Ungheria: un sistema fiscale innovativo e di vantaggio per attrarre investitori esteri

di lettura

L’Ungheria, insieme ad altri paesi della Ue (Lussemburgo, Belgio, Olanda, Malta, Cipro e Irlanda), ha implementato un sistema fiscale innovativo in grado di attrarre anche gli investitori stranieri. Puntando su una tassazione dei redditi di forte vantaggio (9% per le società e 15% per le persone fisiche) negli ultimi anni il paese è riuscito a stimolare la crescita economica anche se è stato più volte richiamato dalla Commissione Europea proprio per le sue strategie di pianificazione fiscale giudicate aggressive.

Ungheria: un sistema fiscale innovativo e di vantaggio per attrarre investitori esteri

Per bilanciare la bassa imposizione fiscale su imprese e persone fisiche, l’Ungheria ha scelto di aumentare le imposte sui consumi. L’Iva è generalmente al 27% anche se esistono aliquote al 18% e al 5%. Sempre in tema di imposte sul reddito il paese non solo ha puntato sulle aliquote ridotte ma ha introdotto regime agevolativi e di vantaggio/forfettari molto attraenti per piccole imprese e professionisti. Per incentivare investimenti in ricerca e sviluppo sono stati introdotti ulteriori sconti d’imposta (dimezzamento delle già basse aliquote) e tax ruling con l’agenzia fiscale (Ntca - National Tax and Customs Administration).

Imposta sul reddito delle società (társasági adó)

Tutte le società residenti e costituite in Ungheria (società di persone e di capitale) sono soggette all’imposta sul reddito delle società. Le società non residenti sono tassabili solo sui redditi derivati da attività svolte in Ungheria per il tramite di una stabile organizzazione. L’aliquota d’imposta prevista è pari al 9%.
Il sistema fiscale non prevede l’applicazione di ritenute alla fonte (withholding tax) sui pagamenti di dividendi, interessi e royalty in uscita.

Regimi di vantaggio e flat

Negli ultimi anni sono stati introdotti numerosi regimi agevolativi e di vantaggio per le piccole e medie imprese e per i professionisti:

Eva, regime d’imposta semplificato (in vigore sino al 31/12/2019)

Il regime, applicabile alle aziende il cui fatturato annuo non supera i 30 milioni di huf (circa 90mila euro), prevede l’applicazione di un’aliquota unica del 37% sul totale volume d’affari dell’azienda, rettificato per alcuni elementi.

Kiva, imposta sulle piccole imprese  

Le società a responsabilità limitata con un unico socio, le cooperative e gli operatori stranieri con una stabile organizzazione in Ungheria possono optare per il regime fiscale agevolato denominato Kiva. Per essere ammessi a tale regime occorre rispettare, tra gli altri, i seguenti criteri: il numero medio di dipendenti durante l’anno non deve superare 25; il fatturato e il totale attivo di bilancio deve essere inferiore a 500 milioni di fiorini (circa 1,5 milioni di Euro). L’aliquota fiscale Kiva è pari al 13% calcolata sulla differenza tra le attività liquide dell’esercizio corrente e dell’anno precedente, rettificato per i costi del personale e alcuni altri costi. La base imponibile così ricavata non può essere inferiore al costo del personale.

Kata, imposta forfettaria per le piccole imprese

Il regime agevolato prevede il pagamento di un’imposta forfettaria di 50mila huf (circa 150 euro) al mese per ciascun dipendente assunto a tempo pieno (o, facoltativamente, 75mila huf - 225 euro per avere una maggiore copertura previdenziale) e huf 25mila (75 euro) per ciascun lavoratore part-time (impiegati per meno di 36 ore settimanali, pensionati, dipendenti qualificati assicurati all’estero, imprenditori che svolgono attività non ausiliarie in un’altra impresa). Laddove il fatturato annuo del soggetto superi i 12 milioni di huf (36.000 euro), viene riscossa un’imposta aggiuntiva pari al 40% del fatturato in eccesso. 

Imposta sul reddito delle persone fisiche (személy jövedelemadó)  

Il reddito delle persone fisiche normalmente è assoggettato a imposta con aliquota pari al 15%. Per attenuare l’imposizione dei lavoratori dipendenti si è diffuso il sistema di remunerazione con fringe benefit e welfare aziendale comunemente definiti “cafeteria elements”.

Imposta sul valore aggiunto (általános forgalmi adó) 

Come già ricordato l’Ungheria ha barattato una bassa imposizione dei redditi con una alta tassazione indiretta sui consumi. In particolare l’aliquota Iva risulta la più alta della Ue con un’aliquota ordinaria pari al 27%. Sono previste due aliquote ridotte pari al 18% (hotel, cibo, servizi culturali, ecc.) e al 5% (farmaci, libri, ecc.). 

Gian Luca Giussani 

Tag dell'informativa

Fiscalità
VAT - News: Speciale Brexit
VAT - News: Speciale Brexit
Le novità IVA in Irlanda del Nord, Gran Bretagna e Regno Unito.
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito della pandemia, in: Turchia, Canada, Bulgaria, Portogallo, Croazia e Grecia.
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Il Consiglio europeo il 4 dicembre 2018 ha adottato alcune misure applicabili dal 1° Gennaio 2020, le c.d. Vat quick fixes.
Base imponibile comune a livello UE
Base imponibile comune a livello UE
Per finanziare la ripresa post pandemia, a fine maggio la Commissione Europea ha presentato la base imponibile comune consolidata per l’imposta sulle società che potrebbe mettere fine alle storture economiche e fiscali dell’Unione Europea.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Unioncamere Lombardia ha realizzato una nuova guida pratica sulle operazioni triangolari e sulle “transazioni a catena” a cui partecipano più di tre operatori, dislocati in più Stati (quadrangolazioni).
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Dopo la crisi sanitaria, molte aziende chiudendo i conti relativi al periodo d’imposta 2019, ragionano sull’istituire nel bilancio d’esercizio un accantonamento per le conseguenze legate alla pandemia Covid-19.
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Con la circolare n. 12/E del 12 maggio 2020, l’Agenzia delle Entrate torna a occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie, per chiarire la portata applicativa del Reg. Ue n. 282 del 2011, introdotto dal Reg. Ue n.
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Con la risposta all’istanza di interpello n. 117, pubblicata il 23 aprile 2020, l’Agenzia delle entrate torna ad occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie il cui trasporto viene effettuato a cura, o a nome dell’acquirente.
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
L’Agenzia delle Entrate ha fornito risposta a un interpello inerente alle nuove prove di avvenuta consegna intracomunitaria, ponendosi come obiettivo quello di semplificare il complesso sistema probatorio fornito dal Regolamento comunitario in vigore dal 1° gennaio 2020.