IVA - Vat News: le novità di dicembre

di lettura

Novità IVA in Grecia, Spagna, Polonia sono solo alcune delle news presenti nell’edizione di dicembre della pubblicazione periodica di Unioncamere lombardia sulle novità fiscali dal mondo.

IVA - Vat News: le novità di dicembre

Spagna: dichiarazione IVA precompilata

Dal 2020 la Spagna avvierà un progetto pilota per fornire le dichiarazioni IVA precompilata alle aziende che hanno aderito al Regime di segnalazione delle fatture - SII (Suministro Inmediato de Información). In maniera analoga al sistema Italiano (dal 2020) e francese (dal 2023) i contribuenti potranno confermare od integrare quanto ricevuto dall’Agenzia delle entrate.

Grecia: IVA agevolata per le isole

La Grecia ha rinnovato sino al 31 dicembre 2020 la riduzione del 30% delle aliquote IVA applicate nel territorio di cinque isole: nuovamente esteso le aliquote IVA scontate per cinque isole: Chios; Kos; Leros; Lesbo e Somos. Il provvedimento era stato introdotto per compensare i costi sostenuti da questi territori dovuti ai flussi migratori.

Polonia: imposta al dettaglio

La nuova imposta al dettaglio a causa del contenzioso con l’Unione Europea è stata posticipata al 1 luglio 2020. La proposta prevede un'imposta mensile sulla cifra d'affari in cui il reddito supera i 17 milioni di zloty. Nel 2016 la Commissione europea ha contestato questa struttura in quanto ha ripercussioni negative sui rivenditori stranieri e rappresentando aiuti di Stato per le imprese nazionali.

Kazakistan: IVA sui servizi elettronici

Il Kazakistan ha posticipato al 1 ° gennaio 2021 (inizialmente prevista per il 2020) l’introduzione dell’IVA sui servizi elettronici resi da soggetti stranieri. Con l’entrata in vigore di tale provvedimento gli operatori stranieri saranno costretti ad ottenere un a partita IVA nel paese. I servizi imponibili interessati comprendono: software fornito su Internet, pubblicità online, pubblicare annunci per beni o servizi; servizi di dati per i clienti, archiviazione di dati online, download di media; e-book, e servizi web.

Moldavia: IVA sui servizi elettronici

Dal 1 gennaio 2020 i fornitori stranieri di servizi elettronici saranno obbligati ad ottenere una partita IVA per fornire servizi elettronici a consumatori moldavi. A tale servizi verrà applicata IVA del 20%.

Unione Europea: novità IVA 2020

Con decorrenza 1 gennaio 2020 in tutti i paesi della UE (Italia compresa) entreranno in vigore le cosiddette “Quick Fixes” dell’IVA. Le soluzioni rapide sono state definite per adeguare alcune delle norme dell’UE sull’IVA per risolvere quattro importanti questioni specifiche in attesa dell’introduzione di un nuovo sistema dell’IVA, relative a:

  • regime di call-off stock. Nello specifico si prevede un trattamento semplificato e uniforme delle disposizioni relative al call-off stock nel caso in cui un venditore trasferisca lo stock di beni presso un deposito a disposizione di un acquirente conosciuto situato in un altro Stato membro;
  • numero di identificazione IVA. Il numero di identificazione del cliente diventerà una condizione aggiuntiva per beneficiare di un’esenzione IVA in relazione a una cessione di beni intra-UE;
  • operazioni a catena;
  • prova della cessione intra-UE. È stabilito un quadro comune per le prove documentali necessarie per chiedere un’esenzione IVA per le cessioni intra-UE.

Gian Luca Giussani

Vuoi approfondire le notizie? Hai dei quesiti da sottoporre? Necessiti di informazioni IVA per qualsiasi Paese del mondo ? Clicca qui e seleziona Fiscalità internazionale - Assistenza Unioncamere e poni un quesito su Esperto risponde di Lombardiapoint scrivendo alla c.a. del Dr. Giussani.

Fiscalità
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
A decorrere dal 1° luglio 2021, nel comparto del commercio elettronico indiretto, avverrà una vera e propria rivoluzione ai fini Iva.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
Il 2021 sarà foriero di novità importanti in ambito iva e dogane, con alcune semplificazioni che agevoleranno le piccole e medie imprese nell’accesso all’e-commerce.
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Dal 1° gennaio 2021 il Regno Unito non è più parte del territorio doganale e fiscale (IVA e accise) dell'Unione Europea.
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Secondo l’Agenzia delle Entrate (risposta n. 580 del 10 dicembre 2020) è salvaguardato il regime di non imponibilità previsto dall’articolo 8, c. 1, lett.
VAT News: speciale commercio elettronico
VAT News: speciale commercio elettronico
Modifiche nel Regno Unito alle norme IVA sul commercio elettronico dal 1° gennaio 2021 e aggiornamenti sulla Digital Services Tax, imposta indiretta sulle vendite derivanti dal commercio elettronico e dai servizi digitali delle multinazionali internazionali.
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
La maggior parte dei paesi ha introdotto agevolazioni IVA per sostenere le imprese e i consumatori durante la crisi pandemica.
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Dopo la recente entrata in vigore delle due discusse imposte procediamo a una rassegna normativa, in attesa dell’adozione dei Decreti attuativi del Ministero dell’Economica, per la sugar tax, e dell’Agenzia Dogane Monopoli, per la plastic tax.
VAT - News: Speciale Brexit
VAT - News: Speciale Brexit
Le novità IVA in Irlanda del Nord, Gran Bretagna e Regno Unito.
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito della pandemia, in: Turchia, Canada, Bulgaria, Portogallo, Croazia e Grecia.