Svizzera: La riforma del sistema Iva

di lettura

Il 1° gennaio 2018 è entrata in vigore la riforma del sistema della fiscalità indiretta Iva, andando ad incidere in maniera considerevole sugli adempimenti per le imprese italiane che operano in Svizzera. Anche nell’ambito della fiscalità diretta–imposte sul reddito sono in atto profondi cambiamenti legati principalmente all’obiettivo di rendere maggiormente attrattiva la Svizzera nell’ambito della competizione fiscale mondiale.

Image

Dal 1 gennaio 2018 tutte le imprese estere che effettuano prestazioni su territorio Svizzero sono obbligate a registrarsi come contribuenti Iva in Svizzera. Inoltre, sempre da quella data, l’aliquota Iva ordinaria Svizzera è passata dall’8% al 7,7%, in quanto è stata ridotta di 0,4 punti percentuali – prima previsti per il finanziamento aggiuntivo dell’assicurazione invalidità – e aumentata di 0,1 punti percentuali – per finanziare e ampliare l’infrastruttura ferroviaria.

Per quanto concerne l’assoggettamento obbligatorio delle imprese, è diventata determinante la cifra d’affari (volume d’affari) realizzata dall’azienda stessa a livello mondiale e non più soltanto quella conseguita sul territorio svizzero, ragione per cui numerose società con sede all’estero sono state costrette ad iscriversi nel registro dei contribuenti Iva in Svizzera. 

Nello specifico è dunque assoggettato all’imposta chiunque, a prescindere da forma giuridica, scopo e fine di lucro, eserciti un’impresa e con questa esegua prestazioni o abbia sede, domicilio o stabilimento sul territorio svizzero con un volume d’affari complessivo (worldwide) superiore a 100.000 franchi.

Sono inoltre soggette ad Iva tutte le importazioni in Svizzera di beni, così come le prestazioni di servizi rese da soggetti esteri nei confronti di soggetti committenti privati svizzeri qualora l’importo superi i 10.000 franchi per anno.
I soggetti non residenti che effettuano esclusivamente prestazioni di servizi soggette all’imposta sull’acquisto (reverse charge) in Svizzera sono esonerati dall’obbligo di registrazione, indipendentemente dal volume d’affari ottenuto. Per “prestazioni” si intendono, in estrema sintesi, le forniture di beni e le prestazioni di servizi. Si ricorda che i contratti di appalto sono considerati forniture su territorio svizzero.

Dal 1 Gennaio 2019 dovrà registrarsi come contribuente Iva chiunque fornisca dall’estero in territorio svizzero beni di modico valore, la cui importazione è esente Iva in virtù del fatto che l’ammontare dell’Iva sull’importazione risulta inferiore a 5 franchisvizzeri, per un totale cumulato nell’anno di almeno 100.000 franchi. nell’ambito delle vendite a distanza (commercio elettronico e-commerce) la revisione parziale della Legge Iva intende parificare le imprese estere con quelle con sede in territorio svizzero.

Attualmente le forniture di beni effettuate da venditori per corrispondenza verso il territorio svizzero soggiacciono all’imposta sull’importazione.

L’Amministrazione federale delle dogane rinuncia alla riscossione dell’imposta sull’importazione su singole forniture di beni il cui ammontare d’imposta non supera 5 franchi svizzeri. Tale ammontare corrisponde al valore merce (comprese le spese di spedizione) di circa 65 franchi per beni imponibili all’aliquota normale e di 200 franchi per beni imponibili all’aliquota ridotta del 2,5% (esempio: libri, riviste o generi alimentari).
Per diventare soggetti d’imposta svizzeri, cioè per ottenere una partita Iva in Svizzera, le imprese estere devono nominare un rappresentante fiscale svizzero ossia dare procura scritta ad una persona fisica o giuridica con domicilio o sede sociale in Svizzera. E’ anche necessario fornire o depositare a garanzia presso le autorità fiscali (Afc) un importo pari al 3% del volume d’affari con un minimo di 2.000 franchi.

Gli adempimenti periodici prevedono la liquidazione su base trimestrale secondo quanto risulta dai documenti contabili/fatture. I versamenti devono essere effettuati entro 60 giorni dalla scadenza del rispettivo trimestre. L’Afc rimborsa l’eventuale credito Iva entro 60 giorni dalla presentazione della dichiarazione trimestrale.
A partire dal 61° giorno si applicano gli interessi di mora o attivi, a seconda del caso, per eventuali ritardati versamenti o rimborsi del credito vantato. A differenza dell’Italia il rappresentante fiscale non assume l’obbligo solidale del debito fiscale.

Gian Luca Giussani

Tag dell'informativa

Fiscalità
Rimborso IVA UE
Procedura di Rimborso Iva Ue
Per chiedere a un altro Stato comunitario il rimborso dell’Iva pagata sugli acquisti di beni e servizi effettuati nel 2020 nell’esercizio di attività economica, il contribuente italiano deve presentare domanda di rimborso, entro il 30 settembre, all’Agenzia delle Entrate.
Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
Il DM 21 giugno 2021 (in Gazzetta Ufficiale 15 luglio 2021, n. 168), da attuazione alle disposizioni dell'articolo 12 del decreto-legge n.
E-commerce – importazioni
E-commerce – importazioni
Dal primo luglio 2021 sono intervenute importanti modifiche alle importazioni effettuate attraverso l’e-commerce. Forniamo alcuni chiarimenti sul nuovo sistema.
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
La sugar tax, imposta gravante sulla vendita di bevande edulcorate, entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Dal 1° luglio 2021, si applicherà una nuova disciplina, per le vendite on line nei confronti dei consumatori finali, ai fini Iva.
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
A decorrere dal 1° luglio 2021, nel comparto del commercio elettronico indiretto, avverrà una vera e propria rivoluzione ai fini Iva.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
Il 2021 sarà foriero di novità importanti in ambito iva e dogane, con alcune semplificazioni che agevoleranno le piccole e medie imprese nell’accesso all’e-commerce.
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Dal 1° gennaio 2021 il Regno Unito non è più parte del territorio doganale e fiscale (IVA e accise) dell'Unione Europea.
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Secondo l’Agenzia delle Entrate (risposta n. 580 del 10 dicembre 2020) è salvaguardato il regime di non imponibilità previsto dall’articolo 8, c. 1, lett.