Public-Private Partnership nelle infrastrutture

di lettura
Per soddisfare le esigenze legate alla costruzione e alla gestione delle infrastrutture molti paesi si stanno orientando verso gli investimenti privati, nella forma specifica della Public Private Partnership (PPP).

In particolare nei paesi in via di sviluppo e nelle economie emergenti i finanziamenti pubblici non riescono a coprire gli alti costi di questi progetti:

  • impianti per la produzione di energia
  • progetti nel campo delle telecomunicazioni
  • grandi opere e infrastrutture logistiche.

I più comuni tipi di Public Private Partnership (PPP) includono: Build-Operate-Transfer (BOT); Build-Own-Operate-Transfer (BOOT); Concessioni e Service Management Contracts.

I principi che regolano la PPP sono ormai acquisiti, ma le probabilità di condurre l'iniziativa a termine con successo non sono ancora soddisfacenti. Negli ultimi decenni vi sono probabilmente stati più fallimenti che successi (come il progetto Enron per la produzione di energia nello stato indiano del Maharashtra, le strade a pedaggio in Messico e il nuovo aeroporto di Manila).

Le ragioni di questi fallimenti sono varie, ma generalmente includono uno o più di questi fattori:

  • scarsa conoscenza delle buone pratiche nell'organizzazione di una PPP
  • inadeguata preparazione dei progetti
  • analisi superficiale delle necessità e capacità finanziarie delle parti coinvolte
  • mancata identificazione e/o sottovalutazione dei rischi legati al progetto (con assenza nei documenti contrattuali di misure atte a mitigare questi rischi)
  • incapacità di modificare gli accordi "in itinere" in risposta a cambiamenti rispetto alla situazione di partenza
  • assenza di un sistema di incentivi per la continuazione e il rafforzamento delle partnership in caso di imprevisti
  • mancanza di meccanismi per la risoluzione delle controversie.

Parte di questi problemi potrebbero essere evitati semplicemente attraverso una migliore preparazione del terreno per i PPP.  I governi nazionali dovrebbero:

  • definire un quadro istituzionale e legale che favorisca questo tipo di progetti
  • prevedere sempre un processo di procurement che non lasci spazio alle proposte dei partner privati che puntano all'aggiudicazione diretta del PPP (il direct contracting non consente di sapere se il progetto sarebbe costato meno, o sarebbe stato concepito meglio se affidato a qualcun altro).

Altri problemi possono essere evitati utilizzando correttamente regole e meccanismi di procurement appositamente pensati per i PPP.

Rispetto ai progetti sviluppati dai governi senza partner privati, il procurement in progetti PPP dovrebbe essere improntato ad una maggiore creatività e flessibilità nella definizione dei documenti di gara e dei contratti perché la struttura dei progetti include molte più variabili.
I documenti dovrebbero permettere ai partecipanti alle gare di presentare delle offerte altrettanto flessibili e creative.

In linea generale si può dire che un piano di procurement per un contratto di PPP in infrastruttura includerà:

  • L'analisi preliminare di fattibilità: leggi esistenti, esperienza del paese nell'uso di un approccio PPP, capacità istituzionale nella gestione della partnership, analisi dei rischi non direttamente legati al progetto, credit rating
  • Definizione generale dello scopo del progetto: obiettivi, componenti principali, localizzazione del progetto e informazione sul design, informazione sull'impatto del progetto sulla popolazione e l'ambiente circostante, dimensioni e costi
  • Pianificazione: studi necessari, valutazione dei rischi, opzioni per l'organizzazione, attività, responsabilità e tempi per la selezione del partner privato
  • Consulenza e assistenza tecnica durante il processo di selezione: preparazione di avvisi di bando di gara, primi documenti di gara, sviluppo dei criteri per la selezione del partner privato, assistenza da parte di specialisti per la pubblicizzazione, prequalificazione degli sponsor, invito a presentare proposta ai team qualificati, valutazione delle proposte, negoziazione con il partner prescelto che includa la discussione delle misure da adottare per mitigare i rischi, gestione dei rischi nascosti, degli imprevisti e degli improvvisi mutamenti di scenario. Preferibilmente il processo di selezione dovrebbe avvenire in due fasi.
    In una prima fase i partner contribuiscono con le loro idee a suggerire le modalità contrattuali più adatte. Questi input diventano poi parte integrante del disegno dei documenti di gara.
  • Assistenza durante il periodo di chiusura degli accordi finanziari per verificare che tutto proceda secondo le aspettative
  • Assistenza durante l'implementazione: monitoraggio del progresso, verifica dei pagamenti, risoluzione dei problemi.

Antonietta Poduie

Contrattualistica
Brexit e accordi di scelta del foro
Brexit e accordi di scelta del foro
Considerate le complicazioni derivanti dalla Brexit, è importante valutare attentamente, caso per caso, quale tipo di clausola di scelta del foro adottare.
Emirati Arabi Uniti: eliminato l’obbligo di sponsor locale per le società onshore
Emirati Arabi Uniti: eliminato l’obbligo di sponsor locale per le società onshore
Dal 1° giugno sono in vigore le nuove regole che consentono la piena proprietà straniera delle società onshore, ossia quelle costituite sul territorio emiratino, fissate nel Decreto Legge Federale n. 26 del 2020.
Codice civile Repubblica Popolare Cinese
Codice civile Repubblica Popolare Cinese
Una svolta storica per il diritto cinese: il 28 maggio è stato approvato il primo Codice Civile della Repubblica Popolare Cinese, che è entrato in vigore il 1° gennaio 2021.
Regolamento Privacy: stato di attuazione a due anni dall’applicazione
Regolamento Privacy: stato di attuazione a due anni dall’applicazione
La risoluzione del Parlamento europeo 25 marzo 2021 descrive e commenta lo stato di attuazione del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016.
Compravendita internazionale e garanzia dei vizi: profili critici
Compravendita internazionale e garanzia dei vizi: profili critici
La garanzia dei vizi nell’ambito di un contratto di vendita internazionale alla luce della recente sentenza della Corte di Cassazione e dei principali aspetti disciplinati dalla Convenzione di Vienna.
Vendita internazionale di beni: efficacia degli Incoterms per determinare la giurisdizione
Vendita internazionale di beni: efficacia degli Incoterms per determinare la giurisdizione
L’individuazione del giudice competente rappresenta un passaggio imprescindibile e talvolta dirimente per le sorti del giudizio nelle controversie internazionali.
Nozione di agente commerciale: confronto tra giurisprudenza francese ed europea
Nozione di agente commerciale: confronto tra giurisprudenza francese ed europea
Sentenza della Corte di Giustizia europea del 4 giugno 2020 (causa C-828/2018).
Brexit e risvolti operativi sui contratti commerciali
Brexit e risvolti operativi sui contratti commerciali
Il Regno Unito non è più parte dell’Unione Europea e questo comporta cambiamenti dal punto di vista della movimentazione delle persone, doganale, tariffario e commerciale.
Brexit e contratti commerciali
Brexit e contratti commerciali
Sintesi del Tascabile Brexit realizzato da Agenzia ICE che analizza gli effetti della Brexit sugli accordi commerciali tra imprese.
Le procedure di référé in Francia
Le procedure di référé in Francia
Quando le controversie richiedono una soluzione rapida, in alcuni casi è possibile ricorrere alle procedure di référé , che vengono affidate a un giudice unico.