Il nuovo Codice doganale UE: opportunità del cambiamento

di lettura

Le dinamiche del commercio internazionale sono mutate nel tempo e hanno reso necessari strumenti doganali semplici, efficaci e fruibili attraverso sistemi informatici, in modo da facilitare il movimento delle merci e ottimizzare la catena di approvvigionamento.

Il nuovo Codice doganale dell’Unione: cogliere le opportunità del cambiamento

Il Codice Doganale dell’Unione (CDU), ispirato da principi di facilitazione del commercio e di selettività nei controlli, si avvicina alle esigenze delle imprese con istituti all’avanguardia nel panorama internazionale, parte dei quali però non saranno applicabili da subito, ma servirà attendere l’adeguamento dei sistemi informatici per lo scambio di dati dogana-impresa e dogana.

Il nuovo quadro normativo delineato dal c.d. “pacchetto CDU”, applicato a decorrere dal 1° maggio 2016, comprende i seguenti regolamenti, già oggetto di alcune modifiche commentate nel prosieguo:

  • Reg. (UE) 952/2013 – Codice doganale dell’Unione (CDU), è l’atto normativo principale di riferimento;
  • Reg. (UE) 2015/2446 – Regolamento delegato (RD), prevede disposizioni per integrare o modificare determinati elementi non essenziali del CDU;
  • Reg. (UE) 2015/2447 – Regolamento di esecuzione (RE), garantisce condizioni uniformi di attuazione delle nuove norme introdotte;
  • Reg. (UE) 2016/341 – Regolamento delegato transitorio (RDT), integra il CDU per quanto riguarda le norme transitorie relative a talune disposizioni nei casi in cui i pertinenti sistemi elettronici non siano ancora operativi.

Nel CDU viene ancor di più sottolineato il ruolo dell’operatore AEO, soggetto che riscuote la fiducia dell’amministrazione doganale e può accedere agevolmente alle semplificazioni previste dal codice; tale soggetto, considerato virtuoso e cooperativo, è inoltre sottoposto a minori controlli fisici e documentali e di conseguenza vede ridursi i costi di supply chain.

La guida, redatta su commissione di Unioncamere Lombardia dal Dott. Pier Paolo Ghetti, espone in maniera sintetica le principali novità costituendo un primo riferimento per le imprese che vogliano valutare gli impatti del nuovo codice e considerare le opportunità ad esso connesse.

Dogane
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
La responsabilità dell’impresa ai sensi del dlgs. n. 231/01 ricorre ora anche nei casi di reato di contrabbando.
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Con l’accordo di libero scambio sottoscritto da Ue e Uk, le merci di origine preferenziale, come tali correttamente auto-dichiarate dagli esportatori, beneficiano degli effetti dell’area di libero scambio con dazi di import zero.
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Dal 1 gennaio 2021 il Regno Unito non più parte del mercato unico e ha  lasciato l'unione doganale UE insieme a tutte le politiche dell'Unione europea e agli accordi internazionali. 
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Le competenze in materia di prodotti e tecnologie a duplice uso sono passate in capo all’Autorità nazionale UAMA (Unità per le autorizzazioni dei materiali di armamento).
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
Il 18 dicembre 2020 è stata pubblicata la circolare 49/2020 in vista della Brexit su “ufficio doganale territorialmente competente” e altre semplificazioni per gli operatori economici.
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
L’art. 154 del Codice Doganale dell’Unione stabilisce che, tutte le merci in libera pratica nell’Unione, che godono dello status di merci unionali,  perdono detta posizione doganale qualora escano in esportazione dal territorio doganale della UE.
Indicazione obbligatoria dell’origine in etichetta dei prodotti alimentari
Indicazione obbligatoria dell’origine in etichetta dei prodotti alimentari
A partire dal 1° aprile 2020 è obbligatorio e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri il Regolamento UE 775/2018 sull’indicazione del paese di origine o del luogo di provenienza dell’ingrediente primario di un alimento.
Guida alla classificazione tariffaria
Guida alla classificazione tariffaria
Scarica la “Guida pratica alla classificazione tariffaria” predisposta a novembre 2020 da Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia.
Versione 2021 della Nomenclatura Combinata
Versione 2021 della Nomenclatura Combinata
Il 30 ottobre 2020, la Commissione Europea ha pubblicato, con il Regolamento di esecuzione (UE) 2020/1577 , l’ultima versione della Nomenclatura Combinata (NC) applicabile dal 1° gennaio 2021.
Esportare formaggi stagionati in Giappone
Esportare formaggi stagionati in Giappone
La scheda rappresenta uno strumento di valutazione delle opportunità e delle condizioni tecnico operative necessarie a esportare formaggi stagionati in Giappone.