Emirati Arabi: I nuovi visti per investitori e imprenditori

di lettura

Alla fine del 2018 gli Emirati Arabi Uniti hanno introdotto nuove regole per il rilascio di visti di residenza di lunga durata (10 e 5 anni) e da febbraio di quest’anno inizieranno ad accettare le richieste di visto.

Emirati Arabi Uniti: I nuovi visti per investitori, imprenditori e talenti

Approvato dal governo degli Emirati Arabi Uniti con una risoluzione nel novembre 2018, il sistema di visti a lungo termine è uno sforzo per attrarre e trattenere talenti di alto livello nel paese; un’iniziativa simile a quella di altri paesi, come il programma H1B negli Stati Uniti.
Due commissioni valuteranno i candidati per i visti, uno per gli investitori e l'altro per imprenditori, scienziati e talenti specializzati. I comitati giudicheranno secondo i criteri stabiliti nei regolamenti che sono indicati qui di seguito.
Ci sono anche alcuni ulteriori chiarimenti da delineare. Ad esempio, agli imprenditori potrebbero essere concessi visti se possiedono un'attività in corso per un valore di 500.000 AED. Tuttavia, non è chiaro se le startup che rivendicano di possedere una proprietà intellettuale di tale importo possano rientrare in tale categoria. Parimenti, non è ancora chiaro quanti permessi di soggiorno a lungo termine verranno garantiti, ossia se vi sarà un tetto alle domande accoglibili.

Criteri di valutazione

Investitori:

  • Gli investitori e le loro famiglie, inclusi coniuge e figli, avranno diritto ai visti.
  • Gli investitori devono investire un minimo di AED 10 milioni negli EAU.
  • Gli investitori immobiliari devono investire almeno 5 milioni di AED (in uno o più immobili, che non possono essere ipotecati).
  • L'assicurazione sanitaria è obbligatoria per l'investitore e gli eventuali dipendenti che lui sponsorizza.
  • Gli investitori riceveranno un visto di 10 anni.
  • Gli investitori immobiliari riceveranno un visto di 5 anni.
  • Un visto per più ingressi con una validità di sei mesi sarà rilasciato agli investitori per facilitare le procedure di completamento della loro attività negli EAU; questo visto è rinnovabile.
  • Gli investitori possono richiedere di emettere un visto di 10 anni per un Executive Manager o un Consulente (e le loro famiglie) che lavorano per la società di proprietà dell'investitore. Questo visto è soggetto all'approvazione di un comitato speciale.

Imprenditori:

  • Gli imprenditori e le loro famiglie, compresi i coniugi ei figli, avranno diritto ai visti.
  • Gli imprenditori riceveranno un visto di 5 anni.
  • Per qualificarsi, un imprenditore deve ottenere l'approvazione di un incubatore di imprese accreditato negli EAU o possedere una precedente attività di successo che valga almeno mezzo milione di AED.
  • Gli imprenditori sono autorizzati a chiedere di rilasciare un visto di 5 anni per tre direttori esecutivi che lavorano per la società. Questo visto è soggetto all'approvazione di un comitato speciale.
  • Gli imprenditori potranno sponsorizzare, ossia ottenere un visto in favore di un collaboratore domestico.
  • Un visto per più ingressi con una validità di sei mesi sarà rilasciato agli imprenditori al fine di facilitare le procedure di completamento della loro attività negli EAU.

Talenti:

  • Talenti e ricercatori specializzati in vari campi della scienza e della conoscenza (di tutte le discipline accademiche), e le loro famiglie, compresi coniuge e figli, avranno diritto ai visti.
  • Verrà concesso un visto di 10 anni.
  • Le categorie ammissibili includono: medici, specialisti, scienziati, talenti eccezionali, dirigenti e specialisti nelle discipline educative. Ci sono condizioni specifiche che devono essere soddisfatte da ciascuna di queste categorie per qualificarsi.
  • I dirigenti possono ottenere questo visto se hanno una laurea, hanno un'esperienza professionale minima di cinque anni, guadagnano uno stipendio minimo di 30.000 AED, hanno un contratto di lavoro valido negli Emirati Arabi Uniti e un'assicurazione sanitaria.
  • Le categorie sopra indicate saranno idonee a sponsorizzare un collaboratore domestico.
  • Un visto per più ingressi con una validità di sei mesi sarà rilasciato a queste categorie di candidati al fine di facilitare le procedure di completamento della loro attività negli EAU

