Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017

di lettura

Con il termine dual use (duplice uso) si identificano quei beni e quelle tecnologie che, pur essendo principalmente utilizzati per scopi civili, possono essere adoperati nella fabbricazione e sviluppo di diverse tipologie di armamenti. Nell’articolo un approfondimento sulla normativa italiana e sulle diverse modalità di autorizzazione all’esportazione per le imprese italiane.

Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017

Quadro normativo italiano

La normativa sulla esportazione di beni a duplice uso trova origine nei trattati internazionali sulla non proliferazione di armi. Sulla base di tali trattati gli stati aderenti hanno promulgato normative di controllo all’esportazione per armi e prodotti a duplice uso e hanno emanato embarghi nei confronti degli stati che hanno trasgredito a precetti previsti in tali trattati.

In Italia vi sono oggi vigenti due normative che disciplinano l’esportazione di prodotti a duplice uso

  • Il Reg. UE 428/09 aggiornato dal Reg. 2268 del 26 settembre 2017, di natura sostanziale, che fornisce un quadro generale sulla normativa stabilendo quali prodotti siano a duplice uso e quali operazioni debbano essere soggette a controllo preventivo; 
  • la normativa nazionale, recentemente innovata con il DLgs  221 del 15 dicembre 2017, che istituisce le modalità pratiche per effettuare le esportazioni di merci a duplice uso e stabilisce le sanzioni in caso di violazione delle prescrizioni relative alle suddette esportazioni.

Il Reg. 428/09 stabilisce, in primis in via generica, cosa sia un prodotto a duplice uso; infatti l’art. 2 c. 1 asserisce che i “prodotti a duplice uso sono i prodotti, inclusi il software e le tecnologie, che possono avere un utilizzo sia civile sia militare; essi comprendono tutti i beni che possono avere sia un utilizzo non esplosivo sia un qualche impiego nella fabbricazione di armi nucleari o di altri congegni esplosivi nucleari”.

Nel successivo Allegato I vengono elencati, mediante descrizioni tecniche, tutti i prodotti considerati a duplice uso. Tale lista non si può considerare esaustiva. Infatti il regolamento stabilisce chiaramente che l’esportazione di prodotti a duplice uso, non compresi nell’elenco di cui all’allegato I, è subordinata ad un’autorizzazione nel caso in cui l’esportatore sia stato informato che detti prodotti sono o possono essere destinati ad una utilizzazione collegata allo sviluppo, alla produzione di armi. Tale clausola, detta “catch all”,  è ripresa anche nella normativa nazionale; infatti l’art. 9 del DLgs 221/2017 prevede che  “l’autorità    competente    subordina    al    rilascio    di un'autorizzazione  l'esportazione  di  prodotti  a  duplice  uso  non listati,  qualora  abbia  acquisito  elementi  informativi  su  una specifica operazione d'esportazione ai sensi del regolamento duplice uso”.

Il principio generale della normativa comunitaria è il seguente: l’esportazione dei prodotti a duplice uso compresi nell’elenco di cui al regolamento 428/2009 è subordinata ad autorizzazione da parte dell’autorità nazionale competente (per l’Italia il Ministero dello Sviluppo Economico).

Novità normativa: Licenza Zero

Nella nuova normativa nazionale assume carattere innovativo rispetto all’attuale disciplina la cosiddetta "Licenza Zero" (art. 8, comma 5), già da tempo presente negli ordinamenti di altri Paesi Ue. Tale “licenza zero” rappresenta una specifica dichiarazione che l'Autorità competente può rilasciare all'impresa che ne faccia domanda, con la quale si attesta che una determinata merce non è soggetta ad autorizzazione e può, quindi, essere liberamente esportata.

Modalità di autorizzazione all’esportazione

La normativa nazionale, riprendendo quanto previsto dalla normativa comuntaria, disciplina le modalità per esportare le merci considerate a duplice uso stabilendo gli adempimenti operativi che deve effettuare l’esportatore. In seno all’autorità nazionale competente è costituito il comitato consultivo, costituito da rappresentanti di nove ministeri e da un rappresentante dell’Agenzia delle Dogane che, qualora riceva una richiesta del Ministero, deve rilasciare un parere obbligatorio ma non vincolante entro sessanta giorni.

Per prestare servizi di intermediazione relativi a beni a duplice uso e per esportare merci listate per effetto di misure dell’Unione è sempre obbligatoria l’autorizzazione.

