Prestazioni di servizio in ambito internazionale: Guida pratica

di lettura

Le prestazioni di servizi, negli ultimi anni, si stanno evolvendo e soprattutto si stanno orientando verso mercati internazionali. Tutto ciò avviene anche grazie alla presenza di numerose piattaforme Web che sono in grado di mettere in contatto aziende e professionisti di ogni parte del mondo per commissionare prestazioni e collaborazioni. Unioncamere Lombardia, nell'ambito del progetto Lombardiapoint, ha realizzato una guida per aiutare le aziende a districarsi nell'applicazione dele normative fiscali in questa complessa materia.

Image

Nella guida è, infatti, esaminata la disciplina relativa alla territorialità ai fini IVA delle prestazioni di servizi: in un'economia sempre più digitalizzata il concetto di territorialità, così come da noi conosciuto, viene messo quotidianamente a dura prova, in relazione ad operazioni transnazionali che per loro natura prescindono da un territorio.

La normativa in tema di territorialità delle prestazioni di servizi resi o ricevuti da operatori UE o extra-UE è stata radicalmente modificata a decorrere dall’01.01.2010 dal D.Lgs. n. 18/2010 che ha recepito la Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE. Obiettivo principale della riforma era quello di fissare come luogo di tassazione a fini Iva quello ove avveniva effettivamente il consumo del servizio: il Legislatore nazionale ha così modificato il vecchio art.7 del DPR 633/1972 introducendo, per le prestazioni di servizi, i nuovi articoli da 7-ter a 7-septies.

In particolare, l’art. 7-ter fissa la regola generale o standard per determinare il luogo di tassazione delle prestazioni di servizi. I successivi articoli (da 7-quater a 7-septies) forniscono un’elencazione dettagliata dei servizi in deroga a cui vanno applicate regole particolari.

Rilevante per individuare la territorialità ai fini Iva della prestazione di servizi è lo “status” del committente.  Il regolamento 282/2011 fornisce dei criteri per distinguere il committente “business” (soggetto passivo) rispetto al committente “consumer” (privato).  Tale indagine, infatti, è certamente decisiva per individuare correttamente il luogo di tassazione ai fini Iva delle prestazioni di servizi “generiche” di cui all’art. 7-ter del DPR 633/72.

In ordine temporale, le ultime novità in merito alla territorialità ai fini Iva delle prestazioni di servizi, hanno riguardato le prestazioni di servizi elettronici rese nei confronti di soggetti privati, con l’introduzione del nuovo regime speciale Iva, Mini One Stop Shop (c.d. Moss) e le prestazioni di servizi su beni immobili a decorrere dal 1° gennaio 2017.

All’interno della guida verrà inoltre posta attenzione ai servizi internazionali e quelli connessi agli scambi internazionali, enunciati dall’art. 9 DPR 633/72, che, quando territorialmente rilevanti ai fini IVA, in Italia beneficiano del regime di “non imponibilità” essendo prestazioni collegate ad operazioni con l’estero.

In particolare l’art. 9 sarà analizzato alla luce delle disposizioni che dal 2010 fissano i nuovi criteri della territorialità a seguito delle modifiche sopra enunciate apportate dal D.Lgs. 11 febbraio 2010, n. 18. In relazione alle criticità associate alle suddette operazioni internazionali, gli operatori necessitano di indicazioni utili per potersi districare dalle insidie, insite in una normativa particolarmente complessa.

Oltre alla spiegazione delle normative sono presenti nella guida una serie di esemplificazioni pratiche ed approfondimenti.

Scarica la guida completa

Alberto Perani

Fiscalità
Rimborso IVA UE
Procedura di Rimborso Iva Ue
Per chiedere a un altro Stato comunitario il rimborso dell’Iva pagata sugli acquisti di beni e servizi effettuati nel 2020 nell’esercizio di attività economica, il contribuente italiano deve presentare domanda di rimborso, entro il 30 settembre, all’Agenzia delle Entrate.
Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
Il DM 21 giugno 2021 (in Gazzetta Ufficiale 15 luglio 2021, n. 168), da attuazione alle disposizioni dell'articolo 12 del decreto-legge n.
E-commerce – importazioni
E-commerce – importazioni
Dal primo luglio 2021 sono intervenute importanti modifiche alle importazioni effettuate attraverso l’e-commerce. Forniamo alcuni chiarimenti sul nuovo sistema.
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
La sugar tax, imposta gravante sulla vendita di bevande edulcorate, entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Dal 1° luglio 2021, si applicherà una nuova disciplina, per le vendite on line nei confronti dei consumatori finali, ai fini Iva.
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
A decorrere dal 1° luglio 2021, nel comparto del commercio elettronico indiretto, avverrà una vera e propria rivoluzione ai fini Iva.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
Il 2021 sarà foriero di novità importanti in ambito iva e dogane, con alcune semplificazioni che agevoleranno le piccole e medie imprese nell’accesso all’e-commerce.
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Dal 1° gennaio 2021 il Regno Unito non è più parte del territorio doganale e fiscale (IVA e accise) dell'Unione Europea.
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Secondo l’Agenzia delle Entrate (risposta n. 580 del 10 dicembre 2020) è salvaguardato il regime di non imponibilità previsto dall’articolo 8, c. 1, lett.