Avv. Stefano Meani 
 

Dogane
Customs decisions system: strumenti informatici doganali
Customs decisions system: strumenti informatici doganali Il Customs Decisions System (“CDS”) è un sistema che consente agli operatori stabiliti nell’Unione europea e in possesso di un codice EORI di richiedere e gestire le decisioni doganali per via elettronica attraverso un unico portale (“EU Trade Portal- EU TP”) condiviso a livello unionale, al quale si accede previo specifico accreditamento.
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio Lo scorso 18 marzo il Ministero per lo Sviluppo Economico ha diramato nuove disposizioni per il rilascio dei certificati di origine e dei visti per l’estero, introducendo svariate novità, tra le quali l’obbligo della richiesta telematica.
Accordo di libero scambio UE-Giappone
Accordo di libero scambio UE-Giappone L’Unione Europea ha ratificato un maxi accordo di libero scambio con il Giappone, denominato EPA (Economic Partnership Agreement). E’ stato approvato con larga maggioranza ed è entrato in vigore il 1° febbraio 2019.
Emirati Arabi Uniti: I nuovi visti per investitori, imprenditori e talenti
Emirati Arabi: I nuovi visti per investitori e imprenditori Alla fine del 2018 gli Emirati Arabi Uniti hanno introdotto nuove regole per il rilascio di visti di residenza di lunga durata (10 e 5 anni) e da febbraio di quest’anno inizieranno ad accettare le richieste di visto.
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere Nel contesto di un’auspicata crescita dell’integrazione “transfrontaliera” la guida è stata concepita con il preciso intento di offrire agli operatori economici un utile strumento di orientamento verso scelte operative che tengano conto delle opportunità offerte dalla collaborazione Italo – Svizzera, specialmente all’interno delle aree di confine.
Guida all'origine preferenziale della merce
Guida all'origine preferenziale della merce L'origine preferenziale dà diritto a benefici tariffari (ingresso a dazio zero o a dazio ridotto) negli scambi tra paesi che hanno stipulato accordi di commercio preferenziale, perché la merce possa essere considerata di origine preferenziale devono essere soddisfatte alcune condizioni specifiche indicate nei protocolli di origine degli accordi di commercio preferenziale.
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese Il presente articolo analizza con un approccio tecnico il cosiddetto “Regime doganale 42”, al fine di far comprendere alle imprese i possibili vantaggi che possono trarre dall’utilizzo di detto strumento.
Il nuovo Codice doganale dell’Unione: cogliere le opportunità del cambiamento
Il nuovo Codice doganale UE: opportunità del cambiamento Le dinamiche del commercio internazionale sono mutate nel tempo e hanno reso necessari strumenti doganali semplici, efficaci e fruibili attraverso sistemi informatici, in modo da facilitare il movimento delle merci e ottimizzare la catena di approvvigionamento.
Valore in dogana e royalties e diritti di licenza
Valore in dogana e royalties e diritti di licenza La base primaria per il valore in dogana delle merci (Articolo 70(1) CDU)  è il valore di transazione, cioè il prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci quando sono vendute per l'esportazione verso il territorio doganale dell'Unione, eventualmente adeguato.
Importazioni di alluminio: introduzione della vigilanza unionale preventiva
Importazioni di alluminio: vigilanza unionale preventiva Il 25 aprile 2018 la Commissione Europea ha adottato il regolamento di esecuzione (UE) 2018/640 che introduce una vigilanza unionale preventiva sulle importazioni di determinati prodotti di alluminio originari di alcuni paesi terzi (regolamento sulla vigilanza nel settore dell’alluminio).