Certificazione Metodo 2 di pesatura dei container

di lettura

Pena cancellazione dal registro elenco “Shipper” tenuto dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, sono necessari adeguamenti aziendali per comunicare il VGM con il metodo 2.

Image

Il 27 ottobre, il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto ha emanato la circolare n. 160/2020, al fine di chiarire taluni aspetti applicativi della normativa sulla pesatura dei container prevista dalla Regola VI/2 della convenzione Solas 74 – Safety of life at Sea, come emendata dalla risoluzione MSC. 380(94) del 21 novembre 2014.

In particolare, la circolare è intervenuta sul cd. Metodo 2 (pesare tutto il carico del container individualmente, addizionando questo peso alla tara del container), come previsto dal Decreto Dirigenziale n. 367/2018 e, più specificatamente, sulla certificazione che lo Shipper è obbligato a produrre al fine dell’inserimento nell’elenco delle aziende legittimate a utilizzare tale modalità di pesatura.

L’utilizzo del Metodo 2 è consentito unicamente agli operatori titolari di autorizzazione AEO oppure a quelli che hanno un Sistema di gestione per la Qualità conforme alla normativa UNI/EN/ISO 9001 o ISO 28000, entrambi in possesso di procedure aziendali per lo svolgimento delle attività di pesatura (secondo quanto previsto dal D.D. 447/2016)

I soggetti che intendano pesare secondo il metodo 2 ed essere iscritte nel relativo Registro devono dimostrare di essere in possesso dei requisiti prescritti inviando alle capitanerie di porto via PEC (cgcp@pec.mit.gov.it ) il modello di comunicazione, copia della certificazione e della visura camerale in corso di validità.

Nell’invio riportare la dicitura: “Procedure per lo svolgimento delle attività di pesatura per la determinazione della Massa Lorda verificata del contenitore (VGM) secondo il Metodo 2 previsto dagli emendamenti al Capitolo VI Regola 2 dalla Convenzione Solas 74 come emendata”.

Strumenti di pesatura ammessi

Il peso del container pieno (o della merce da riporre nel container) deve essere verificato mediante una pesa certificata. La Convenzione prevede che ogni Stato aderente segua la normativa di riferimento interna per stabilire quali siano gli strumenti di pesatura a norma. In Italia le norme di riferimento sono le seguenti :

  • Decreto legislativo 29/12/1992, n. 517 e ss.mm.ii. novellato dal D.Lgvo n.83/2016 del 19 maggio 2016 recante trasposizione della Direttiva 2014/31/UE. Gli strumenti devono essere almeno di classe IIII
  • Decreto legislativo 02/02/2007, n. 22 e ss.mm.ii. novellato dal D.Lgvo n. 84/2016 del 19 maggio 2016 recante trasposizione della Direttiva 2014/32/UE. Gli strumenti devono essere almeno di categoria Yed almeno con un’accuratezza di classe Y(b)

La nuova circolare chiarisce che la certificazione della procedura di pesatura Metodo 2 deve essere rilasciata da un organismo accreditato. Tale sistema di gestione deve essere certificato da enti accreditati da un organismo nazionale di accreditamento di cui al regolamento (CE) N. 765/2008 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC.

Per soddisfare tale requisito le aziende possono rivolgersi agli enti certificatori ISO 9001 o ISO 28000 - solo per citare i più noti: DNV.GL, SGS ITALIA, TUV Italia - che attesteranno il rispetto dei requisiti della norma  (ISO 9001 o ISO 28000) nella gestione del processo di pesatura per la dichiarazione della massa lorda verificata VGM:

  • metodi di pesatura utilizzati
  • manutenzione di eventuali dotazioni e attrezzature utilizzate
  • calibrazione delle attrezzature (eventuali controlli periodici interni)
  • gestione di eventuali discrepanze
  • gestione di apparecchiature difettose
  • conservazione dei dati.

L’obbligo di certificazione è ristretto alla sola procedura di pesatura e non all’intero processo produttivo.

La certificazione deve contenere un esplicito richiamo alla procedura di pesatura per la determinazione della Massa Lorda Verificata (VGM) Metodo 2, in conformità al paragrafo 3 del D.D. n. 367/2018.

Le aziende già iscritte nel Registro, e pertanto abilitate ad utilizzare il Metodo 2, dovranno aggiornare la relativa certificazione entro il termine di 6 mesi dalla data di pubblicazione della Circolare 160/2020 (27 ottobre 2020), pena la cancellazione dal Registro.

Linee guida in allegato al Decreto Dirigenziale n. 367/2018

Ricordiamo infine che al punto 2.5 le linee guide stabiliscono che lo “shipping document” debba contenere almeno le seguenti informazioni:

  • Massa lorda verificata (VGM) in kg
  • Numero del contenitore
  • Nome dello shipper
  • Telefono oppure indirizzo mail dello shipper
  • Nome della persona autorizzata (eventuale)
  • Telefono oppure indirizzo mail della persona autorizzata (eventuale)
  • Metodo usato per la pesatura
  • Per il metodo 1: matricola della pesa
  • Data e luogo
  • Firma dello shipper o della persona autorizzata

e la seguente formale dichiarazione:

“Il sottoscritto certifica che i suddetti dati sono veri e corretti in ottemperanza alle previsioni della Regola VI/2 della Convenzione Internazionale per la Salvaguardia della Vita Umana in mare (SOLAS), come emendata dalla Risoluzione MSC 380(94) e delle discendenti disposizioni nazionali”.

Marco Bertozzi

Dogane
Nuovo Regolamento dual use 2021/821
Nuovo Regolamento dual use 2021/821
È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale Ue dell’11 giugno 2021 il Regolamento (Ue) 2021/821 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 maggio 2021 che istituisce un regime dell’Unione di controllo dei prodotti a duplice uso. ...
Origine non preferenziale: linee guida della Commissione
Origine non preferenziale: linee guida della Commissione
Pubblichiamo un riassunto delle linee guida fornite dalla Commissione Europea in materia di origine non preferenziale (Made in).
Egitto: nuovi adempimenti per gli esportatori comunitari dal primo luglio 2021
Egitto: nuovi adempimenti per gli esportatori comunitari dal primo luglio 2021
Il nuovo sistema di preregistrazione delle importazioni in Egitto entrerà in vigore in via definitiva dal 1° luglio 2021 unicamente per spedizioni in arrivo ai porti marittimi egiziani.
EUR.1 “full digital” e nuove procedure richiesta certificati di circolazione
EUR.1 “full digital” e nuove procedure richiesta certificati di circolazione
L’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) ha implementato una procedura digitale per la richiesta dei certificati EUR.1, EUR-MED e A.TR.
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Giovedì 11 marzo l’agenzia delle dogane britanniche ha disposto un rinvio dei controlli di importazione delle merci provenienti dall’Unione Europea.
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
L’Agenzia delle Dogane e Monopoli il 12 marzo 2021 ha organizzato l’Open hearing “EUR 1 – full digital” dedicato alle nuove procedure per la richiesta e il rilascio dei certificati EUR 1, A.TR e EURMED.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
I beni a duplice uso sono beni, software e tecnologie che possono essere utilizzati sia per applicazioni civili che militari.
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
La responsabilità dell’impresa ai sensi del dlgs. n. 231/01 ricorre ora anche nei casi di reato di contrabbando.
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Con l’accordo di libero scambio sottoscritto da Ue e Uk, le merci di origine preferenziale, come tali correttamente auto-dichiarate dagli esportatori, beneficiano degli effetti dell’area di libero scambio con dazi di import zero.