Le autorizzazioni possono essere di 4 tipologie

  1. autorizzazione specifica individuale 
  2. autorizzazione globale individuale 
  3. autorizzazione generale dell'Unione europea 
  4. autorizzazione generale nazionale.

a) Autorizzazione specifica individuale

Tale autorizzazione è la più frequente ed è relativa alle esportazioni effettuate da un singolo esportatore (o fornitore di assistenza) per uno o più beni ma verso uno specifico utilizzatore finale.

Tale autorizzazione, rilasciata previo parere del comitato consultivo, ha una validità da sei mesi a due anni e può essere prorogata soltanto una volta previa presentazione di una domanda da parte dell’esportatore da effettuarsi entro 30 giorni dalla scadenza.

La domanda per ottenere l’autorizzazione deve contenere il profilo dell’utilizzatore finale e deve essere corredata da idonea documentazione che attesti l’effettiva volontà di acquisto da parte di tale utilizzatore (es. contratto di riferimento); inoltre deve essere presentato il cd “end user statement” che deve indicare i beni oggetto dell’operazione, il suo utilizzo (civile o bellico) da parte del soggetto destinatario e gli impegni dello stesso a rispettare le normative di controllo unionali.

Il Ministero, una volta ricevuta la domanda, può richiedere ulteriore documentazione specifica per il rilascio dell’autorizzazione oppure può procedere al rilascio della stessa anche indicando dei precisi obblighi che l’esportatore è tento a rispettare.

b) Autorizzazione globale individuale

Per agevolare l’esportazione di beni a duplice uso da parte di soggetti che devono effettuare esportazioni frequenti di materiale a duplice uso è prevista l’autorizzazione globale individuale.

Tale autorizzazione, che può avere una durata triennale, è rilasciata ad un singolo operatore, che ha già ottenuto analoghe autorizzazioni da parte del Ministero, per effettuare esportazioni di uno o piò prodotti verso uno o più utilizzatori finali o paesi specifici.

Una volta ottenuta l’autorizzazione, l’esportatore dovrà richiedere l’impegno da parte dell’utilizzatore finale al rispetto delle normative comunitarie, e, successivamente, citare i riferimenti dell’autorizzazione nei propri documenti commerciali e di trasporto (autorizzazione individuale globale seguita dal numero e dalla data del provvedimento.

Entro trenta giorni dalla fine di ogni semestre il titolare deve trasmettere all’autorità una lista riepilogativa delle operazioni effettuate.

c) Autorizzazione generale dell’Unione europea

Nel Reg. 428/09 è prevista un’autorizzazione generale per l’esportazione di tutti i prodotti dual use con alcune eccezioni previste nell’allegato II del regolamento, verso alcuni specifici paesi (Australia, Canada, Giappone, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera, Stati Uniti d’America).

Per esportare verso tali paesi è sufficiente presentare una domanda al Ministero in cui si afferma di volersi avvalere di tale autorizzazione generale e, una volta ottenuta, l’esportatore ha solamente l’obbligo di presentare all’autorità competente, entro trenta giorni dalla fine di ogni semestre, una lista riepilogativa delle operazioni effettuate.

d) Autorizzazione generale nazionale

In base a quanto stabilito dalla normativa è anche prevista un’autorizzazione generale nazionale (italiana) per l’esportazione di beni verso alcuni paesi (es. Argentina e Corea del Sud).

Le procedure per attivare tale autorizzazione sono le medesime richieste per l’autorizzazione generale dell’UE.

Sanzioni

Il Dlgs 221/2017 ha avuto il pregio di riunire in un testo unico le sanzioni previste per la violazione di normative di controllo all’esportazione. Infatti, il suddetto decreto prevede un sistema sanzionatorio per la violazione della normativa relativa all’esportazione di merci a duplice uso, per l’esportazione di merci che possono essere utilizzate per la tortura e per l’esportazione di merci in violazione di misure restrittive verso altri paesi (cd embarghi).

Qualora si esportino prodotti definiti del Reg. 428/09 a duplice uso senza la prescritta autorizzazione si incorre nella sanzione penale prevista dall’art. 18 del Dlgs 221/17 ossia con la reclusione da due a sei anni o con la multa da 25.000 a 250.000 euro. Qualora si esporti senza osservare le prescrizioni previste nell’autorizzazione la sanzione prevista è la reclusione da 1 a 4 anni o la multa da 15.000 a 150.000.

In entrambi i casi è disposta la confisca delle merci oggetto dell’esportazione.

Identiche sanzioni sono previste per chi effettua esportazione di prodotti listati nel regolamento anti tortura e chi esporta merci listate in regolamenti relativi a misure restrittive disposte dall’Unione Europea.

