Emirati Arabi: I nuovi visti per investitori e imprenditori

di lettura

Alla fine del 2018 gli Emirati Arabi Uniti hanno introdotto nuove regole per il rilascio di visti di residenza di lunga durata (10 e 5 anni) e da febbraio di quest’anno inizieranno ad accettare le richieste di visto.

Image

Approvato dal governo degli Emirati Arabi Uniti con una risoluzione nel novembre 2018, il sistema di visti a lungo termine è uno sforzo per attrarre e trattenere talenti di alto livello nel paese; un’iniziativa simile a quella di altri paesi, come il programma H1B negli Stati Uniti.
Due commissioni valuteranno i candidati per i visti, uno per gli investitori e l'altro per imprenditori, scienziati e talenti specializzati. I comitati giudicheranno secondo i criteri stabiliti nei regolamenti che sono indicati qui di seguito.
Ci sono anche alcuni ulteriori chiarimenti da delineare. Ad esempio, agli imprenditori potrebbero essere concessi visti se possiedono un'attività in corso per un valore di 500.000 AED. Tuttavia, non è chiaro se le startup che rivendicano di possedere una proprietà intellettuale di tale importo possano rientrare in tale categoria. Parimenti, non è ancora chiaro quanti permessi di soggiorno a lungo termine verranno garantiti, ossia se vi sarà un tetto alle domande accoglibili.

Criteri di valutazione

Investitori:

  • Gli investitori e le loro famiglie, inclusi coniuge e figli, avranno diritto ai visti.
  • Gli investitori devono investire un minimo di AED 10 milioni negli EAU.
  • Gli investitori immobiliari devono investire almeno 5 milioni di AED (in uno o più immobili, che non possono essere ipotecati).
  • L'assicurazione sanitaria è obbligatoria per l'investitore e gli eventuali dipendenti che lui sponsorizza.
  • Gli investitori riceveranno un visto di 10 anni.
  • Gli investitori immobiliari riceveranno un visto di 5 anni.
  • Un visto per più ingressi con una validità di sei mesi sarà rilasciato agli investitori per facilitare le procedure di completamento della loro attività negli EAU; questo visto è rinnovabile.
  • Gli investitori possono richiedere di emettere un visto di 10 anni per un Executive Manager o un Consulente (e le loro famiglie) che lavorano per la società di proprietà dell'investitore. Questo visto è soggetto all'approvazione di un comitato speciale.

Imprenditori:

  • Gli imprenditori e le loro famiglie, compresi i coniugi ei figli, avranno diritto ai visti.
  • Gli imprenditori riceveranno un visto di 5 anni.
  • Per qualificarsi, un imprenditore deve ottenere l'approvazione di un incubatore di imprese accreditato negli EAU o possedere una precedente attività di successo che valga almeno mezzo milione di AED.
  • Gli imprenditori sono autorizzati a chiedere di rilasciare un visto di 5 anni per tre direttori esecutivi che lavorano per la società. Questo visto è soggetto all'approvazione di un comitato speciale.
  • Gli imprenditori potranno sponsorizzare, ossia ottenere un visto in favore di un collaboratore domestico.
  • Un visto per più ingressi con una validità di sei mesi sarà rilasciato agli imprenditori al fine di facilitare le procedure di completamento della loro attività negli EAU.

Talenti:

  • Talenti e ricercatori specializzati in vari campi della scienza e della conoscenza (di tutte le discipline accademiche), e le loro famiglie, compresi coniuge e figli, avranno diritto ai visti.
  • Verrà concesso un visto di 10 anni.
  • Le categorie ammissibili includono: medici, specialisti, scienziati, talenti eccezionali, dirigenti e specialisti nelle discipline educative. Ci sono condizioni specifiche che devono essere soddisfatte da ciascuna di queste categorie per qualificarsi.
  • I dirigenti possono ottenere questo visto se hanno una laurea, hanno un'esperienza professionale minima di cinque anni, guadagnano uno stipendio minimo di 30.000 AED, hanno un contratto di lavoro valido negli Emirati Arabi Uniti e un'assicurazione sanitaria.
  • Le categorie sopra indicate saranno idonee a sponsorizzare un collaboratore domestico.
  • Un visto per più ingressi con una validità di sei mesi sarà rilasciato a queste categorie di candidati al fine di facilitare le procedure di completamento della loro attività negli EAU

Avv. Stefano Meani 
 

Dogane
Nuovo Regolamento dual use 2021/821
Nuovo Regolamento dual use 2021/821
È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale Ue dell’11 giugno 2021 il Regolamento (Ue) 2021/821 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 maggio 2021 che istituisce un regime dell’Unione di controllo dei prodotti a duplice uso. ...
Origine non preferenziale: linee guida della Commissione
Origine non preferenziale: linee guida della Commissione
Pubblichiamo un riassunto delle linee guida fornite dalla Commissione Europea in materia di origine non preferenziale (Made in).
Egitto: nuovi adempimenti per gli esportatori comunitari dal primo luglio 2021
Egitto: nuovi adempimenti per gli esportatori comunitari dal primo luglio 2021
Il nuovo sistema di preregistrazione delle importazioni in Egitto entrerà in vigore in via definitiva dal 1° luglio 2021 unicamente per spedizioni in arrivo ai porti marittimi egiziani.
EUR.1 “full digital” e nuove procedure richiesta certificati di circolazione
EUR.1 “full digital” e nuove procedure richiesta certificati di circolazione
L’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) ha implementato una procedura digitale per la richiesta dei certificati EUR.1, EUR-MED e A.TR.
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Giovedì 11 marzo l’agenzia delle dogane britanniche ha disposto un rinvio dei controlli di importazione delle merci provenienti dall’Unione Europea.
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
L’Agenzia delle Dogane e Monopoli il 12 marzo 2021 ha organizzato l’Open hearing “EUR 1 – full digital” dedicato alle nuove procedure per la richiesta e il rilascio dei certificati EUR 1, A.TR e EURMED.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
I beni a duplice uso sono beni, software e tecnologie che possono essere utilizzati sia per applicazioni civili che militari.
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
La responsabilità dell’impresa ai sensi del dlgs. n. 231/01 ricorre ora anche nei casi di reato di contrabbando.
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Con l’accordo di libero scambio sottoscritto da Ue e Uk, le merci di origine preferenziale, come tali correttamente auto-dichiarate dagli esportatori, beneficiano degli effetti dell’area di libero scambio con dazi di import zero.