La linea di export mediante una propria insegna è sinonimo di distintività dell’offerta: i soli prodotti non sono sufficienti a far identificare un marchio e la relativa insegna. Bisogna costruire una immagine ed uno stile a cui potersi ispirare, offrire una componente di servizio innovativa che faccia sì che il cliente scelga il nostro punto vendita e, inoltre, occorre che i prodotti/servizi abbiano contenuti distintivi percepiti di valore dal pubblico (meglio se unici, magari grazie a un brevetto o a un design innovativo).

Il rapporto tra investimenti dedicati per la creazione della componente distributiva della strategia (format store + format e-shop) hanno ragion d’essere se il complesso degli elementi porta ad un livello delle vendite e della redditività maggiore rispetto a sistemi di esportazione del solo prodotto. Dunque, nel definire il modello distributivo integrato, non si può prescindere dalla creazione di un business model basato su know-how ed elementi proprietari.

  • Per elementi proprietari si intendono marchi registrati, naturalmente in tutti i territori obiettivo dello sviluppo, eventuali brevetti, altri elementi tutelabili in base alla norma; tra gli altri, per la rete distributiva appare molto interessante anche il marchio tridimensionale a tutela dell’immagine esterna del punto di vendita.
  • Il know-how è composto da una serie di elementi certamente innovativi e specifici che consentono una gestione del punto vendita e del servizio alla clientela fortemente differenziato dai competitor. Il know-how per avere effettivo valore, e soprattutto mantenerlo nel tempo, non deve essere facilmente conoscibile dai terzi nel suo complesso e deve essere tutelabile a cura della casa-madre e dei partner locali, in quanto costituisce leva di creazione del valore e del fatturato.

Anche l’immagine deve essere proprietaria: deve promanare dal marchio/insegna e riportarne colori, linee ed elementi distintivi al fine di costituire una “narrazione fisica” dell’esperienza che si offre al cliente.

Raffaella Còndina

Contrattualistica
Canoni e spese di locazione dei negozi chiusi per decreto in Francia
Canoni e spese di locazione dei negozi chiusi per decreto in Francia
Il Governo francese, per limitare la diffusione del Covid-19, ha deciso la chiusura dei negozi dal 16 marzo fino all’11 maggio, ad eccezione di quelli la cui attività è considerata essenziale (generi alimentari, farmacie, edicole, ecc.
Internazionalizzazione: la rete distributiva integrata
Internazionalizzazione: la rete distributiva integrata
Come impostare lo sviluppo internazionale di una rete a marchio?
Assocalzaturifici: partnership con la piattaforma BDroppy
Assocalzaturifici: partnership con la piattaforma BDroppy
Grazie alla nuova collaborazione i marchi calzaturieri potranno raggiungere oltre 400.000 e-tailer in oltre 50 paesi.
Mascherine (DPI) normativa di riferimento
Mascherine (DPI), normativa di riferimento per la riconversione delle produzioni
A fronte dell’emergenza mondiale COVID19 e della difficoltà a reperire dispositivi di protezione individuali ed altri dispositivi medicali vi è da una parte l’interesse di numerose imprese a convertire la produzione e, dall’altra, l’esigenza dello Stato italiano e protezione civile, di diventare il più possibile autosufficienti per poter gestire prima l’emergenza sanitaria della prima fase poi anche la gestione della fase 2.
La nuova clausola di forza maggiore della ICC
La nuova clausola di forza maggiore della ICC
Eventi imprevisti possono rendere impossibile o impraticabile l'adem­pimento degli obblighi contrattuali. Nei casi di forza maggiore, la parte che subisce l'evento sarà esonerata dall'obbligo di adempiere e non subirà le conse­guen­ze dell'inadempimento (penali, risarcimento danni).
Gestione delle trattative commerciali internazionali: negoziare con gli americani
Gestione delle trattative commerciali internazionali: negoziare con gli americani
Con questo articolo iniziamo una serie di puntate dedicate alle problematiche della negoziazione commerciale internazionale dal punto di vista socio-culturale. 
Covid-19: Quali i rischi legali per un’azienda, l’esperienza cinese
Covid-19: Quali i rischi legali per un’azienda, l’esperienza cinese
La diffusione di una pandemia o di altre crisi globalizzate possono avere un profondo impatto sulla capacità di gestione di un’attività  imprenditoriale (chiusura degli impianti, restrizioni negli spostamenti, assenza dall’ufficio).
La direttiva UE 2019/771 sulla garanzie per i beni di consumo: le principali novità
Direttiva UE 2019/771 sulla garanzie per i beni di consumo: le principali novità
Il 20 maggio 2019 è stata adottata la direttiva UE n 2019/771 che introduce sostanziali novità rispetto al quadro normativo esistente in materia di conformità dei beni di consumo e abroga, con effetto dal 1° gennaio 2022, la direttiva 1999/44/CE relativa a determinati aspetti della vendita di beni di consumo e garanzie associate.
Franchising internazionale: quando scegliere l’area development
Franchising internazionale: quando scegliere l’area development
La formula franchising per l’estero presenta tre principali declinazioni: il master franchising, l’area development e l’area representative.
Covid-19 e forza maggiore nei contratti internazionali di vendita di impianti
Covid-19 e forza maggiore nei contratti internazionali di vendita di impianti
L’epidemia da Covid-19 e le misure adottate allo scopo di contrastare la diffusione del virus, non solo dall’Italia ma da molti altri Paesi, si ripercuotono inevitabilmente sull’esecuzione dei contratti non consentendo (o non consentendo nei tempi concordati) alle parti l’adempimento dei propri obblighi.