Certificazione Metodo 2 di pesatura dei container

di lettura

Pena cancellazione dal registro elenco “Shipper” tenuto dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, sono necessari adeguamenti aziendali per comunicare il VGM con il metodo 2.

Image

Il 27 ottobre, il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto ha emanato la circolare n. 160/2020, al fine di chiarire taluni aspetti applicativi della normativa sulla pesatura dei container prevista dalla Regola VI/2 della convenzione Solas 74 – Safety of life at Sea, come emendata dalla risoluzione MSC. 380(94) del 21 novembre 2014.

In particolare, la circolare è intervenuta sul cd. Metodo 2 (pesare tutto il carico del container individualmente, addizionando questo peso alla tara del container), come previsto dal Decreto Dirigenziale n. 367/2018 e, più specificatamente, sulla certificazione che lo Shipper è obbligato a produrre al fine dell’inserimento nell’elenco delle aziende legittimate a utilizzare tale modalità di pesatura.

L’utilizzo del Metodo 2 è consentito unicamente agli operatori titolari di autorizzazione AEO oppure a quelli che hanno un Sistema di gestione per la Qualità conforme alla normativa UNI/EN/ISO 9001 o ISO 28000, entrambi in possesso di procedure aziendali per lo svolgimento delle attività di pesatura (secondo quanto previsto dal D.D. 447/2016)

I soggetti che intendano pesare secondo il metodo 2 ed essere iscritte nel relativo Registro devono dimostrare di essere in possesso dei requisiti prescritti inviando alle capitanerie di porto via PEC (cgcp@pec.mit.gov.it ) il modello di comunicazione, copia della certificazione e della visura camerale in corso di validità.

Nell’invio riportare la dicitura: “Procedure per lo svolgimento delle attività di pesatura per la determinazione della Massa Lorda verificata del contenitore (VGM) secondo il Metodo 2 previsto dagli emendamenti al Capitolo VI Regola 2 dalla Convenzione Solas 74 come emendata”.

Strumenti di pesatura ammessi

Il peso del container pieno (o della merce da riporre nel container) deve essere verificato mediante una pesa certificata. La Convenzione prevede che ogni Stato aderente segua la normativa di riferimento interna per stabilire quali siano gli strumenti di pesatura a norma. In Italia le norme di riferimento sono le seguenti :

  • Decreto legislativo 29/12/1992, n. 517 e ss.mm.ii. novellato dal D.Lgvo n.83/2016 del 19 maggio 2016 recante trasposizione della Direttiva 2014/31/UE. Gli strumenti devono essere almeno di classe IIII
  • Decreto legislativo 02/02/2007, n. 22 e ss.mm.ii. novellato dal D.Lgvo n. 84/2016 del 19 maggio 2016 recante trasposizione della Direttiva 2014/32/UE. Gli strumenti devono essere almeno di categoria Yed almeno con un’accuratezza di classe Y(b)

La nuova circolare chiarisce che la certificazione della procedura di pesatura Metodo 2 deve essere rilasciata da un organismo accreditato. Tale sistema di gestione deve essere certificato da enti accreditati da un organismo nazionale di accreditamento di cui al regolamento (CE) N. 765/2008 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC.

Per soddisfare tale requisito le aziende possono rivolgersi agli enti certificatori ISO 9001 o ISO 28000 - solo per citare i più noti: DNV.GL, SGS ITALIA, TUV Italia - che attesteranno il rispetto dei requisiti della norma  (ISO 9001 o ISO 28000) nella gestione del processo di pesatura per la dichiarazione della massa lorda verificata VGM:

  • metodi di pesatura utilizzati
  • manutenzione di eventuali dotazioni e attrezzature utilizzate
  • calibrazione delle attrezzature (eventuali controlli periodici interni)
  • gestione di eventuali discrepanze
  • gestione di apparecchiature difettose
  • conservazione dei dati.

L’obbligo di certificazione è ristretto alla sola procedura di pesatura e non all’intero processo produttivo.

La certificazione deve contenere un esplicito richiamo alla procedura di pesatura per la determinazione della Massa Lorda Verificata (VGM) Metodo 2, in conformità al paragrafo 3 del D.D. n. 367/2018.

Le aziende già iscritte nel Registro, e pertanto abilitate ad utilizzare il Metodo 2, dovranno aggiornare la relativa certificazione entro il termine di 6 mesi dalla data di pubblicazione della Circolare 160/2020 (27 ottobre 2020), pena la cancellazione dal Registro.

Linee guida in allegato al Decreto Dirigenziale n. 367/2018

Ricordiamo infine che al punto 2.5 le linee guide stabiliscono che lo “shipping document” debba contenere almeno le seguenti informazioni:

  • Massa lorda verificata (VGM) in kg
  • Numero del contenitore
  • Nome dello shipper
  • Telefono oppure indirizzo mail dello shipper
  • Nome della persona autorizzata (eventuale)
  • Telefono oppure indirizzo mail della persona autorizzata (eventuale)
  • Metodo usato per la pesatura
  • Per il metodo 1: matricola della pesa
  • Data e luogo
  • Firma dello shipper o della persona autorizzata

e la seguente formale dichiarazione:

“Il sottoscritto certifica che i suddetti dati sono veri e corretti in ottemperanza alle previsioni della Regola VI/2 della Convenzione Internazionale per la Salvaguardia della Vita Umana in mare (SOLAS), come emendata dalla Risoluzione MSC 380(94) e delle discendenti disposizioni nazionali”.

Marco Bertozzi

Dogane
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nasce il Fast Corridor ferroviario per ottimizzare lo spostamento delle merci containerizzate dal magazzino di temporanea custodia di Gioia Tauro al magazzino di Bologna Interporto.
CETA: i benefici per le imprese italiane
CETA: i benefici per le imprese italiane
A cinque anni dall’entrata in vigore del Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) tra Canada e Unione Europea, SACE traccia un primo bilancio.
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
L’introduzione in Unione Europea dei Regolamenti n. 263/2022 e 576/2022 ha determinato importanti restrizioni sul commercio internazionale verso la Russia e la Bielorussia.
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Con riferimento all’obbligo che ricade sugli operatori di comunicare in dogana le operazioni intracomunitarie, sono intervenute modifiche in merito alla scadenza di presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat.
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Per dichiarare il carattere preferenziale delle merci oggetto di esportazione (verso i Paesi firmatari di accordi di origine preferenziale con l’UE) i fornitori devono fornire indicazioni di origine preferenziale agli esportatori in merito alla materie prime, semilavorati o prodotti finiti che vengono a loro ceduti.
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Dal 9 giugno è entrato in vigore il nuovo sistema di presentazione delle dichiarazioni doganali all’importazione (mod. H1-H5), che trasforma la bolletta doganale in un data set immateriale.
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
L’origine non preferenziale entra nei modelli Intrastat cessione, obbligando le imprese impegnate sul mercato unionale a indicare l’elemento dell’origine doganale delle merci nei modelli dichiarativi periodici.
Novità intrastat 2022
Novità intrastat 2022
L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).