Conclusioni 

Per quanto sopra, le aziende esportatrici di beni con possibile carattere duale dovrebbero svolgere un’analisi attenta dei propri prodotti e dell’eventuale corrispondenza degli stessi con quelli elencati nel Regolamento 428/2008.

La suddetta analisi deve essere effettuata per tutti i prodotti perché ve ne possono essere alcuni che, all’apparenza non sono a duplice uso ma che, in realtà, possono essere utilizzati in ambito bellico.

L’analisi va effettuata preventivamente rispetto alla conclusione dei contratti di vendita nei confronti dei clienti esteri, poiché l’eventuale procedimento autorizzativo potrebbe far ritardare anche di alcuni mesi il momento della spedizione costituendo possibile inadempienza contrattuale.

Qualora non si rispettassero le normative di controllo all’esportazione, anche per negligenza dell’operatore, si può incorrere in sanzioni gravose di natura penale.

Gli operatori devono rimanere aggiornati sulla tematica in quanto la stessa è in continua evoluzione. Infatti, circa ogni anno, viene aggiornato l’allegato I del Reg. 428/09 contenente le merci considerate a duplice uso. Inoltre è in previsione la riforma della normativa dual use che entrerà in vigore nel 2019 sostituendo il suddetto regolamento 428/09.

Andrea Toscano

Enrico Calcagnile 

Tag dell'informativa

Dogane
Procedura semplificata per il rilascio dei certificati di circolazione A.TR.
Procedura semplificata per il rilascio dei certificati di circolazione A.TR.
Il 26 maggio 2020 è stata pubblicata la Nota Prot. 151838/RU del 22 maggio, con la quale l’Agenzia delle Dogane - allo scopo di contrastare i rallentamenti burocratici e logistici causati dall’emergenza COVID-19 - ha fornito chiarimenti sulle procedure di rilascio dei certificati di circolazione A.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
AEO: nuovi processi di audit e oneri di automonitoraggio per le imprese
AEO: nuovi processi di audit e oneri di automonitoraggio per le imprese
Procedimenti amministrativi uniformati per le autorizzazioni AEO ed oneri di autovalutazione annuale per gli operatori qualificati affidabili dall’autorità doganale da consegnare il 31 luglio, a partire da quest’anno.
Obbligo di compilazione del campo 2 del DAU di importazione
Obbligo di compilazione del campo 2 del DAU di importazione
In Lombardia ed Emilia Romagna è stata posticipata al 31 luglio 2020 l’obbligatoria indicazione nel campo 2 del DAU di importazione del soggetto speditore/esportatore in vigore dal 5 maggio 2020 .  
Emergenza covid 19 - Agenzia delle dogane  soggetto attuatore
Emergenza covid 19 - Agenzia delle dogane soggetto attuatore
Con l’ordinanza n. 01/2020 il commissario straordinario per l’emergenza covid-19 ha nominato adm (agenzia delle dogane e dei monopoli) “soggetto attuatore” delle requisizioni dei presidi sanitari e medico-chirurgici nonché dei beni mobili di qualsiasi genere occorrenti per fronteggiare la situazione emergenziale in corso.
Dogane: gli ultimi interventi per frontaggiare l’emergenza sanitaria Covid-19
Dogane: gli ultimi interventi per frontaggiare l’emergenza sanitaria Covid-19
Pagamenti in dogana differiti, sospensione delle attività di riscossione e calendarizzazione delle verifiche e degli accertamenti per non gravare sugli operatori, sempre però in ossequio al principio per cui i dazi doganali, in quanto risorse proprie, non sono tributi disponibili.
Coronavirus: le misure aggiornate per gli operatori internazionali
Coronavirus: le misure aggiornate per gli operatori internazionali
Il quadro attuale del mondo imprenditoriale offre una continua successione di difficoltà, dalla interruzione totale o parziale di fabbriche e uffici, alle interruzioni delle differenti catene di approvvigionamento e dei trasporti, fino al blocco effettivo degli scambi commerciali in alcune aree del globo.
Il ruolo della voce doganale
Il ruolo della voce doganale
Con il termine voce doganale, nomenclatura combinata o custom tariff, si intende il codice numerico che dal punto di vista doganale identifica i beni oggetto della transazione sia intracomunitaria sia di importazione o di esportazione.
Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio
Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio
In linea con la politica sulla verifica della conformità dei prodotti, il 16 dicembre 2019 il Marocco ha implementato un controllo di conformità (programma VOC, Verification of Conformity), reso obbligatorio dal 1° febbraio 2020 per alcuni prodotti importati in Marocco.
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
La guida, realizzata da Unioncamere Lombardia, ha lo scopo di informare e fornire strumenti pratici alle imprese nell’ambito dell’origine preferenziale della merce.