Aumenta la tassazione per le aziende straniere che vendono servizi in India

di lettura

Il Governo indiano ha recentemente approvato una nuova disposizione in materia tributaria aumentando, dal 1° aprile 2013, l’aliquota della TDS (Tax Deducted at Source, ovvero la ritenuta alla fonte) per le prestazioni di servizi tecnici e di royalty ad aziende in India.

Image

La tassazione, secondo la nuova direttiva di New Delhi, passa dunque dal 10% al 25%; tuttavia, dal momento che Italia e India hanno stipulato un accordo contro la doppia imposizione fiscale che prevedeva un limite del 20%, la TDS per le nostre imprese sarà del 20% e il cliente indiano cui sarà inviata la fattura, dovrà trattenere tale cifra.

Si reputa opportuna una precisazione: l’aliquota al 20% sarà solo per le aziende che saranno in possesso del PAN (Permanent Account Number, ovvero il codice che viene rilasciato dal Governo indiano su apposita richiesta delle imprese estere per poter operare in India) e che presenteranno regolarmente il Form 10 e TRC – Tax Residency Certificate. In caso contrario la tassazione sarà del 25%.

Alessandro Fichera

Tag dell'informativa

Fiscalità
Stabile organizzazione ai fini Iva
Stabile organizzazione ai fini Iva
La stabile organizzazione è una elaborazione del diritto tributario, svincolata da altri istituti di matrice civilistica, caratterizzata da molte incertezze ascrivibili soprattutto alla scelta del legislatore unionale di non introdurre una sua puntuale definizione.
Emirati Arabi Uniti: nuova imposta sul reddito delle società
Emirati Arabi Uniti: nuova imposta sul reddito delle società
Il 31 gennaio 2022 il Ministero delle Finanze degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato che verrà istituito un regime fiscale federale per le imprese. Entro breve verrà emessa una legge federale che disciplinerà l'imposta sulle società (Corporate Tax Law).
Iva all’importazione non detraibile per i soggetti non proprietari dei beni
Iva all’importazione non detraibile per i soggetti non proprietari dei beni
Novità per perfezionamenti e lavorazioni a seguito della recente giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Ue (causa c-621/19).
Riforma accise, plastic tax, CBAM: dal 2022 inizia la tassazione ambientale
Riforma accise, plastic tax, CBAM: dal 2022 inizia la tassazione ambientale
Il futuro della tassazione indiretta è sempre più orientato verso l’applicazione di meccanismi premiali per i beni poco inquinanti e, di contro, per l’imposizione di meccanismi disincentivanti fondati sulla leva fiscale.
Rimborso IVA UE
Procedura di Rimborso Iva Ue
Per chiedere a un altro Stato comunitario il rimborso dell’Iva pagata sugli acquisti di beni e servizi effettuati nel 2020 nell’esercizio di attività economica, il contribuente italiano deve presentare domanda di rimborso, entro il 30 settembre, all’Agenzia delle Entrate.
Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
Il DM 21 giugno 2021 (in Gazzetta Ufficiale 15 luglio 2021, n. 168), da attuazione alle disposizioni dell'articolo 12 del decreto-legge n.
E-commerce – importazioni
E-commerce – importazioni
Dal primo luglio 2021 sono intervenute importanti modifiche alle importazioni effettuate attraverso l’e-commerce. Forniamo alcuni chiarimenti sul nuovo sistema.
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
La sugar tax, imposta gravante sulla vendita di bevande edulcorate, entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Dal 1° luglio 2021, si applicherà una nuova disciplina, per le vendite on line nei confronti dei consumatori finali, ai fini Iva.
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
A decorrere dal 1° luglio 2021, nel comparto del commercio elettronico indiretto, avverrà una vera e propria rivoluzione ai fini Iva.