IVA - Vat News: le novità di settembre

di lettura

Novità IVA in Germania, Francia, Stati Uniti e Romania sono solo alcune delle news presenti nell’edizione di settembre della pubblicazione periodica di Unioncamere Lombardia sulle novità fiscali dal mondo per le aziende lombarde.

Image

Germania: Iva Ecommerce

Dal 1° ottobre 2019 nuovi obblighi per il commercio elettronico svolto da soggetti stranieri mediante marketplace (Amazon, ecc.). I commercianti online della UE che vendono ai consumatori tedeschi devono fornire a tutte le piattaforme in cui sono attivi un certificato IVA (Bescheinigungen nach  22f UStG) rilasciato dall'ufficio delle imposte tedesco. Tale obbligo è gia in vigore dallo scorso marzo per tutti gli operatori extra UE.
Si ricorda che gli operatori UE (italiani) con un volume d’affari in Germania superiore ai 100.000 euro sono obbligati ad avere una partita IVA in Germania.
L’ufficio Iva mediante il modello Ust TJ acquisisce i dettagli del venditore: attività commerciale; Partita IVA; eventuali dettagli del consulente fiscale: agente autorizzato designato (venditori extra UE); ecc.

Francia: Iva Ecommerce

Anche la Francia vuole introdurre a far data gennaio 2020 nuovi obblighi IVA per gli operatori del commercio elettronico. In maniera analoga alla Germania e ad altri paesi UE vuole introdurre certificati di regolarità IVA (verifica della correttezza degli adempimenti per tutti coloro che vendono online a consumatori privati francesi) e rendicontazione periodica da parte di tutti i marketplace sulle attività svolte attraverso la piattaforma.

Stati Uniti: Iva Ecommerce

Dal 1° Ottobre molti Stati introdurranno obblighi fiscali relativi all’applicazione della sales tax per gli operatori stranieri che svolgono commercio elettronico attraverso piattaforma, marketplace. In particolare importanti Stati come Arizona, Kansas, Maryland, Massachusetts, Minnesota, Tennessee e Texas dal prossimo mese introdurranno obblighi fiscali basati sulla regola del “nexus”.

Nigeria: Iva Ecommerce

Dal 1 Gennaio 2020 la Nigeria ha deciso di applicare IVA del 5% sulla transazioni commerciali on-line degli operatori stranieri. L’IVA in oggetto verrà riscossa all’atto del pagamento trattenendo il 5% sul totale pagato (tale sistema simile applicazione delle ritenute è applicato anche in Argentina).

Romania: Obblighi dichiarativi

La Romania ha deciso di introdurre dal gennaio 2020 e per i grandi contribuenti IVA gli obblighi dichiarativi SAF-T (Standard Audit File for Tax). Tale obbligo dovrebbe venire esteso entro il 2021 a tutti i soggetti passivi IVA rumeni.
LA dichiarazione SAF-T è parte di un progetto OCSE del 2005 che ha come obiettivo l’introduzione di uno schema standard per lo scambio di dati fiscali tra le autorità fiscali e le imprese di tutto il mondo. È già in atto in nove paesi europei su base volontaria. La Polonia è l'unico paese ad oggi che prevede un obbligo dichiarativo mensile. L'Ungheria prevede di introdurre la dichiarazione SAF-T nel 2021.

Arabia Saudita: Iva

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha raccomandato all'Arabia Saudita di raddoppiare l'aliquota IVA dal 5% al 10% a causa dei continui bassi prezzi del petrolio e dell’elevato debito del paese. L'Arabia Saudita ha introdotto l'IVA nel 2018. Lo ha fatto a seguito dell'accordo nel 2017 con gli altri cinque membri del Consiglio di cooperazione del Golfo arabo per attuare un'Unione IVA armonizzata. Ad oggi, solo l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein hanno introdotto l’ IVA . Il Bahrain, Qatar e il Kuwait sono in attesa di applicazione.

Gian Luca Giussani

Vuoi approfondire le notizie? Hai dei quesiti da sottoporre? Clicca qui  e seleziona Fiscalità internazionale - Assistenza Unioncamere e poni un quesito su Esperto risponde di Lombardiapoint  scrivendo alla c.a. del Dr. Giussani.

Fiscalità
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
La sugar tax, imposta gravante sulla vendita di bevande edulcorate, entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Dal 1° luglio 2021, si applicherà una nuova disciplina, per le vendite on line nei confronti dei consumatori finali, ai fini Iva.
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
A decorrere dal 1° luglio 2021, nel comparto del commercio elettronico indiretto, avverrà una vera e propria rivoluzione ai fini Iva.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
Il 2021 sarà foriero di novità importanti in ambito iva e dogane, con alcune semplificazioni che agevoleranno le piccole e medie imprese nell’accesso all’e-commerce.
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Dal 1° gennaio 2021 il Regno Unito non è più parte del territorio doganale e fiscale (IVA e accise) dell'Unione Europea.
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Secondo l’Agenzia delle Entrate (risposta n. 580 del 10 dicembre 2020) è salvaguardato il regime di non imponibilità previsto dall’articolo 8, c. 1, lett.
VAT News: speciale commercio elettronico
VAT News: speciale commercio elettronico
Modifiche nel Regno Unito alle norme IVA sul commercio elettronico dal 1° gennaio 2021 e aggiornamenti sulla Digital Services Tax, imposta indiretta sulle vendite derivanti dal commercio elettronico e dai servizi digitali delle multinazionali internazionali.
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
La maggior parte dei paesi ha introdotto agevolazioni IVA per sostenere le imprese e i consumatori durante la crisi pandemica.
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Dopo la recente entrata in vigore delle due discusse imposte procediamo a una rassegna normativa, in attesa dell’adozione dei Decreti attuativi del Ministero dell’Economica, per la sugar tax, e dell’Agenzia Dogane Monopoli, per la plastic tax.